Tendinite al Polso

Generalità

La tendinite al polso è il processo infiammatorio, talvolta a carattere degenerativo, che ha per oggetto i tendini passanti per il polso e/o le loro guaine sinoviali.
Tendinite al PolsoIn genere, gli episodi di tendinite al polso hanno un'origine multifattoriale, cioè dipendono da più cause; tra queste, rientrano: una certa predisposizione anatomica del polso all'infiammazione dei tendini che lo attraversano, la continua ripetizione di alcuni specifici movimenti della mano o delle dita, la presenza di una malattia reumatica, i sovraccarichi funzionali improvvisi e la pratica di lavori molto stressanti per le mani e le loro articolazioni.
La tendinite al polso causa, principalmente, dolore; l'entità della sensazione dolorosa è in relazione alla gravità dell'infiammazione: più grave è quest'ultima, più dolente è il polso.
Per una diagnosi corretta di tendinite al polso e per l'individuazione precisa delle cause scatenanti, sono spesso sufficienti l'esame obiettivo e l'anamnesi.
Il trattamento di prima linea è di tipo conservativo e consiste in: riposo del polso dolente da qualsiasi attività che comporti dolore, applicazione di ghiaccio più volte al giorno, assunzione di farmaci antinfiammatori e impiego di un tutore.
Se il trattamento di prima linea risulta inefficace, è necessario ricorrere alla chirurgia.

Breve ripasso anatomico del polso e dei suoi tendini

Il polso è la regione pari del corpo umano, che segna la fine dell'avambraccio e l'inizio della mano.Polso
Le ossa protagoniste della struttura scheletrica del polso sono le 8 ossa carpali - il cui insieme totale prende il nome anatomico di carpo - e il radio con la sua estremità distale.
Il polso è sede di un importante articolazione del corpo umano - la cosiddetta articolazione del polso - dalla quale dipende la funzionalità motoria della mano.

TENDINI DEL POLSO

Un tendine è un fascia di tessuto connettivo fibroso, dotata di una certa flessibilità, che unisce un muscolo scheletrico a un osso.
A livello del polso, transitano i tendini dei muscoli estensori e dei muscoli flessori delle dita della mano.

Avvolti da una particolare guaina sinoviale, che li preserva da sfregamenti e attriti, i tendini passanti per il polso garantiscono l'inserzione dei sopraccitati muscoli, con origine nell'avambraccio, nelle ossa della mano (ossa carpali, ossa metacarpali e falangi).
Nel sottostante elenco, sono riportati alcuni dei più importanti muscoli flessori ed estensori delle dita della mano:

Cos'è una tendinite al polso?

La tendinite al polso - nota anche come tendinopatia del polso o tenosinovite del polso - è una condizione infiammatoria, talvolta a carattere degenerativo/irritativo, che ha per oggetto uno o più tendini passanti per il polso e le guaine sinoviali che li avvolgono.


Significato di tenosinovite

In medicina, il termine tenosinovite indica un qualsiasi processo infiammatorio o irritativo a carico della guaina sinoviale, che circonda i tendini del corpo umano.

Cause

In genere, gli episodi di tendinite al polso hanno un'origine multifattoriale, cioè insorgono per effetto di più fattori causali concomitanti.
Tra le possibili cause di una tendinite al polso, meritano sicuramente una citazione: una certa predisposizione anatomica alla problematica, la continua ripetizione di alcuni specifici movimenti della mano o delle dita, la presenza di una malattia reumatica (es: artrite reumatoide), i sovraccarichi funzionali improvvisi (es: sollevamento di pesi eccessivi, mancata gradualità nell'inizio di un'attività sportiva che prevede l'uso del polso ecc.) e l'utilizzo continuativo, per motivi di lavoro, di strumenti vibranti.

Fattori di rischio

Medici ed esperti concordano sul fatto che tra i fattori di rischio della tendinite al polso rientrino:

  • La pratica ad alti livelli di sport come il baseball, il bowling, il golf e il tennis;
  • La pratica di attività lavorative in cui è previsto il sollevamento di pesi notevoli o l'uso continuativo di martelli pneumatici, seghe elettriche, macchine per cucire ecc.;
  • L'utilizzo prolungato del mouse e/o della tastiera del computer;
  • Suonare molte ore al giorno uno strumento musicale, che richiede l'impiego delle mani;
  • La presenza di artrite reumatoide;
  • Lo stato di gravidanza.

Una tendinite al polso particolare: la sindrome di De Quervain

Quando il processo infiammatorio/irritativo interessa la guaina sinoviale dei tendini appartenenti ai muscoli abduttore lungo del pollice ed estensore breve del pollice, le tenosinovite che ne deriva è conosciuta, in ambito medico, con il nome di tenosinovite stenosante di De Quervain o sindrome di De Quervain. Per maggiori informazioni, leggi l'articolo dedicato


Significato di “stenosante”

La parola stenosante deriva dal termine stenosi, che, in ambito medico, indica un qualsiasi restringimento anomalo e innaturale di un vaso sanguigno, un organo cavo oppure tubulare, o un orifizio anatomico.

Epidemiologia

La tendinite al polso è una problematica particolarmente diffusa nella popolazione femminile di mezza età e in chi pratica lavori o sport, rientranti nei fattori di rischio.

Sintomi e complicazioni

Il tipico sintomo della tendinite al polso è il dolore al polso.

L'entità di tale dolore varia in base alla severità dell'infiammazione/irritazione a carico dei tendini e delle guaine sinoviali: più lo stato infiammatorio è severo, maggiore è la sensazione dolorosa avvertita.

Altri sintomi

Talvolta, in aggiunta al dolore locale, gli episodi di tendinite al polso provocano:

  • Gonfiore attorno al polso;
  • Emissione di uno scricchiolio o un crepitio, al movimento dell'articolazione del polso;
  • Rigidità a carico dell'articolazione del polso, specialmente al mattino subito dopo il risveglio;
  • Calore e arrossamento a livello di dove, nel polso, transita o transitano i tendini infiammati/irritati.

Sintomi della tenosinovite stenosante di De Quervain

Nella sindrome di De Quervain, l'infiammazione/irritazione dei tendini passanti per il polso determina:

  • Dolore sulla faccia esterna del polso e alla base del pollice. Ad accentuare tale dolore sono i movimenti di presa, eseguiti con il pollice, e i movimenti di inclinazione del polso;
  • Tumefazione in corrispondenza di dove risiede il tendine infiammato/irritato;
  • Formazione di una sporgenza sul polso;
  • Dolore diffuso fino all'avambraccio.

Diagnosi

Nella maggior parte dei casi, i medici diagnosticano la tendinite al polso e ne individuano le cause scatenanti soltanto grazie a un accurato esame obiettivo e a un'approfondita anamnesi.
Molto di rado, aggiungono alle sopraccitate indagini diagnostiche test più approfonditi, come l'ecografia.

Importanza di una diagnosi accurata delle cause

Uno degli obiettivi principali della diagnosi di tendinite al polso è l'individuazione delle cause scatenanti, in quanto è in base a quest'ultime che i medici pianificano la terapia.
Nella scoperta dei precisi fattori che causano una tendinite al polso, gioca un ruolo fondamentale l'anamnesi, perché chiarisce l'attività lavorativa del paziente, i suoi hobby sportivi, il suo stato di salute generale ecc.

Terapia

Il trattamento di prima linea di una tendinite al polso è di carattere conservativo e prevede: l'osservazione di un periodo di riposo da tutte le attività che favoriscono la comparsa di dolore, l'applicazione di ghiaccio sulla zona rigonfia e sulla sede del dolore, l'utilizzo di un tutore per il polso e l'assunzione di farmaci antinfiammatori con effetti antidolorifici.
Se tale trattamento fallisce o non fornisce i risultati sperati, sussistono le basi per il ricorso alla chirurgia e alla fisioterapia.

Modalità di applicazione del ghiaccio

L'utilizzo del ghiaccio ha un potere antinfiammatorio notevole, che molte persone sottovalutano.
Di norma, in presenza di condizioni come la tendinite al polso, i medici consigliano di applicare il ghiaccio 4-5 volte al giorno, per almeno 15-20 minuti.

Uso del tutore per il polso

L'uso del tutore preserva il polso da movimenti eccessivi, che potrebbero recare dolore.
I medici consigliano il tutore per il polso soprattutto a coloro che svolgono un'attività lavorativa manuale e che non possono interromperla, nonostante la presenza di un'infiammazione a carico dei tendini.

Farmaci antinfiammatori

In genere, ai pazienti con una tendinite al polso, i medici prescrivono i FANS come trattamento farmacologico di prima linea e si riservano di ricorrere ai corticosteroidi solo nel caso in cui i suddetti FANS risultassero inefficaci. È doveroso, infatti, ricordare che i corticosteroidi pagano il loro elevato potere antinfiammatorio con diversi inconvenienti legati al loro impiego prolungato o inappropriato (es: glaucoma, ipertensione, obesità ecc.).

Prognosi

La prognosi di una tendinite al polso dipende da quando hanno luogo diagnosi e trattamento: se la diagnosi e le terapie sono precoci, le probabilità di guarigione sono elevate; al contrario, se la diagnosi e le cure sono tardive, il raggiungimento della guarigione è decisamente più difficoltoso e il rischio che l'infiammazione assuma caratteri cronici è assai più concreto.

Prevenzione

Non esagerare con le attività sportive a rischio, evitare la continua ripetizione di movimenti sbagliati con il polso, osservare delle pause durante le attività lavorative o gli hobby che richiedono l'utilizzo continuo delle mani, indossare tutori appositi (chiaramente quando è possibile o consentito) e, infine, eseguire degli esercizi di allungamento del polso se si rientra nelle categorie di rischio, sono le principali misure preventive, nei confronti della tendinite al polso.

Come evitare l'aggravarsi di un tendinite al polso

Astenersi dalle attività che comportano dolore ed evitare l'assunzione di antidolorifici senza prima aver consultato un medico (in quanto questi annullano il dolore, ma non risolvono la problematica) sono i principali consigli, impartiti dai medici, per prevenire l'aggravarsi di una tendinite al polso.




Ultima modifica dell'articolo: 01/09/2017