Rottura della Milza

La milza è un organo che può facilmente andare incontro a rottura per traumi violenti che interessano l'addome o si ripercuotono indirettamente su di esso. Tra tutti, la milza è infatti l'organo interno più frequentemente leso nei traumi toraco-addominali, a causa della sua fragilità intrinseca, della ricca vascolarizzazione, della presenza di un lungo peduncolo vascolare (arteria e vena lienale), e della connessione ai vari legamenti che le trasmettono sollecitazioni provenienti da altri organi.

Le lesioni spleniche di grossa entità trasformano la rottura della milza in una vera e propria emergenza medica, che richiede l'immediato intervento chirurgico per arrestare l'emorragia interna e salvare la vita al paziente. In caso di traumi più superficiali, la rottura della milza può essere trattata in modo conservativo, ospedalizzando per qualche giorno il paziente ed osservando l'evolversi della situazione verso l'eventuale guarigione spontanea.

Cause

Nella parte introduttiva, abbiamo visto come la rottura della milza sia comune a seguito di traumi violenti che interessano l'addome, come un incidente automobilistico, una caduta dalla moto, un pugno durante un combattimento od una ferita penetrante (proiettile, arma da taglio ecc.). Le gravi lesioni spleniche sono comuni anche in caso di cadute violente dall'alto, sui piedi o sulle natiche, traumi che pur non interessando direttamente l'addome si ripercuotono su di esso.

Vi sono poi delle circostanze, non così rare, in cui la milza diviene particolarmente suscettibile alla rottura, anche a seguito di traumi modesti o insignificanti, come un colpo di tosse, uno starnuto, un conato di vomito, lo sforzo alla defecazione, od una palpazione troppo vigorosa dell'organo. In genere, il rischio di rotture spontanee o secondarie a traumi minimi è elevato in caso di splenomegalia (ingrossamento della milza), specie se severo. Ecco allora che la rottura della milza diviene più comune nel corso di alcune malattie, come la mononucleosi infettiva, la malaria, la schistosomiasi, la cirrosi, le anemie emolitiche (es. talassemia), il morbo di Gaucher, la sarcoidosi, la leucemia a cellule capellute, la leucemia cronica mielogenica, la leucemia cronica linfocitica ecc. Per questa ragione, in questi individui (per es. ai ragazzi affetti da mononucleosi infettiva) la pratica di sport di contatto o ad alto rischio di traumi è caldamente sconsigliata dai medici.

Sintomi e Complicanze

La milza è localizzata nel quadrante superiore sinistro dell'addome, appena sotto il diaframma, protetta dalle ultime coste dell'emitorace sinistro; in condizioni normali ha le dimensioni di un pugno. In presenza di un trauma violento dell'addome il paziente lamenta un dolore intenso in questa regione (ipocondrio sinistro, quadrante supero-laterale sinistro dell'addome), che si irradia alla spalla omolaterale (sinistra) ed è aggravato dalla palpazione. Le pareti addominali appaiono ipercontratte e l'addome disteso per l'accumulo di sangue nella cavità addominale; inoltre, il sanguinamento interno porta gradualmente ad uno stato si shock emorragico, segnalato da sintomi come pallore, ansietà, tachicardia, stordimento e confusione. Non sempre, però, le manifestazioni cliniche della rottura splenica si instaurano così precocemente; l'emorragia, infatti, può non essere immediata ma verificarsi in un secondo tempo, con una latenza di qualche giorno dal trauma ed insorgenza tardiva dei disturbi, anche a distanza di 6-7 giorni dall'incidente.

Naturalmente, la rottura della milza può essere isolata o associata a lesioni di altri organi, che complicano le manifestazioni cliniche e la prognosi; quando vi è associazione con lesioni di altri organi, la mortalità per rottura splenica è elevata (10-20%), mentre in caso di lesione isolata la mortalità si aggira al 4%.

Diagnosi e Trattamento

I mezzi diagnostici essenziali sono la TAC e l'ecografia, che avvalorano il sospetto emerso dall'esame fisico del paziente; anche il lavaggio peritoneale ha un'importante utilità diagnostica (si introduce un piccolo catetere, un tubicino di plastica flessibile, nell'addome, per aspirare ed analizzare il liquido aspirato ricercando la presenza di sangue).

A causa dell'importante vascolarizzazione, la rottura della milza può causare emorragie massive, con accumulo di sangue nella cavità addominale ed insorgenza di shock ipovolemico fino alla morte. In simili circostanze, l'immediato intervento chirurgico di splenectomia (asportazione della milza) può salvare la vita al paziente senza complicanze cliniche significative.

Rispetto al passato, grazie alla rivalutazione del ruolo immunitario della milza ed al rischio di severe infezioni post-operatorie, l'intervento di splenectomia viene oggi praticato con maggiore cautela. I medici, in sostanza, tendono ad osservare il paziente per capire se l'emorragia è in grado di arrestarsi spontaneamente, riservando l'intervento ai casi in cui non avviene la guarigione spontanea. Inoltre, durante l'intervento chirurgico si cerca quando possibile di riparare la lesione, applicando ad esempio dei punti di sutura, o di asportare soltanto la parte di milza interessata dalla rottura (splenectomia subtotale o parziale).



Ultima modifica dell'articolo: 20/09/2016