Emocromo (od esame emocromocitometrico)

Conteggio dei globuli rossi (RBC)

Esprime il numero degli eritrociti per microlitro di sangue. Viene anche chiamato con la sigla RBC.

Indici corpuscolari

Gli indici corpuscolari sono rappresentati dal volume cellulare medio (mean cell volume, MCV), dal contenuto cellulare medio di emoglobina (mean cell hemoglobin, MCH) e dalla concentrazione cellulare media di emoglobina (mean cell hemoglobin concentration, MCHC). Essi sono largamente utilizzati nella classificazione delle anemie, mentre la concentrazione dell'emoglobina e l'ematocrito sono indici comunemente utilizzati per esprimere la loro gravità. Questi due parametri sono infatti vincolati da un rapporto costante: una unità di emoglobina, in grammi per decilitro, è equivalente a tre unità di ematocrito, in punti percentuali. Questo rapporto può modificarsi quando, per esempio, compaiono in circolo eritrociti di dimensioni o forme anormale, oppure quando la produzione di emoglobina diminuisce.

 

Volume cellulare medio (MCV)


Questo indice rappresenta il volume medio del globulo rosso. Con i contatori elettronici, l'MCV è misurato direttamente; tuttavia, è molto facile calcolarlo: basta dividere il valore dell'ematocrito per il numero dei globuli rossi (espresso in milioni per microlitro) e moltiplicare per 1000. L'MCV è espresso in femtolitri (fl = 10-5 litri) per cellula. I valori normali sono compresi tra 80 e 100 fl.

 

Contenuto cellulare medio di emoglobina (MCH)


Questo valore è calcolato automaticamente dai conta cellule elettronici, ma può essere ricavato conoscendo il numero di globuli rossi e la concentrazione dell'emoglobina. L'MCH è espresso in picogrammi e può essere calcolato dividendo la quantità di emoglobina (per litro di sangue) per il numero di eritrociti (per litro). I valori normali sono compresi tra 26 e 32 picogrammi (pg = 10-12 grammi; pg = μμg = micromicrogrammo).

 

Concentrazione cellulare media di emoglobina (MCHC)


Anche questo parametro viene calcolato dal contatore elettronico di cellule una volta che sia stata misurata l'emoglobina e calcolato l'ematocrito. La MCHC si può calcolare manualmente dividendo il valore di emoglobina/dl  per l'ematocrito. I valori di riferimento sono 32-36%.

Il volume (MCV) ed il contenuto emoglobinico (MCH) delle singole cellule sono parametri importanti ai fini della valutazione delle anemie e delle altre patologie ematologiche. Rispetto al volume, la cellula può essere definita normocita quando l'MCV è normale, microcita quando l'MCV è più basso del normale, macrocita quando l'MCV è più alto del normale.

Il grado di emoglobinizzazione delle cellule può essere apprezzato misurando l'MCH; di conseguenza, le cellule saranno definite normocromiche od ipocromiche a seconda che l'MCH sia, rispettivamente, nei limiti della norma o più basso del normale.
Alcune malattie sono associate alla presenza di eritrociti anomali di dimensioni variabili, da molto piccoli a molto grandi. Questa variabilità non è evidenziabile quando si calcola la media dei valori, e ne può risultare un MCV falsamente normale. Sarà allora un altro esame, chiamato esame morfologico dello striscio di sangue periferico, che rivelerà questa alterazione, che comunque può essere quantificata dal contacellule elettronico come RDW (Red Cell Distribution Width, od ampiezza della curva di distribuzione degli eritrociti). Il valore normale è compreso tra 11,6% e 14,6%; valori più alti indicano presenza di un'ampia variabilità delle dimensioni delle cellule. Esso è tanto più alto quanto maggiore è il distacco dalla norma.
Per quanto riguarda il contenuto di emoglobina degli eritrociti, bisogna ricordare che la concentrazione emoglobinica presenta notevoli variazioni a seconda dell'età del soggetto. Alla nascita, per esempio, i valori sono più elevati che in qualsiasi altro periodo della vita e diminuiscono bruscamente nel periodo immediatamente successivo. Un valore di 10-11 g/dl è normale per un neonato di 3 mesi.


<< 1 2 3 4 >>