DPTS - Disturbo Post Traumatico da Stress -

A cura del Dott. Stefano Casali

Tipi di intervento

Il DPTS può essere affrontato clinicamente in più modi, poiché rientra nella categoria generale dei Disturbi d'Ansia per i quali la psicoterapia Cognitivo - Comportamentale ha sviluppato molteplici mezzi. Nell'immediato vanno affrontati i sintomi ansiosi e le tecniche di rilassamento (Jacobson, Training autogeno etc) e l'ipnosi potrebbero essere un sostegno immediato più valido dei farmaci, poiché, sebbene non tutti ne potranno beneficiare, quelli che le potranno sperimentare (e parliamo di numeri dell'ordine delle migliaia) saranno almeno sottratti agli effetti collaterali degli psicofarmaci. Per coloro per i quali la farmacologia sarà obbligata, si deve, comunque, considerare l'opportunità di sottrarli ai farmaci il prima possibile, magari proprio con l'aiuto di una di queste tecniche, in modo da avvicinare il più possibile l'inizio di una fase terapeutica non di emergenza. In una fase successiva si possono affrontare gli altri sintomi come l'evitamento. Disturbo Post Traumatico da Stress -DPTS-Un primo intervento con la tecnica della "desensibilizzazione sistematica"può aiutare molte vittime a ricordare gli attentati senza sperimentare ansia in misura eccessiva. Questo significherebbe l'apertura di una strada per una psicoterapia medio - lunga che potrebbe produrre una "ristrutturazione cognitiva"del paziente ossia potrebbe aiutarlo a riconsiderare tutto l'evento sotto una luce più oggettiva. Il disagio psichico di molti sopravvissuti, per esempio, è legato al senso di colpa per "avercela fatta" mentre tanti altri innocenti sono morti al proprio posto per caso; nei parenti, invece, insorge una intensa difficoltà ad elaborare il lutto ossia ad accettare la perdita. Con una terapia Cognitivo-Comportamentale che faccia uso almeno delle tecniche indicate si può ragionevolmente sperare di riportare i pazienti ad una vita accettabile in tempi non biblici, poiché questo tipo di terapia è centrata sul problema e non sulle cause profonde dei disturbi psicologici. In casi come il DPTS, difatti, è inutile e addirittura dannoso andare nel profondo, poiché per sperare minimamente di poter intervenire più profondamente è necessario prima di tutto sottrarre rapidamente il paziente alla morsa del disagio psicologico per restituirgli risorse cognitive ed emotive irrinunciabili. Quando si è recuperato il paziente ad un funzionamento psicologico più vicino ai suoi livelli usuali, allora si può pensare di impegnarlo in una terapia dai tempi più "rilassati" che tenga magari in conto principalmente le sue caratteristiche di personalità e storia individuale. La terapia psicologica ad orientamento  emotocognitivo, rivolta alla persona che presenta già i sintomi del disturbo post-traumatico da stress, si propone di aumentare le possibilità di riorganizzazione funzionale della persona per favorire l'accesso alle risorse personali e sociali in grado di promuovere la risoluzione della sintomatologie, prevenire ricadute o cronicizzazioni, o comunque migliorare la situazione di disagio. Nel modello della psicologia emotocognitiva attualmente  ci si riferisce ai disturbi post-traumatico ed acuto da stress come disturbi d'ansia reattivi allo stress o correlati a stress. La reazione psicofisiologica allo stress ovvero il tipo di percezione, di rappresentazione, quindi di elaborazione che ne fa il paziente all'interno di un contesto che definiamo bio-psico-sociale è ciò che va infatti riorganizzato al fine di un tentativo di remissione di quei sintomi che interferiscono anche gravemente con lo svolgimento "normale" di attività sociali, lavorative, scolastiche ed interpersonali. La terapia del disturbo post-traumatico da stress e del disturbo acuto da stress, in psicologia emotocognitiva, mira a rompere il circolo vizioso, definito loop disfunzionale, che si è instaurato a livello psico-sociale ovvero cercherà di riorganizzare le risorse che il paziente utilizza per evitare e per tentare di risolvere senza successo il problema non più contro se stesso ma a suo favore. Il disturbo, ricordiamo, non è alimentato e mantenuto soltanto dai comportamenti, dai pensieri e dalle azioni disfunzionali del paziente ma anche dalle reazioni delle persone che ruotano intorno a quello che possiamo definire il "portatore del sintomo". La terapia psicologica è breve, come per quasi tutti i disturbi del cluster ansioso e altamente efficace. Occorre ovviamente rivolgersi a psicologi esperti in grado di utilizzare le nuove tecniche derivate dalla psicologia emotocognitiva. Dal momento in cui il DPTS è stato definito come entità clinica autonoma, sono stati approntati strumenti standardizzati per la sua diagnosi e per la sua valutazione sia trasversale che seriata:

  • DIS (Diagnostic Interview Schedule);
  • SCID (Structured Clinical Interview per il DSM-III-R);
  • SI-PTSD - Structured Interview for PTSD (Davidson, 1989);
  • CAPS - Clinician-Administered PTSD Scale (Blake et al., 1990);
  • TOP-8 - Eight-item Treatment-Outcome Post-Traumatic Stress Disorder (Davidson e Colket, 1997);
  • Short Screening Scale for DSM-IV PTSD.

Numerose sono inoltre le scale di autovalutazione tra le quali ricordiamo:

  • IES - Impact of Event Scale (Horowitz et al., 1979);
  • MSS - Mississippi Scale (Keane et al., 1988);
  • Purdue Post-traumatic Stress Scale;
  • SIP - Self-rating Inventory for Post-traumatic Stress Disorder (Hovens et al., 1994);
  • PDEQ - Peritraumatic Dissociation Experiences Questionnaire (Foa et al., 1993) ;
  • PDS - Post-traumatic Stress Diagnostic Scale (Foa, 1995);
  • DTS - Davidson Trauma Scale (Davidson et al., 1997).

Revised Impact Of Event Scale - IES (da Horowitz et al, 1979, modificata)

 

Qui di seguito è riportata una lista di affermazioni fatte da persone che hanno vissuto eventi di vita traumatici. Controlli ogni affermazione indicando, per ciascuna, con quale frequenza lo ha pensato anche lei NEGLI ULTIMI SETTE GIORNI. Se durante questo periodo non lo ha pensato, faccia una crocetta nella colonna contraddistinta da "mai".

FREQUENZA
  Mai Raramente Qualche volta Spesso

1. Ho ripensato all'evento traumatico sebbene non avessi l'intenzione di farlo.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

2. Ho cercato di non lasciarmi prendere dal turbamento quando ci ho ripensato o l'ho ricordato.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

3. Ho cercato di rimuoverlo dalla memoria.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

4. Ho avuto difficoltà nell'addormentarmi o nel mantenere il sonno, a causa di immagini o di pensieri relativi all'evento traumatico che mi ritornavano alla mente.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

5. Ho provato forti emozioni ricorrenti legate ad esso.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

6. Ho fatto sogni che riguardavano quell'evento.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

7. Ho cercato di evitare ciò che me lo avrebbe potuto ricordare.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

8. Ho avuto la sensazione che non fosse accaduto o non fosse reale.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

9. Ho cercato di non parlarne.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

10. Immagini dell'evento sono entrate improvvisamente nella mia mente.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

11. Altri pensieri mi hanno portato a pensarci.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

12. Mi sono accorto di avere ancora molte emozioni legate ad esso, ma non le ho prese in considerazione.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

13. Ho cercato di non pensarci.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

14. Ogni ricordo mi ha richiamato alla memoria emozioni legate a quell'evento.

Mai Raramente Qualche volta Spesso

15. Le emozioni legate ad esso erano come una specie di stordimento.

Mai Raramente Qualche volta Spesso
Sintomi intrusivi = 1,4,5,6,10,11,14; Sintomi di evitamento = 2,3,7,8,9,12,13,15

« 1 2 3 »


ARTICOLI CORRELATI

Disturbo Post Traumatico da Stress - Criteri DiagnosticiDisturbo Post Traumatico da Stress - DPTS -Disturbo post-traumatico da stress e disturbo acuto da stressFlashback - Cause e SintomiSintomi Disturbo Post-Traumatico da StressDisturbo Post Traumatico da Stress su Wikipedia italianoPosttraumatic stress disorder su Wikipedia ingleseStress - ErboristeriaRadicali liberi e Stress OssidativoLo Stress fa Ingrassare - Come Controllarlo per DimagrireDieta Anti StressEsaurimento NervosoAcutil Fosforo - Foglietto IllustrativoAnsia, stress e Back ScoolCombattere Stress ed Ansia con il Training AutogenoConseguenze deIlo stress cronicoContro lo Stress - Quale dieta e quale allenamentoEsempi Diete Antistress da 2500 e 1900KCalFrattura da stressGestione dello stressIl potere della visualizzazione, stress e condizionamenti neuroassociativiLa reazione o risposta di stressLe 5 fasi del distress cronicoRebounding e Gestione dello StressRespirazione e stressStress e alimentazioneStress e benessereStress e benessere - Bibliografia -Stress e benessere - Consigli Mentali -Stress e benessere psicologiaStress e benessere: allarme e resistenzaStress e benessere: Educazione MentaleStress e Carboidrati: La dieta antistressStress e condizionamenti neuroassociativiStress e fitnessStress e gonfioreStress e lavoroStress e tensione fisicaStress e tensione psichicaStress e vita cellulareStress ed attività fisicaStress ed esercizio fisicoStretching via lo stressTecnica di rilassamentoDieta Antistress - ConclusioniStress su Wikipedia italianoStress su Wikipedia inglese