Muco nelle urine

Il muco è un colloide viscoso e giallognolo che provvede a lubrificare e proteggere le membrane mucose dell'apparato digerente, respiratorio, urinario, visivo, uditivo e genitale.

Nell'urina il muco può rendersi evidente sottoforma di filamenti, strutture lunghe sottili ed ondulanti facilmente identificabili al microscopio ottico (vedi figura). Tracce di muco possono esistere nell'urina normale; tuttavia, quando il loro numero aumenta sino a rendere il fenomeno evidente ad occhio nudo (urine torbide, filamentose), potrebbe esservi un sottostante problema di infiammazione o irritazione del tratto urinario.

Muco nelle urine

 

Articoli correlati: urine torbide; leucociti nelle urine.

Muco nelle urine: le cause

Tra le possibili cause di muco nelle urine ricordiamo, in ordine decrescente di incidenza:

 

infezioni batteriche del tratto urinario: nonostante tutti gli organi del sistema urinario possano essere interessati da processi infettivi, in genere i batteri invadono l'uretra (uretrite) e la vescica (cistite), per poi eventualmente propagarsi alle vie urinarie superiori. Oltre al riscontro di muco nelle urine, le infezioni urinarie determinano tipicamente sintomi come bisogno impellente e frequente di urinare, con scarsa eliminazione di urina, dolore, bruciore e difficoltà di minzione.

 

malattie sessualmente trasmissibili: in presenza di patologie veneree come la gonorrea, la tricomoniasi o la clamidia è piuttosto frequente il riscontro di perdite muco-purulente, spesso di cattivo odore, dall'uretra (il tubicino che, aprendosi all'esterno, convoglia l'urina dalla vescica al di fuori dell'organismo). Di conseguenza le urine appaiono torbide, gialle e filamentose. Di norma questi sintomi sono associati a prurito e bruciore, soprattutto durante la minzione ed i rapporti sessuali.

 

sindrome dell'intestino irritabile: si tratta di un disturbo funzionale piuttosto frequente, che interessa il colon determinando dolori addominali, gonfiori intestinali, disturbi dell'alvo (diarrea o stitichezza, spesso alterate tra loro) e meteorismo. La sindrome del colon irritabile si associa comunemente a mucorrea, ovvero alla copiosa eliminazione di muco con le feci. Talvolta il muco può essere presente anche nelle urine o contaminarle nel wc dando l'impressione di un'origine urinaria.

 

colite ulcerosa: malattia infiammatoria cronica che colpisce l'intestino crasso, interessando dapprima il retto, per poi eventualmente estendersi a tutto il colon, con la comparsa di numerose ulcerazioni puntiformi che provocano il sanguinamento ed il riversamento del muco nel lume dell'intestino. I sintomi tipici della colite ulcerosa sono il dolore addominale e la diarrea, spesso frammista a sangue e a perdite mucose. Talvolta il muco può essere presente anche nelle urine o contaminarle nel wc dando l'impressione di un'origine urinaria.

 

calcoli renali: presenza di aggregati minerali all'interno delle vie urinarie, responsabili dell'emissione di urine di cattivo odore e di colore giallo scuro con tracce di muco. Se la dimensione dei calcoli renali è tale da occludere le vie urinarie, insorgono crampi e dolori addominali violenti che costituiscono il quadro della cosiddetta colica renale.

 

Per quanto esposto, è importante non trascurare la presenza di muco nelle urine, soprattutto quando si tratta di un reperto frequente o cronico associato a qualcuno dei sintomi sopraccitati. In questi casi, un consulto medico è quindi opportuno e necessario.