Esercizio fisico e sistema immunitario

A cura del Dott. Marco Siffi


Il sistema immunitario rappresenta un importante meccanismo di difesa per il nostro organismo, capace di riconoscere e distruggere i microrganismi invasori, e contribuisce a mantenere l'omeostasi interna. Negli ultimi anni sono state condotte alcune ricerche sull'attività fisica e la risposta immunitaria nell'atleta, scoprendo che non sempre questo binomio è sinonimo di perfetta efficienza immunitaria. Sistema immunitario e sportTuttavia, non significa che i benefici importantissimi derivanti dallo svolgimento di una regolare attività fisica siano da ridimensionare. Lo scopo di questo capitolo sarà quello di descrivere le relazioni tra il sistema immunitario e l'esercizio fisico, evidenziando tutte quelle circostanze in cui sembra favorita la comparsa di infezioni negli atleti.

2.1 CENNI SUL SISTEMA IMMUNITARIO

Tale sistema è composto da organi centrali e periferici; dei centrali fanno parte il timo e il midollo osseo, mentre quelli periferici sono rappresentati da linfonodi, milza, cellule linfoidi del sangue e della linfa.(3)(16) Il sistema immunitario è organizzato in due strutture funzionali; alla prima compete il riconoscimento aspecifico, seguito dalla successiva fagocitosi e distruzione ad opera dei polimorfonucleati,macrofagi e dei linfociti "natural killer" (NK), che sono in grado di rilevare anomalie nelle membrane e partecipano alla distruzione di cellule tumorali o infettate da virus. La seconda fase è rappresentata dal riconoscimento specifico dell'antigene ed è attuato dai linfociti T e B. I linfociti della serie T, in seguito al contatto con l'antigene, si replicano e si differenziano in cellule T effettrici o regolatrici (T helper e T suppressor), distinte per il possesso di recettori specifici CD4 e CD8 e responsabili dell'immunità cellulare. I linfociti della serie B si differenziano invece in plasmacellule produttrici di anticorpi e responsabili dell'immunità umorale.(1) L'attivazione dei due sistemi è innescata dall'accoppiamento antigene-cellula, da quello intercellulare e dall'intervento di alcuni polipeptidi noti come citochine, linfochine, monochine, interleuchine, come mostrato nella (figura 2.1). Queste sostanze hanno la capacità di intervenire sui recettori delle cellule bersaglio. L'attivazione del complesso T e B prevede la captazione ed elaborazione dell'antigene, in sintonia con molecole di istocompatibilità (HLA-DR), da parte dei macrofagi e di altre cellule. Questi elementi elaborano e liberano l'interleuchina 1 (IL-1) che, a sua volta, induce le cellule "T helper" (CD4+) a produrre interleuchina 2 (IL-2). Questa seconda citochina promuove e regola la replicazione delle cellule effettrici antigene-specifiche ed helper. Altri elementi che possono determinare l'accrescimento, la differenziazione e l'attività specifica dei linfociti T e B nei vari stadi del loro sviluppo, sono l'interferone e le interleuchine-4,-5 e 6 e il cosiddetto Tumor necrosis factor (TNF). Altri fattori fra i quali, quello che attiva i macrofagi e IL-1, richiamano e attivano gli elementi della difesa aspecfica. La produzione di IL-1, TNF e di IL-6 è simultanea, in seguito alla stimolazione da parte di una varietà di agenti infettivi e non infettivi. Si tenga altresì presente che bersagli di queste citochine sono non soltanto le cellule appartenenti al sistema immune, ma anche altre appartenenti ad organi e sistemi diversi. Così, IL-1 è in grado di aderire a cellule endoteliali e fibroblasti, promuove il riassorbimento dell'osso e la distruzione della cartilagine, stimola la replicazione di cellule epiteliali, sinoviali ed endoteliali e dei fibroblasti; ha invece effetto catabolico sulle cellule muscolari e provoca la morte di alcune linee cellulari, induce la produzione di prostaglandine e la sintesi di enzimi nell'uomo, e promuove in parte la risposta di fase acuta da parte degli epatociti, l'increzione di ACTH e la febbre; al pari di TNF induce la produzione di IL-6, TNF, il cui nome esprime la capacità di distruggere alcuni tumori obliterandone i vasi o attaccandone direttamente le cellule, agisce in pratica sulle stesse cellule bersaglio di IL-1 sulle quali esercita lo stesso effetto o agisce sinergicamente. In più, esso è un potente induttore di IL-1 nei macrofagi e nelle cellule endoteliali. Fra tutte le citochine, TNF è quella dotata di più spiccato potere pro-infiammatorio, mentre la parte svolta nell'ambito della risposta immune specifica è assai più modesta. IL-6, infine, esercita un'attività di IL-1 e TNF. I suoi effetti sono particolarmente marcati sul fegato e sul SNC e assai minori sul sistema preposto all'immunità specifica. Si può affermare che le principali attività di IL-6 sono più di tipo conservativo che pro-infiammatorio.(1)(34)(18)


Sistema immunitario

Fig. 2.1 In A è schematicamente rappresentato il meccanismo dell'immunità cellulo-mediata caratterizzato dall'esposizione, sulla membrana dei macrofagi, del complesso di istocompatibilità (MHC) di tipo II. In B è invece illustrato il meccanismo dell'immunità cellulo-mediata caratterizzato dall'esposizione, sulla membrana delle cellule infettate da un virus, dell'MHC di tipo I. In C è mostrato infine il meccanismo dell'immunità anticorpo-mediata, caratterizzato dall'attività dei linfociti B. (da Fisiologia dell' uomo, Edi-ermes, Milano,2005).

 

L'attivazione delle cellule B ne induce la trasformazione in plasmacellule che, a loro volta, sono stimolate a produrre immunoglobuline. Queste possono essere dosate nel siero e altri liquidi organici (ad esempio la saliva) e sono suddivise in 5 classi:

-le immunoglobuline G (IgG), sono le più numerose e capaci di neutralizzare molti virus, batteri e tossine;

-le immunoglobuline E (IgE), rilasciano sostanze capaci di accelerare la flogosi locale;

-le immunoglobuline D (IgD) presenti sulla superficie dei linfociti B capaci di legare le molecole antigeniche;

-le immunoglobuline M (IgM), le prime ad essere secrete all'arrivo dell'antigene responsabili dell'agglutinazione;

-le immunoglobuline A (IgA) presenti nelle secrezioni ghiandolari, aderiscono alle mucose e attaccano i patogeni prima che entrino nei tessuti.

Quando le molecole immunoglobuliniche acquisiscono la capacità di reazione specifica, vengono indicate come anticorpi. Questi proteggono l'ospite agglutinando i microrganismi, favorendo la fagocitosi, attivando il complemento, producendo opsonine e neutralizzando le tossine batteriche.(13)

 

1 2 3 »


ARTICOLI CORRELATI

Cellulite, rimedi e attività fisicaAttività fisica e Diabete di tipo 2Ormoni tiroidei T3 - T4 ed esercizio fisicoBenefici dell'attività fisica in presenza di Diabete di tipo 2Cellulite: qual è l'attività fisica più idonea?Linee guida per l'attività fisica nel Diabete di tipo 2Osteoporosi, fratture ed attività fisicaAcqua ed attività sportivaAdattamenti del cuore in risposta all'attivita' fisicaAnalisi della necessità di creare centri per attività motorie personalizzateAnziani ed attività fisica: screening cardiologicoApparato respiratorio e attività fisica negli anzianiAttività agonistica e prevenzione delle infezioniAttività agonistica, infezioni e vaccinazioniAttività fisica e colesteroloAttività fisica e collasso cardiacoAttività fisica e funzionalità cardiorespiratoriaAttività fisica e gravidanzaAttività fisica e lombalgiaAttività fisica e sport nell'età evolutivaAttività fisica e sport nella terza etàAttività fisica ed invecchiamentoAttività fisica in gravidanzaAttività fisica per bambiniAttività fisica, fitness e wellnessAttività sportiva ed obesitàAttività sportive e impegno cardiovascolareATTIVITA' FISICA E OBESITA'ATTIVITA' FISICA FITNESS E WELLNESSAttività fisica e corretta alimentazione: il giusto binomio per dimagrireAttività fisica e IpertensioneAttività fisica ed IpertensioneBenefici e rischi dell'attività fisica nell'obesitàBenessere e attività fisicaCellulite, dieta e attività fisicaDIABETE: Attività fisica e diabete mellitoDieta ed esercizio fisicoGravidanza e attività fisicaIdratazione e attività fisicaIl soggetto obeso e l'attività fisicaIpertensione ed attività fisicaIpertensione ed attività fisica: controindicazioni?Obesità, ormoni ed esercizio fisicoPatologie cardiovascolari e attività sportivaPrevenzione, salute e attività fisicaQuanto mangiare prima dell’attività fisicaSedentarietà e bambini, il ruolo dell'attività fisicaSforzo Cardiovascolare - Attività SportiveSoffio al cuore: diagnosi, prevenzione e attività fisicaStress ed attività fisicaAttività fisica su Wikipedia italianoPhysical exercise su Wikipedia ingleseAnticorpi su Wikipedia italianoAntibody su Wikipedia inglese

Attività agonistica, infezioni e vaccinazioni