Esercizio acquatico in gravidanza

A cura di : saluteinmovimento.com


Oggi esistono numerosi corsi di preparazione al parto -anche e soprattutto di preparazione fisica- che aiutano le donne a comportarsi in modo consapevole e ad affrontare con serenità il momento della nascita, controllando il dolore e vincendo le emozioni negative.

L'esercizio fisico non dovrebbe iniziare durante la gravidanza, bensì essere radicato come un'abitudine di vita; per questo è consigliabile prepararsi alla gravidanza iniziando la pratica degli esercizi ancor prima del concepimento.
Nessun evento fisiologico in una donna esercita tante ripercussioni e produce tanti mutamenti come la gravidanza. Come conseguenza di questi mutamenti vi sono diverse regioni del corpo che possono subire l'influenza ed i condizionamenti dell'attività sportiva. Occorre inoltre tener conto che la gravidanza stessa è in sè uno stato di allenamento: i sistemi cardiovascolare e muscolare sono infatti messi alla prova semplicemente dall'aumento di peso durante la gestazione.
Una delle modificazioni ben note in gravidanza è l'alterazione della postura che si verifica col progredire dello stato gestazionale. La gravidanza sviluppa gradualmente e progressivamente una spiccata lordosi della colonna vertebrale e questa situazione determina un'alterazione del centro di gravità e la conseguente modificazione della biomeccanica dei movimenti.
L'ambiente acquatico offre evidenti vantaggi sia alla madre che al nascituro: il bambino vive in stretta dipendenza dalla madre, si nutre del suo cibo, dei suoi pensieri e dei suoi sentimenti, pur essendo un individuo ben distinto dalla madre, con la sua personalità ed il suo carattere. Il parto non è altro che il momento del passaggio del bambino dalla vita interna alla madre alla vita al di fuori di lei, è la fine di un'evoluzione e l'inizio di un'altra; ed il periodo di gestazione è pensato come una fase di allenamento e preparazione per giungere all'obiettivo nel migliore dei modi, sia a livello fisico che psichico e spirituale.

ACQUA: l'acqua rappresenta la sostanza inorganica più importante e abbondante che esista ed è l'elemento essenziale della vita; possiamo trovare questo fluido già nella sua unità costituente, cioè la cellula, che vive in una soluzione salina d'acqua, definita comunemente liquido extracellulare.
Tutto il sistema dei liquidi circolanti nel corpo umano, come il sangue e la linfa, è formato in gran parte di acqua.
L'acqua ha funzioni fondamentali all'interno del corpo: permette il meccanismo dell'osmosi, un mezzo di diffusione di molte sostanze nutritizie e di eliminazione; mantiene costante la temperatura corporea, lubrifica organi e giunture ed ha la capacità di sciogliere e diluire. E' l'elemento fluido che trasporta e mette in comunicazione le varie parti del corpo umano; questo elemento, in quanto aspetto materno e femminile, esprime passività, accoglienza, recettività. Il suo stato liquido, intermedio fra i solidi e i gassosi, la tiene libera da rigidità di forme ed allo stesso tempo le dà la capacità di trasformarsi e assumere qualsiasi forma; riempie gli spazi, colma i vuoti, è l'elemento che mette in comunicazione, che collega, che conduce l'informazione essendo di fatto il conduttore ed il recettore per eccellenza.

PISCINA: la piscina può essere considerata il luogo ideale per svolgere ginnastica in acqua. Posto che l'attività fisica è fondamentale per la salute di ogni individuo, lo è senza alcun dubbio anche per una gestante che, in questa particolare situazione, ha la tendenza a diventare sedentaria.
Ma quanto "dovrà essere' la temperatura ideale dell'acqua? La temperatura ideale per la pratica degli esercizi dovrebbe essere intorno ai 30-31°C; in genere le piscine mantengono la temperatura più bassa (tra 26 e 28°C)  anche per la presenza di attività a carattere agonistico come il nuoto, il "syncro' e la pallanuoto. Tali temperature possono andare bene in gravidanza, ma bisognerà prestare attenzione a non prendere freddo e ritagliare uno spazio più ampio agli esercizi dinamici.

 

CONTINUA: Effetti e vantaggi per madre e bambino >>