Mal di schiena: degenerazione del disco intervertebrale

A cura del Dott. Stefano Casali


Degenerazione del disco intervertebrale

Mal di schiena
  • Il disco, così come l'osso, può andare incontro a lesioni progressive da fatica a seguito di carichi cumulativi inferiori al carico di rottura o a seguito di carichi mantenuti nel tempo. Queste consistono essenzialmente in:

    fissurazioni all'interno dell'anulus, specie nella sua porzione posteriore, più sottile e meno robusta, o a livello dei piatti vertebrali, con penetrazione al loro interno di materiale nucleare; questo fenomeno è molto frequente nelle persone giovani e di mezza età, mentre è raro nell'anziano a causa della bassa pressione intranucleare .
    Penetrazione delle lamelle interne dell'anulus nel nucleo (fenomeno frequente nell'anziano).

Ernia del Disco

 

Ernia al disco

 

  • Un'azione eccessiva e prolungata del carico discale, sommata al naturale invecchiamento di queste strutture, può provocare un progressivo deterioramento dell'anello fibroso, che tende a fissurarsi e a rompersi con conseguente discopatia e fuoriuscita del materiale nucleare (ernia del disco), ed interessamento delle strutture adiacenti.
  • Per i suoi stretti rapporti anatomici con le strutture ligamentose, tale fuoriuscita è molto rara a livello anteriore mentre è più probabile a livello posteriore o postero-laterale
  • Si può quindi definire la disfunzione discale come un'anomalia anatomica e funzionale del disco intervertebrale, tale da poter essere identificata come causa prevalente della lombalgia o lombosciatalgia
  • La disfunzione discale può essere reversibile (dislocazione, bulging o protrusione) o irreversibile (ernia estrusa o sequestrata)
« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 »


Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016