Nitriti nelle urine

Il test dei nitriti nell'urina consiste nell'immersione di una striscetta reattiva in un campione urinario; dopo qualche minuto, nel caso in cui vengano riscontrate o meno concentrazioni significative di nitriti, il colore della cartina varia secondo la scala cromatica di riferimento.

Nitriti nelle urineNormalmente, piccole quantità di nitriti di origine alimentare vengono espulse con le urine, con il sudore e con le lacrime. La concentrazione di queste sostanze nell'urina aumenta significativamente in presenza di infezioni urinarie, data la capacità di convertire i nitrati urinari in nitriti, propria di molti batteri (Escherichia Coli, Aerobacter, Protus, Klebsielle, Pseudomonas, Enterococchi, Stafilococchi ecc.).

Il test dei nitriti nell'urina è più accurato se eseguito sulle prime urine del mattino, che hanno sostato a lungo in vescica dando il tempo ad eventuali batteri di metabolizzare i nitrati. La negatività del test non esclude comunque un'infezione, dato che alcuni germi non hanno la capacità di ridurre i nitrati a nitriti. Inoltre, è necessario che le urine provenienti dal rene contengano una quantità significativa di nitrati, presenti soprattutto nelle verdure fresche ed in molti salumi come conservanti (dove spesso abbondano anche i nitriti). Risultati falsamente negativi possono verificarsi anche durante una terapia antibiotica od una forte diuresi. Per evitare risultati falsamente positivi è invece importante scartare le prime urine emesse, raccogliendo quelle di metà del flusso in una provetta pulita, naturalmente dopo essersi lavati accuratamente le mani; le donne dovranno inoltre cercare di evitare possibili contaminazioni con le secrezioni vaginali.

Per migliorare sensibilità e specificità del test, l'esame dei nitriti nelle urine viene affiancato dalla valutazione dell'attività esterasica di eventuali leucociti urinari. Se entrambi gli esami sono positivi è molto probabile la presenza di un'infezione urinaria in corso; la certezza diagnostica verrà poi confermata dalla dimostrazione diretta dei leucociti (globuli bianchi) all'esame microscopico. In tal caso, l'esame microbiologico (urinocoltura) confermerà la presenza di batteri ed identificherà la specie in causa, mente l'antibiogramma valuterà la suscettibilità di questi microrganismi ai vari antibiotici.

La presenza di un'infezione urinaria, oltre che dalla positività all'esame dei nitriti nell'urina, è spesso segnalata da sintomi come frequente stimolo ad urinare, dolore o bruciore durante la minzione, urine torbide e di odore pungente, dolori nella parte bassa dell'addome od ai reni, brividi, febbre, sudore e dolori durante i rapporti.


SELF-TEST DOMESTICO PER LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

Di facile utilizzo, certificato CE e con elevate percentuali di sensibilità e specificità: sono queste le caratteristiche di PRIMA Home Test Infezioni Vie Urinarie, uno strumento pensato per ricercare infezioni delle vie urinarie causate da batteri controllando la presenza di leucociti, proteine e nitriti nelle urine.

Il tutto nella privacy e nel comfort di casa propria.

Per maggiori informazioni sui test di autocontrollo domestico, accedi al sito PRIMA Home Test o leggi l'articolo informativo su my-personaltrainer.it