Antigene Prostatico Specifico - PSA

Generalità

Il PSA - acronimo di Prostate Specific Antigen, italianizzato in Antigene Prostatico Specifico - è una proteina sintetizzata dalle cellule della prostata.
Piccole concentrazioni di antigene prostatico sono normalmente presenti nel siero di tutti gli uomini e si possono valutare tramite un semplice esame del sangue.PSA Test

Cos'è

Il PSA è una proteina quantificabile nel sangue, prodotta esclusivamente dalla prostata. Per questo motivo, l'antigene prostatico specifico può essere usato come indicatore di malattie prostatiche.
Dal punto di vista fisiologico, la funzione del PSA consiste nel mantenere fluido il liquido seminale dopo l'eiaculazione, in modo tale che gli spermatozoi possano muoversi più agevolmente nel tratto genitale femminile.

Perché si Misura

Il PSA è quantificabile nel sangue e viene utilizzato come marcatore di potenziali problemi alla prostata, anche e soprattutto nell'ambito degli esami di diagnosi precoce della popolazione maschile.
Il dosaggio del PSA viene indicato periodicamente a tutti gli uomini, a partire dai 50 anni d'età. Quest'esame, infatti, può aiutare - in associazione alla visita urologica o andrologica - a individuare forme di tumore alla prostata agli stadi iniziali.


Il PSA è un marcatore specifico dell'organo, ma non delle patologie che lo colpiscono; infatti, livelli elevati si registrano sia in presenza di condizioni benigne (una prostatite, un'iperplasia prostatica benigna ecc.), sia di processi neoplastici della prostata.

Tumore prostatico

Insieme all'esplorazione rettale e all'ecografia transrettale o sovrapubica, il PSA contribuisce a individuare il tumore alla prostata, sia in forma benigna, che maligna.
In caso di positività, viene solitamente effettuata una biopsia prostatica di controllo.
Oltre alla diagnosi, la verifica dell'antigene prostatico specifico viene eseguita anche dopo l'individuazione del tumore, per controllare l'andamento delle cure o evidenziare l'eventuale ripresa della patologia.


Va tenuto comunque presente che il PSA aumenta anche in condizioni benigne, quali l'ipertrofia prostatica benigna e le prostatiti (infiammazioni della prostata). Inoltre, l'antigene prostatico specifico aumenta anche a causa di attività sessuale recente, palpazione della prostata per visita specialistica, utilizzo di cateteri e assunzione di certi farmaci, come l'allopurinolo.
Per migliorare la specificità diagnostica del PSA, nei casi in cui il valore limite venga superato, si misura anche l'antigene prostatico specifico libero (free-PSA).

Valori normali

In condizioni di normalità, si riscontrano livelli ematici di PSA inferiori ai 4 nanogrammi per millilitro di sangue (intervallo di riferimento: 0,0-4,0 ng/ml).

Tuttavia, se le cellule della prostata vengono danneggiate, le concentrazioni nel circolo ematico possono aumentare.

PSA Alto - Cause

Alti livelli di PSA si riscontrano durante varie malattie prostatiche, come:

I valori di PSA aumentano anche per i seguenti motivi:

L'obesità è stata messa in relazione a un abbassamento del PSA circolante.

PSA Basso - Cause

Una riduzione del 50% dei livelli del PSA si riscontra in uomini che assumono gli inibitori della 5-alfa-reduttasi (come finasteride e dutasteride), una classe di farmaci usata nella cura dell'ipertrofia prostatica benigna e della calvizie.

Come si misura

Le concentrazioni di antigene prostatico specifico vengono misurate in laboratorio dopo un semplice prelievo di sangue.

Preparazione

Il paziente può sottoporsi a prelievo di sangue dopo un digiuno di 3 ore.
Per ridurre il rischio di errore, è importante non effettuare l'esame quando si ha un'infezione delle vie urinarie in corso.

Inoltre, non bisognerebbe svolgere un'intensa attività fisica o avere rapporti sessuali nelle 48 ore precedenti al dosaggio del PSA, poiché entrambe queste condizioni possono innalzare i livelli del parametro nel sangue.

Interpretazione dei Risultati

Valori di PSA e tumore alla prostata

Il dosaggio del PSA nel plasma ha un basso grado di specificità: quando i suoi livelli superano una certa soglia (> 3-4 ng per ml di sangue) molto probabilmente qualcosa non funziona a livello della prostata; tuttavia, in assenza di ulteriori indagini diagnostiche, è impossibile stabilire con certezza la benignità o la malignità della condizione.


tPSA
(ng/ml)
Probabilità di riscontrare un tumore prostatico
0-4 10% (nel 90% dei casi si tratta di una forma organo confinata)
4-10 25% (nel 70% dei casi si tratta di una forma organo confinata)
> 10 50% (nel 50% dei casi si tratta di una forma organo confinata)

In riferimento al tumore prostatico, il dosaggio del PSA restituisce spesso falsi positivi. Si tratta di quei casi in cui elevati valori di PSA fanno ipotizzare l'esistenza di un cancro alla prostata, successivamente smentita dai vari accertamenti. In altre parole, il riscontro di alti livelli di PSA non è sufficiente per porre diagnosi di tumore alla prostata, specie negli uomini più anziani.
Se il sospetto di tumore viene confermato da altri esami diagnostici, il dosaggio del PSA rappresenta un buon indicatore dell'estensione tumorale. In particolare, quando il PSA è solo lievemente aumentato o addirittura normale è improbabile che il tumore sia molto esteso.
La maggior parte degli uomini con elevati valori ematici di antigene prostatico specifico non è affetta da cancro. Dati alla mano, solamente il 25 - 35% dei pazienti sottoposti a biopsia prostatica (dopo riscontro di PSA elevato) è effettivamente portatore di un cancro alla prostata, mentre un quarto dei soggetti colpiti da questa forma di tumore non mostra significativi aumenti del PSA.
Il monitoraggio dell'antigene prostatico specifico risulta utile per valutare la risposta del paziente alla terapia intrapresa, che quando è positiva si accompagna a una riduzione dei valori di PSA. Il dosaggio sierico dev'essere eseguito prima degli altri esami diagnostici di controllo, poiché questi, come abbiamo visto, possono aumentare notevolmente i valori di PSA (dopo biopsia prostatica si possono registrare incrementi fino a 50 volte, con lento ritorno alla normalità nei 30-60 giorni successivi).
Il monitoraggio periodico del PSA è molto importante. Misurazioni ripetute possono infatti aiutare a differenziare le forme benigne da quelle maligne, tanto più probabili quanto più rapido è l'incremento dei valori. Per questo motivo sono stati introdotti i concetti di PSA velocity e PSA doubling time, entrambi inficiabili da vari elementi, come le variazioni intra e interlaboratorio, e quelle biologiche non connesse alla patologia di base (un'eiaculazione recente, ad esempio, può aumentare i livelli ematici di PSA).
Dal momento che la loro indipendenza dal tumore prostatico è più probabile in presenza di una marcata ipertrofia della ghiandola, valori elevati di PSA possono essere messi in relazione al volume della prostata (PSA density).

PSA libero e PSA legato

Elementi utili per valutare il significato clinico di un elevato PSA possono essere raccolti valutando la proporzione tra PSA libero e PSA legato a proteine di trasporto. Si è infatti visto che condizioni benigne, come l'ipertrofia prostatica, aumentano prevalentemente la quota libera, mentre il cancro alla prostata produce soprattutto un aumento del PSA legato.

Pertanto, in un uomo che contrappone elevati livelli di PSA legato a bassi valori di PSA libero, è probabile la presenza di un tumore prostatico, mentre la condizione opposta lascia presupporre un'origine benigna. In altre parole se:

  • Rapporto tra PSA libero/PSA totale basso (<0,20) → alto rischio di tumore maligno
  • Rapporto tra PSA libero/PSA totale normale o elevato (>0,20) → basso rischio di tumore maligno
PSA antigene prostatico specifico

Alla luce di quanto detto, l'interpretazione dei valori ematici di PSA è materia assai complessa e in costante evoluzione, riservata naturalmente ad urologi esperti. Di fronte a un rialzo dei valori di PSA, il medico dovrà quindi prendere in esame tutta una serie di elementi, allo scopo di indirizzare il paziente verso specifici esami diagnostici, trattamenti personalizzati p un semplice monitoraggio periodico.





ARTICOLI CORRELATI

Fosfatasi Acida Prostatica (PAP)Ecografia Sovrapubica della ProstataPSA Video - Valori PSA e PSA Alto - CauseBiopsia della prostataBiopsia prostatica, affidabilità e complicanzeEcografia della prostataEsami della prostataEsplorazione rettale digitale della prostataPreparazione alla biopsia prostaticaAlfafetoproteinaCA 19-9 come marker tumoraleCromogranina ACA 125: antigene tumorale 125HE4 e Cancro all'OvaioCA 15-3: antigene tumorale 15-3Antigene carcino embrionario - CEA -Marker tumorali su Wikipedia italianoTumor marker su Wikipedia ingleseSistema immunitarioAntigeneAntigene su Wikipedia italianoAntigen su Wikipedia ingleseProstataProstatiteInfezione alla prostataTumore alla Prostata - Cause e SintomiFarmaci per la cura dell'Ipertrofia Prostatica BenignaIperplasia Prostatica BenignaPigeo africanoDieta per la Ipertrofia Prostatica BenignaFarmaci per la cura del Cancro alla ProstataProstatectomiaTumore alla Prostata - Diagnosi e TrattamentoTumore alla Prostata? Scopri se sei a rischioTURP - Resezione Transuretrale della ProstataSemi di zucca e salute della prostata5-alfa reduttasi e diidrotestosteroneAnatomia e funzioni della prostata - VideoInfiammazione della prostataIpertrofia prostaticaIpertrofia prostatica - ErboristeriaIpertrofia prostatica benignaLiquido seminaleMalattie della prostataOrtica e salute della prostataProstatite cronica, prostatite non battericaSerenoa repens, prostata e capelliSilodyx - Foglietto IllustrativoSintomi Cancro alla prostataSintomi Ipertrofia prostatica beningnaTisana antiprostaticaTisana antisettica e antiprostaticaTisana per ipertrofia prostatica benignaTumore della prostata Video - Cause, Sintomi, Cureprostata su Wikipedia italianoProstate su Wikipedia ingleseScreening su Wikipedia italianoScreening (medicine) su Wikipedia inglese

* Smith DS, Humphrey PA, Catalona WJ. The early detection of prostate carcinoma with prostate specific antigen: The Washington University experience. Cancer 1997; 80(9):1853-1856.

** Thompson IM, Pauler DK, Goodman PJ, Tangen CM, Lucia MS, Parnes HL, Minasian LM, Ford LG, Lippman SM, Crawford ED, Crowley JJ, Coltman CA (May 2004). "Prevalence of prostate cancer among men with a prostate-specific antigen level < or =4.0 ng per milliliter". N. Engl. J. Med. 350 (22): 2239-46.


Ultima modifica dell'articolo: 11/09/2017