Faccia Gonfia - Gonfiore del Viso

Generalità

Nel linguaggio comune, il termine "faccia gonfia" identifica una particolare condizione del volto umano, che appare decisamente gonfio e "allargato".

In genere, la faccia gonfia è il risultato di un eccessivo accumulo locale di liquidi (edema), spesso - ma non sempre - conseguente a una reazione infiammatoria locale.

faccia gonfiaSebbene il gonfiore possa interessare qualunque area del viso, si accentua più spesso nell'area labiale, nelle guance e nelle palpebre. Altrettanto spesso, la condizione viene accentuata da un aspetto gonfio del collo, più facilmente correlato a sovrappeso ed obesità.

Cause

L'eccessivo gonfiore del volto può essere scatenato da:

Quando preoccuparsi

Quando Allarmarsi e Quando chiedere Aiuto al Medico

In genere un sintomo dev'essere considerato tanto più allarmante quanto più improvvisa è la sua insorgenza e violenta la sua manifestazione.

Il gonfiore del viso merita l'immediata richiesta di soccorso sanitario quando insorge improvvisamente, associandosi a sintomi come rash cutanei, orticaria, tosse severa e difficoltà respiratorie, cianosi e pallore, senso di soffocamento, gonfiore generalizzato dell'organismo, prurito nella gola o nella bocca e malessere severo (tutti indici di un probabile shock anafilattico).

faccia gonfiaIl gonfiore del viso va prontamente sottoposto all'attenzione medica quando si accompagna a sintomi come febbre lieve o moderata, mal di testa, dolore durante la deglutizione, male agli occhi o rossore degli stessi, dolore al volto, rossore della cute o comparsa di vescicole cutanee ripiene di liquidi o pus.

Rimedi e Trattamenti

La terapia più idonea alla risoluzione del gonfiore deve mirare a risolvere le cause che l'hanno generata.

Quando la faccia gonfia è la semplice conseguenza di una notte insonne o di un lieve trauma del viso, può essere utile l'applicazione locale di ghiaccio sotto forma di impacchi, da mantenere in sede per 10-15 minuti (evitare l'applicazione diretta del ghiaccio, ma avvolgerlo in un panno per evitare ustioni). Un altro rimedio abbastanza noto consiste nell'applicazione locale delle bustine di che residuano dall'estrazione in acqua: mentre la bevanda agisce dall'interno stimolando la diuresi e contrastando la ritenzione idrica, le bustine, una volta raffreddate, vengono applicate sulla cute per sfruttare l'azione astringente dei tannini (utile per ridurre il gonfiore del viso).

Naturalmente, quando il gonfiore dipende da patologie di base, il trattamento deve essere rivolto alla risoluzione della malattia che ha scatenato il sintomo.
Nel caso in cui, invece, il gonfiore del viso sia provocato dall'assunzione di alcuni tipi di medicinali, per risolvere il problema può essere sufficiente sospendere il trattamento con i suddetti farmaci. Tuttavia, prima di interrompere qualsivoglia terapia farmacologica, è sempre bene chiedere il consiglio preventivo del proprio medico; fatto salvo il caso in cui la faccia gonfia non rappresenti un chiaro segno di allergia al farmaco (quindi se si presenta in associazione ad altri sintomi tipici delle reazioni allergiche). In una simile situazione, infatti, l'assunzione del farmaco dovrebbe essere immediatamente sospesa, ma rimane comunque necessario contattare il proprio medico o, se necessario, rivolgersi al più vicino ospedale.



Ultima modifica dell'articolo: 04/11/2017