Rapporto colesterolo totale/HDL

Rispetto al passato, l'influenza del colesterolo totale sul rischio cardiovascolare di un soggetto è stata notevolmente ridimensionata. Oggi, infatti, si preferisce valutare l'idoneità della frazione LDL e di quella HDL; inoltre, il rischio cardiovascolare viene calcolato in maniera globale, tenendo conto non solo della colesterolemia, ma anche di altri fattori come il peso corporeo, la glicemia a digiuno, l'abitudine tabagica, la trigliceridemia e la sedentarietà .

Per valorizzare l'importanza delle frazioni di colesterolo LDL e HDL - rispettivamente ribattezzate colesterolo buono e colesterolo cattivo - sono stati stabiliti specifici indici e criteri. Tra questi il più conosciuto ed utilizzato è il cosiddetto indice di rischio cardiovascolare, che mette in relazione il colesterolo totale con la fazione HDL.

L'indice di rischio cardiovascolare

L'indice di rischio cardiovascolare viene calcolato dividendo i valori di colesterolo totale per quelli di colesterolo HDL, rilevati su un piccolo campione di sangue venoso prelevato a digiuno. L'indice di rischio è considerato accettabile quando risulta inferiore a 5 nell'uomo e a 4,5 nella donna.

In termini di valutazione del rischio cardiovascolare, stabilire il rapporto Totale:HDL è preferibile alla stima del rapporto LDL:HDL. Infatti, i valori di colesterolo totale dipendono anche dalle concentrazioni plasmatiche di VLDL, ricche di trigliceridi e per questo direttamente correlate all'aumento del rischio cardiovascolare.

ColesteroloTOT = HDL + LDL + VLDL

Esempio: un individuo che presenta una colesterolemia totale di 240 mg/dL ed una colesterolemia HDL di 70 mg/dL ha un indice di rischio pari a 3.43, quindi molto basso. Come tale si trova in una condizione decisamente migliore rispetto a chi ha il colesterolo totale a 190 mg/dL e quello buono a 36 mg/dL, con un indice di rischio pari a 5.3, quindi medio.

 

  Colesterolo totale / Colesterolo HDL
Rischio cardiovascolare*Uomini Donne
Molto basso (dimezzato) 3.43 3.27
Medio 4.97 4.44
Rischio moderato (raddoppiato) 9.55 7.05
Molto Alto (triplicato) 24 >11.04

 

*Framingham Heart Study

 


Colesterolo totale

mg/dL

Colesterolo HDL

mg/dL Sesso
 
Il tuo indice di rischio è ed è    




COME AUMENTARE IL COLESTEROLO HDL SENZA FARMACI?

1) Pratica di regolare esercizio fisico di tipo aerobico

2) Astensione dal fumo (se fumatore)

3) Riduzione del peso corporeo (se sovrappeso)

COME DIMINUIRE IL COLESTEROLO LDL SENZA FARMACI?

1) Diminuzione dell'apporto di colesterolo e grassi saturi con la dieta

2) Aumento dell'apporto di fibre

3) Riduzione del peso corporeo (se sovrappeso)

NOTA BENE: il rapporto tra colesterolo totale e colesterolo HDL non aiuta a stabilire un'adeguata strategia terapeutica per ridurre il rischio cardiovascolare. A tal proposito è importante valutare i livelli assoluti di colesterolo HDL e LDL, poiché esistono farmaci in grado di intervenire positivamente soprattutto su una o l'altra frazione.


SELF-TEST DOMESTICO PER LA PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE

Di facile utilizzo, certificato CE e con elevate percentuali di sensibilità e specificità: sono queste le caratteristiche di PRIMA Home Test Colesterolo, uno strumento pensato per la prevenzione cardiovascolare che controlla la concentrazione del colesterolo nel sangue e verifica eventuali valori elevati.

Il tutto nella privacy e nel comfort di casa propria.

Per maggiori informazioni sui test di autocontrollo domestico, accedi al sito PRIMA Home Test o leggi l'articolo informativo su my-personaltrainer.it


Rapporto LDL - HDL >>