Mestruazioni e Gravidanza

Ciclo Mestruale

Le mestruazioni sono prodotte dallo sfaldamento dell'endometrio, il rivestimento più interno dell'utero che ha la funzione di accogliere e nutrire il feto durante un'eventuale gravidanza.

Nel periodo fertile di ogni donna, dal menarca alla menopausa, l'endometrio va in contro a modificazioni cicliche piuttosto regolari, sostenute dalle variazioni dei livelli ormonali (LH, FSH, estrogeni e progesterone). Mestruazioni e gravidanza

Nella prima fase del ciclo mestruale si assiste allo sfaldamento della superficie endometriale esterna, formata da cellule colonnari cigliate che sovrastano vasi sanguigni, linfatici e ghiandole che producono muco. Hanno così inizio le mestruazioni, piccole perdite ematiche (circa 40 ml in tutto) frammiste a muco e residui cellulari. Contemporaneamente, nell'ovaio inizia la crescita di alcuni follicoli, ma soltanto uno di essi verrà portato a completa maturazione.

Terminate le mestruazioni, a poco a poco si ricostituisce la circolazione superficiale dell'endometrio, che aumenta via via di spessore fino al momento dell'ovulazione. A questo punto, il follicolo maturo libera la cellula uovo, che migra nelle tube di Falloppio per essere fecondata dagli spermatozoi. Se questo magico evento si realizza, ha inizio il concepimento.

Fecondazione

Dalla fusione del patrimonio genetico dello spermatozoo con quello dell'ovocita, origina una cellula chiamata zigote, che va in contro ad una lunga serie di divisioni mitotiche, fino a formare un grappolo di cellule, detto blastula, a forma di mora. Sarà proprio la blastula, una settimana circa dopo la fecondazione, ad impiantarsi nell'endometrio materno, concludendo di fatto la fase del concepimento.

Anche la fase di impianto dura all'incirca sette giorni e si compone di tre eventi distinti: l'avvicinamento all'endometrio, l'adesione allo stesso e l'ultima fase di penetrazione (invasione). "Magicamente", quindi, l'impianto termina intorno al 14° giorno dopo la fecondazione, ovvero il 28° giorno del ciclo mestruale, momento in cui in assenza di gravidanza ritornerebbero le mestruazioni.

Durante la Gravidanza

Per quanto detto, le mestruazioni non si presentano MAI durante la gravidanza, proprio perché la loro comparsa segnalerebbe uno sfaldamento dell'endometrio e la perdita del feto; casomai, durante le fasi iniziali della gestazione la donna può sperimentare delle "false mestruazioni", piccole perdite emorragiche con tutt'altro significato biologico.

Al momento dell'impianto, per esempio, la donna può accusare una lieve perdita di sangue, che dura soltanto due o tre giorni con un flusso limitato ma spesso sufficiente a "nascondere" temporaneamente lo stato di gravidanza.


Per approfondire, leggi: Perdite da Impianto »

Domande comuni

L'assenza di mestruazioni è sempre sinonimo di gravidanza?

 

Il ritardo o il mancato arrivo delle mestruazioni dopo il menarca (il primo flusso mestruale della donna) non è necessariamente indice di gravidanza in corso. Forti stress, preoccupazioni, diete ferree, rapida perdita di peso, eccessiva attività fisica, carenze nutrizionali di vario tipo, infezioni ginecologiche o malattie sistemiche, possono accompagnarsi ad amenorrea (scomparsa del ciclo mestruale da almeno tre mesi) ed oligomenorrea (mestruazioni distanziate da intervalli più lunghi rispetto ai canonici 28-30 giorni).

 

Si può rischiare una gravidanza facendo sesso durante le mestruazioni?

 

Le probabilità di rimanere incinta a causa di un rapporto sessuale consumato durante le mestruazioni sono basse, ma assolutamente non nulle.

Non tutti i cicli mestruali, infatti, hanno esattamente la stessa durata e a variare è proprio la prima fase, quella che va dalle ultime mestruazioni all'ovulazione. Inoltre, gli spermatozoi possono sopravvivere nel collo dell'utero fino a 3-4 giorni dopo il rapporto.

 

Quanto tempo occorre affinché le mestruazioni ricompaiano dopo la gravidanza?

 

Durante l'allattamento l'ovulazione continua ad essere sospesa, a patto che gli ormoni della lattazione vengano secreti in maniera regolare, quindi che il neonato venga allattato esclusivamente al seno, sia di giorno che di notte, ad intervalli regolari ed inferiori alle quattro ore. Normalmente le mestruazioni ricompariranno soltanto al termine dell'allattamento e comunque entro sei mesi dal parto.

Purtroppo l'efficacia contraccettiva dell'allattamento, pur essendo buona, non è assoluta, tanto che alcune donne possono sperimentare la ricomparsa delle mestruazioni già durante l'allattamento; ancora una volta, comunque, specie nelle prime settimane dopo la gravidanza, può trattarsi semplicemente di "false mestruazioni", nel caso specifico delle cosiddette lochiazioni, perdite di sangue unite a residui della gravidanza che si verificano durante il puerperio.

 

False mestruazioni in gravidanza, quando preoccuparsi?

 

Possono esservi molte ragioni alla base degli episodi di sanguinamento più o meno intenso durante la gravidanza. A volte si tratta di problemi seri, ad esempio per una gravidanza ectopica o anomalie placentari, altre volte no. Per questo, è importante segnalare qualsiasi falsa mestruazione in gravidanza al proprio ginecologo o medico curante.



Ultima modifica dell'articolo: 07/12/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Imene