Mal di schiena e pilates

A cura della Dott.ssa Laura Asinari

 

La colonna vertebrale deve assicurare delle funzioni essenziali: essere nello stesso tempo solida e mobile.
Tutto l'insieme (ossa, dischi intervertebrali, legamenti, muscolatura di sostegno) deve funzionare in maniera perfettamente coordinata e questo è possibile tramite il Sistema Tonico Posturale.
Nel momento in cui un elemento di questo sistema è alterato, si installa uno squilibrio.
Lo squilibrio posturale è generatore di tensioni anomale sugli elementi che costituiscono la colonna e queste tensioni, a lungo andare, determinano l'apparizione dei dolori, delle rigidità e partecipano all'instaurarsi dell'artrosi.
pilatesGià quattrocento anni prima di Cristo, Ippocrate attirava l'attenzione sulle patologie provocate da stati difettosi della colonna vertebrale.
Tornando ai tempi nostri, il mal di schiena potrebbe essere considerato il male del secolo, vista la sua diffusione quasi epidemica: esso rappresenta una delle cause più frequenti di assenza dal lavoro, ogni anno ventisei milioni di giornate lavorative sono perse a causa sua; da una statistica americana il 93% degli individui hanno sofferto, soffrono o soffriranno alla schiena; il 30% dei bambini dai sette ai diciassette anni si lamentano di mal di schiena; il costo delle cure e delle perdite in termini di produzione ammonta a miliardi di dollari all'anno, in Francia rappresenta la terza spesa in ordine d'importanza della Sanità.
Le cifre sono eloquenti: il mal di schiena avvelena la vita delle persone che siano sedentarie o sportive, la vita normale viene debilitata, le solite attività compromesse e spesso si è obbligati a ricorrere a farmaci per alleviare il dolore.
Le cause del mal di schiena possono essere diverse, così come diversi sono i tipi di mal di schiena.
Gli ultimi studi nel campo delle neuroscienze mostrano che la regolazione posturale non dipende esclusivamente dall'orecchio interno, come si è pensato per lungo tempo, ma soprattutto da altri recettori del sistema e in primo luogo: il piede e l'occhio.
Altri recettori possono intervenire nella perturbazione della postura e cioè la pelle (le cicatrici), l'apparato stomatognatico (denti/malocclusioni), i muscoli, le articolazioni e infine il fattore psicologico per nulla trascurabile.
Dal momento in cui il Sistema Tonico Posturale è sregolato a causa di informazioni anormali che arrivano da uno dei suoi recettori, ecco che appare lo squilibrio e con questo una sequela di disturbi.
Questo sistema è dunque capace di funzionare nel suo squilibrio, ma è incapace di correggersi da solo; ecco perché così tante persone presentano uno squilibrio posturale (più dell'80%) e possono, a lungo andare, avere dei dolori.
Molte sono le patologie che sono sostenute dallo squilibrio del Sistema Tonico Posturale, come:

i dolori vertebrali e reumatici, i blocchi vertebrali, i dolori a componente vertebrale (sciatalgie, cruralgie, scapolalgie...)

le deformazioni della colonna vertebrale (scoliosi, attitudine scoliotica, ipercifosi...) e degli arti (difetti di asse, deformazioni podali)

i dolori a componente statica (anca, ginocchio, piede..)

le ernie discali o più generalmente tutte le patologie discali non da infezione

varie patologie dello sportivo, anche dello sportivo occasionale (crampi, tendinite, distorsioni...)

Tutti questi sono i motivi che conducono un individuo a consultare il proprio medico. Se i farmaci antalgici, gli antinfiammatori possono avere una azione sul dolore e sull'infiammazione, essi non hanno nessuna azione sulla componente meccanica del dolore, così come le terapie di moda come l'agopuntura, l'omeopatia, le manipolazioni vertebrali, la mesoterapia etc....sono spesso un complemento molto efficace, ma nessuna di esse tratterà realmente la componente meccanica del dolore.
Alla luce dei lavori recenti, i disturbi della statica sembrano essere una delle principali cause dei dolori vertebrali e connessi.
La prova è che l'85% dei pazienti sottoposti a trattamenti eziologici vedono i loro dolori sparire.
In questo quadro entra allora in gioco la Posturologia, intesa come tecnica di riprogrammazione posturale.
Il posturologo prima di tutto effettua una anamnesi del paziente, lo esamina e individua il tipo di squilibrio, trovando il o più recettori coinvolti; in secondo luogo apporta la nuova programmazione di tutto l'insieme trattando le cause, ogni volta che ciò sarà possibile.
I problemi che si riscontrano più di frequente sono:

convergenza insufficiente di un occhio (spesso importante e generalmente non diagnosticata) che provoca anche dolori cervicali (collo e nuca) e pizzicore agli occhi la sera.

Uno squilibrio a livello della mandibola che provoca rigidità della nuca, soprattutto alla fine della notte e al mattino

L'appoggio esterno di un tallone abbinato all'appoggio interno dell'altro tallone che indica una rotazione e inclinazione del bacino, quindi dolori e rigidità a livello lombare

Cicatrice retratta o gonfia, sensibile o spiacevole al tatto che può essere la risposta alla comparsa di certi dolori o disturbi.

Un lavoro d'equipe è spesso necessario per poter trattare il paziente in maniera efficace e affidabile allo stesso tempo, infatti, la posturologia si avvale di differenti specialità: la medicina generale, la reumatologia, l'oftalmologia, la podologia, l'ortopsia (rieducazione degli occhi), l'arte dentistica e la rieducazione posturale.
Il trattamento del mal di schiena, dunque, è costituito da diverse terapie che si rivolgono direttamente alla causa dello squilibrio del Sistema Tonico Posturale, per cui:

Per il piede: solette di riprogrammazione posturale

Per l'occhio: uno speciale tipo di collirio, magnetoterapia per rilassare determinati muscoli oculari, rieducazione dei muscoli oculomotori con la ginnastica ortoptica.

Per l'apparato stomatognatico. Riequilibrazione con il bite, rimpiazzare i denti che mancano

Per le cicatrici:trattamento locale

Per i muscoli: Stretching posturale, rieducazione tipo Mézières e PILATES 

1 2 3 »


ARTICOLI CORRELATI

Ginnastica per il mal di schienaEsercizi: seduti o in piedi?Sciatica o SciatalgiaPrevenire il mal di schienaMal di schiena e prevenzione, consigli utiliFarmaci per la cura della SciaticaEsercizi per la schiena: ginnastica in ufficioMal di Schiena e Colonna vertebraleCoccigodiniaAddominali: come allenarli in soggetti ipo ed iperlordoticiCoccigodinia - Farmaci e Cura della CoccigodiniaCruralgiaLombosciatalgiaNervo CruraleMal di schienaRimedi per il Mal di SchienaSindrome del PiriformeAddominali e ipolordosi lombareAllenamento per migliorare e prevenire il mal di schienaAnsia, stress e Back ScoolColpo della stregaConsigli per il mal di schienaConsigli per prevenire il mal di schienaContro il mal di schiena: un'adeguata prevenzioneDiscopatia, discopatie degenerativeDolore dorsale - Cause e SintomiEsercizi di stretching per il mal di schienaEsercizi di tonificazione per il mal di schienaEsercizi per Rinforzare e Rilassare i Muscoli Paravertebrali e LombariLyseen - Foglietto IllustrativoMal di schiena e palestraMal di schiena, vero o falso?Mal di schiena: bibliografiaMal di schiena: Cause e SintomiMal di schiena: eziologia ed epidemiologiaMal di schiena: fattori di rischioMania da Addominali: i pro e i contro del lavoro per i muscoli addominaliMaterasso e mal di schienaMiotens - Foglietto IllustrativoMiotens Contrattura e Dolore - Foglietto IllustrativoMuscoril - Foglietto IllustrativoPilates e mal di schienaPrevenire il colpo della stregaRinforzo degli addominali e mal di schienaSciatalgia - Sintomi e cause di SciatalgiaSintomi CoccigodiniaSintomi Colpo della StregaSintomi SacroileiteStretching SchienaLYSEEN ® - PridinoloMal di schiena su Wikipedia italianoBack pain su Wikipedia inglesepilates su Wikipedia italianoPilates su Wikipedia ingleseDischi intervertebrali su Wikipedia italianoIntervertebral disc su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 22/11/2016