Farmaci per la Febbre nel Bambino

« prima parte

Farmaci per la febbre nel bambino*

Gli schemi terapeutici per curare un bambino con la febbre sono principalmente tre:

  1. Paracetamolo
  2. Ibuprofene
  3. Paracetamolo e Ibuprofene in regime alternato

* come più volte ribadito, tali indicazioni hanno uno scopo puramente illustrativo e non intendono in alcun modo promuovere l'autoterapia o altre pericolose pratiche "fai da te" in campo sanitario.

Paracetamolo

Il Paracetamolo deriva da una sostanza chimica chiamata para-aminofenolo ed agisce riducendo la sintesi di molecole chiamate prostaglandine, che sono dei mediatori dell'infiammazione. Se somministrato per bocca (per os), viene assorbito dal tubo gastroenterico, inizia a dare beneficio 30 minuti dopo l'assunzione ed ha un massimo di attività due ore dopo la stessa. Il dosaggio varia a seconda del peso del bambino: ne vanno somministrati 10-15 milligrammi per chilo (non più di 20) ogni 4-6 ore per via orale, oppure 20 milligrammi per chilo per via rettale. La somministrazione ideale è per via orale, ma esistono anche delle formulazioni in supposte, che vengono assorbite dai vasi sanguigni della mucosa del retto andando ad incidere meno sul fegato. Sono molto utili soprattutto in caso di vomito (in cui le formulazioni orali vengono rigettate senza dare beneficio) od in bambini con malattie epatiche. Può essere tossico per il fegato a dosaggi uguali o superiori a 120 milligrammi per chilo al giorno.
Alcuni esempi:

Tachipirina ®: supposte da 125 mg, 250 mg, 500 mg, 1 g; gocce (dosaggio 3 gocce/kg); sciroppo (1 ml pari a 24 mg); compresse da 250 mg (Flashtab); 500 mg (Flashtab); 1 grammo
Efferalgan®: supposte da 80 mg, 150 mg, 300 mg; compresse da 500 e 1 grammo; sciroppo (1ml pari a 30 mg)
• Sanipirina®: supposte da 150 mg, 300 mg, 600 mg; compresse da 500 mg; sospensione (1 ml pari a 24 mg)

Ibuprofene

L'Ibuprofene appartiene ai FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), agisce riducendo la sintesi di prostaglandine, viene assorbito dal tratto gastrointestinale, inizia a dare beneficio 60 minuti dopo l'assunzione ed ha un massimo di attività dopo tre ore dalla sua assunzione. Ne vanno somministrati 5-10 milligrammi per chilo (non più di 15) ogni 8 ore. Come per il Paracetamolo, anche l'Ibuprofene ha una somministrazione ideale per via orale e può essere tossico per il fegato a dosaggi uguali o superiori a 120 milligrammi per chilo al giorno.

Paracetamolo e Ibuprofene

Il regime alternato consiste nella somministrazione alternata di Paracetamolo a 12,5 milligrammi per chilo alternato ad Ibuprofene a 5 milligrammi per chilo ogni 4 ore, è stato visto essere un metodo efficace e non avere effetti avversi, ma molti lo sconsigliano perché, nei bambini disidratati, c'è il rischio che provochi un danno renale.

Alcuni esempi:
• Nureflex® sciroppo
Antalfebal® sciroppo
• Sinifev® sciroppo.


Per tutti e tre i prodotti, 1 millilitro equivale a 20 milligrammi.


Ultima modifica dell'articolo: 01/11/2016