Il preservativo

Perché si usa il preservativo?

Fedele alleato della salute maschile e femminile, il preservativo è un metodo contraccettivo in grado di tutelare la donna da gravidanze indesiderate, proteggendo nel contempo entrambi gli amanti dalle malattie sessualmente trasmesse.

Comunemente chiamato condom o profilattico, il preservativo titola il capitolo dei cosiddetti metodi anticoncezionali barriera: si tratta di una sottile guaina impermeabile costituita da lattice od altri materiali ipoallergenici che, indossata dall'uomo sul pene in erezione, consente di raccogliere lo sperma eiaculato impedendo che questo entri in vagina durante l'atto sessuale.

Per approfondire

Efficacia Contraccettiva

PreservativoL'efficacia del preservativo dipende essenzialmente dalla corretta modalità d'utilizzo: l'uso maldestro del profilattico costituisce una vera e propria minaccia sia in termini contraccettivi che salutistici.

  • Al di fuori dell'astinenza sessuale, nessun metodo contraccettivo - sia questo ormonale, impiantabile, naturale o barriera - offre una protezione assaluta (pari al 100%) da gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmesse.

Quando utilizzato correttamente, il preservativo garantisce comunque un'efficacia sorprendente: dal punto di vista teorico, il metodo offre una protezione da gravidanze poco gradite e malattie veneree prossima al 99.9%. Nella pratica, purtroppo, il preservativo ha successo "solo" nell'84-85% dei casi.
Come si può osservare, l'efficacia teorica non coincide con quella pratica: il fallimento del metodo contraccettivo è pesantemente influenzato dal modo d'uso e dal tempo d'uso. Quest'ultimo punto merita un approfondimento: molti giovani (e adulti) tendono ad indossare il preservativo solamente verso la fine del rapporto, nell'errata e comune convinzione che "fino a quando non avviene l'eiaculazione, gli spermatozoi non passano attraverso il canale vaginale". In realtà, i preliminari possono favorire un'eccitazione maschile tale da favorire l'emissione anticipata di piccolissime quantità di liquido spermatico (sufficienti per favorire il concepimento).


Curiosità
Il rischio della fuoriuscita anticipata di liquido spermatico prima dell'eiaculazione vera e propria è ancor più palpabile quando è stato consumato un rapporto pochi istanti prima: in questo caso, infatti, le vie spermatiche potrebbero non essersi svuotate completamente, dunque qualche spermatozoo potrebbe riversarsi nella vagina prima dell'amplesso maschile.


Per aumentarne l'efficacia anticoncezionale, è possibile associare al preservativo uno spermicida specifico (contraccettivo di tipo chimico). Esistono preservativi già lubrificati con lo spermicida nonoxynol-9; questa sostanza, malgrado ne aumenti l'efficacia contraccettiva (già di per sé comunque elevata), può causare spiacevoli effetti collaterali alla partner, come ad esempio reazioni allergiche ed irritazioni vaginali.

Come si usa?

Abbiamo visto che l'efficacia del preservativo dipende essenzialmente dal modo d'uso. Per agevolare la comprensione, di seguito sono riportate le linee guida principali sul corretto utilizzo del profilattico.

PRIMA DI INDOSSARLO

  1. Lavarsi le mani prima di aprire l'involucro contenente il preservativo.
  2. Per evitare di lacerare il condom, prima di strappare la confezione, spostarlo delicatamente al lato opposto (rispetto al lato di apertura).
  3. A questo punto, estrarre il preservativo dopo aver strappato l'incarto (seguire l'eventuale linea preforata per facilitarne lo strappo). È importante fare attenzione a non lesionare la guaina con le unghie o con altri oggetti appuntiti (es. bracciali, collane, piercing ecc.): per questa ragione, si sconsiglia di tagliare la confezione con le forbici.

Scelta del preservativo

Premesso che la scelta del tipo di preservativo dipende sempre e comunque dalle esigenze del consumatore (maggiore sensibilità, ipoallergenici, lubrificati ecc.), il consiglio è quello di preferire i condom dotati di serbatoio. All'estremità terminale, i profilattici muniti di serbatoio possiedono una piccola appendice che permette di raccogliere il liquido seminale durante il coito: lo scopo è quello di minimizzare il rischio di fallimento del metodo (rottura del preservativo), evitando sia che si formi aria al suo interno, sia che si creino accumuli di liquido spermatico.


COME S'INDOSSA

Solo dopo aver messo in pratica le indicazioni sopraelencate è possibile indossare il preservativo. Controllata la sua perfetta integrità, il profilattico va fatto aderire al pene in erezione:

  1. La guaina va appoggiata sul glande scoperto, con l'anello di gomma rivolto verso l'esterno
  2. Il preservativo va srotolato lungo tutta la sua lunghezza, avendo cura di stringere il serbatoio tra pollice e indice per evitare che si creino bolle d'aria durante il rapporto, ipotetiche responsabili della rottura del profilattico.

Se il preservativo non è dotato di serbatoio, durante l'applicazione è necessario lasciare uno spazio di circa 1 cm nella sua estremità (in corrispondenza del glande) per evitare che si formi dell'aria al suo interno. Ad ogni modo, la maggior parte dei preservativi moderni possiede il serbatoio.

  1. Accertarsi di aver posizionato correttamente il preservativo sul pene: quando ci si accorge di averlo infilato al contrario, si consiglia di rimuoverlo dal pene, buttarlo nel pattume e sostituirlo con uno nuovo. Questa pratica, spesso purtroppo pericolosamente trasgredita, è indispensabile ai fini dell'efficacia contraccettiva: anche durante la procedura d'inserimento, infatti, può capitare che una quantità - seppur minima - di liquido seminale venga a contatto con le pareti interne della guaina, costituendo quindi un possibile fattore di rischio per la gravidanza.
  2. Quando necessario o desiderato, per favorire la lubrificazione vaginale è possibile utilizzare specifiche sostanze (gel, creme ecc.) a base acquosa. I preservativi in lattice non devono essere abbinati a lubrificanti oleosi (es. vasellina): un simile comportamento può danneggiare la struttura del contraccettivo, aumentando il rischio di fallimento del metodo. Da preferire i lubrificanti a base acquosa.

COME SI RIMUOVE

Al termine del rapporto, il preservativo va trattenuto con le dita alla base del pene, per evitare che questo si sfili provocando così una gravidanza indesiderata. Ricordiamo brevemente che dopo l'amplesso maschile, il pene va incontro ad una naturale diminuzione di volume (che in termini tecnici viene definita detumescenza): per questa ragione, è bene sfilare il pene dalla vagina prima che l'erezione sia completamente terminata.
Per una maggior tranquillità contraccettiva, prima di gettare il profilattico nel pattume, si consiglia di controllarne l'integrità.


Nota bene
Prima di indossare il preservativo, si raccomanda di leggere attentamente il foglietto illustrativo riportato all'interno della confezione: esistono infatti numerosissimi tipi di profilattici, le cui modalità d'utilizzo possono lievemente variare da caso a caso.


1 2 3 »


ARTICOLI CORRELATI

SpermicidiTipi di PreservativiPreservativo femminilePreservativo femminile: vantaggi, svantaggi e rischiPreservativo: Avvertenze, Vantaggi, SvantaggiPreservativi su Wikipedia italianoCondom su Wikipedia ingleseCoito InterrottoVasectomiaGossipolo e contraccezione maschileContraccezione maschile su Wikipedia italianoMale contraceptive su Wikipedia ingleseContraccettivi - Tipi di ContraccettiviPillola AbortivaSintomi OvulazionePillola del giorno dopoCerotto AnticoncezionaleContraccezione NaturaleDiaframma contraccettivoEvraFarmaci per evitare la gravidanzaSpirale contraccettivaAnello AnticoncezionalePillola del giorno dopo: controindicazioni ed effetti collateraliMetodo Ogino-KnausContraccettivi D'Urgenza - Pillola del giorno dopo e SpiraleContraccettivi impiantabili: spirale IUD e bastonciniContraccettivi Meccanici - Metodi BarrieraContraccettivi OrmonaliMetodo SintotermicoPillola abortiva Vantaggi Svantaggi ControindicazioniCappuccio CervicaleContraccettivi Chimici o SpermicidiContraccezione: conosci le regole per evitare una gravidanza?Calcolo OvulazioneFarmaci Anticoncezionali e Altri ContraccettiviOvulazione e ConcepimentoPeriodo FertilePillola anticoncezionalePillola dei 5 Giorni DopoQuando Fare il Test di GravidanzaTest di GravidanzaTest di OvulazioneAnello Anticoncezionale: Vantaggi e SvantaggiCerotto Anticoncezionale, aumento di peso, vantaggi e svantaggiDiaframma e Contraccezione: Vantaggi e SvantaggiEllaone - ulipristal acetatoZoely - Pillola AnticoncezionaleARIANNA ® - Pillola anticoncezionaleBelara - Foglietto IllustrativoBELARA ® - Etinilestradiolo + ClormadinoneCerazette - Foglietto IllustrativoCERAZETTE ® - MinipillolaDUEVA ® - Pillola AnticoncezionaleContraccezione su Wikipedia italianoBirth control su Wikipedia inglesepene su Wikipedia italianoPenis su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 14/03/2016