Sindrome dell'ovaio policistico

Ovaio policistico Cause ovaio policistico Conseguenze
Sintomi ovaio policistico Diagnosi Terapia ovaio policistico

 

L'ovaio policistico, noto anche come policistosi ovarica (PCO) o sindrome di Stein-Leventhal, è una condizione caratterizzata da ovaie ingrandite e policistiche - cioè ripiene di cisti di varie dimensioni - e da tre sintomi quasi sempre presenti (triade): amenorrea (assenza di mestruazioni), irsutismo (aumento della peluria), ed obesità. In alcune donne si osserva anche una familiarità per la sindrome.

I sintomi dell'ovaio policistico sono dovuti ad una situazione di anovulazione cronica, cioè un'assenza costante dell'ovulazione, associata ad un aumento della produzione e della secrezione degli ormoni androgeni (iperandrogenismo) in quantità variabile. La PCO può, occasionalmente, associarsi ad una serie di altre alterazioni ormonali che provocano iperandrogenismo: sindrome di Cushing, iperplasia congenita del surrene, tumori dell'ovaio e del surrene.


Cause


La più importante causa dell'ovaio policistico è l'iperandrogenismo, che è responsabile dell'irsutismo ed, indirettamente, dell'anovulazione e dei disturbi del ciclo. L'eccesso di androgeni è dovuto ad una serie di  alterazioni ormonali che caratterizzano la PCO e che sono un aumento dei livelli di LH - che mostrano ampie oscillazioni in rapporto ad una esagerata ed irregolare secrezione da parte dell'ipofisi (che produce LH) - e l'esaltata produzione di ormoni estrogeni ed androgeni da parte dell'ovaio. In particolare, è proprio l'irregolare - e spesso esagerata - secrezione di LH ad "iperstimolare" l'ovaio a produrre in abbondanza tali ormoni.

Nella sindrome dell'ovaio policistico la concentrazione di FSH, sempre prodotto dall'ipofisi, è invece ridotta. Sono inoltre abolite le variazioni secretorie di LH ed FSH legate ad un ciclo mestruale ovulatorio. In circa il 30% delle pazienti affette si rileva inoltre un modico aumento della prolattina, con valori circa doppi rispetto a quelli osservati in soggetti normali.


Cosa provocano le alterazioni ormonali della sindrome dell'ovaio policistico?


Le  elevate  quantità  di  androgeni  presenti in circolo vengono convertite in estrogeni a livello dei tessuti periferici, in particolare a livello del tessuto adiposo, ricco di enzimi il cui compito è proprio questa conversione. L'LH liberato in eccesso provoca aumento del volume dell'ovaio con iperproduzione di androgeni, che incrementano i processi di conversione periferica degli androgeni in estrogeni, perpetuando il circolo vizioso responsabile della sindrome dell'ovaio policistico.
L'inadeguata secrezione di FSH e l'elevata concentrazione di androgeni all'interno delle ovaie, in cui si svolge la maturazione del follicolo, provocano una sua incompleta maturazione. L'incompleta maturazione di numerosi follicoli, a sua volta, determina la formazione di piccole cisti. Le ovaie sono in genere, ma non necessariamente, ingrandite. Assai più raramente l'aumento della prolattina può determinare secrezione di latte dai capezzoli (galattorrea).


Sintomi dell'ovaio policistco


La policistosi ovarica è caratterizzata da una spiccata variabilità delle manifestazioni cliniche. La sindrome si diversifica pertanto in modo notevole da una paziente all'altra sia per la presenza o meno di determinati sintomi, sia per la loro intensità e per le alterazioni ormonali rilevabili con i comuni esami di laboratorio. In un rilevante numero di pazienti si scopre che alcune importanti  manifestazioni cliniche di questa malattia sono comparse già durante la pubertà: il menarca (prima mestruazione) avviene in genere all'età fisiologica, ma è subito seguito da irregolarità mestruali. Un eccessivo sviluppo dell'apparato pilifero si verifica subito prima od intorno all'età del menarca. Un eccesso di peso è presente in una quota di pazienti già prima del menarca.

I disturbi del ciclo  mestruale sono uno dei sintomi dell'ovaio policistico che più spesso portano la paziente a consultare il medico: possono  aversi cicli anovulatori, oligomenorrea (poche mestruazioni, "cicli che ritardano"), sanguinamento uterini anomali, amenorrea, infertilità ed alterazioni della temperatura basale, che riflettono la mancata ovulazione. In qualunque momento, per una fluttuazione del livello degli estrogeni, possono spontaneamente verificarsi dei cicli ovulatori. Tra le donne affette da ovaio policistico, l'irsutismo è quasi costantemente presente, ma è, in genere,  relativamente  lieve. Talora è presente acne, mentre solo raramente si osservano quelli che vengono chiamati segni di virilizzazione, e che sono irsutismo, stempiamento, recessione della linea di attacco dei capelli sulla fronte, acne ed aumento della produzione di sebo (pelle grassa), aumento delle masse muscolari, voce a tonalità bassa, aumento di volume del clitoride e delle grandi labbra, aumento del desiderio sessuale, aumento di volume delle mammelle e perdita della silhouette femminile. L'obesità è presente in meno della metà delle pazienti colpite dalla sindrome dell'ovaio policistico.


1 2 3 4 >>