Attività fisica e cardiopatie: il collasso cardiaco

A cura del Dott. Gian Marco Azzolini

 

Prima del 1980 il collasso cardiaco cronico veniva trattato solamente con riposo e medicinali per ridurre lo stress sul sistema cardiovascolare malato; dopo molti test e ricerche i clinici hanno rivalutato il ruolo di un esercizio regolare in pazienti con cardiopatie.
Adesso è chiaro che l'attività fisica migliora molti fattori in pazienti cardiopatie: la funzionalità muscolare, incrementa la capacità sub-massimale di eseguire sforzi, diminuisce le resistenze periferiche a livello dei vasi sanguigni, incrementa il picco di assorbimento di ossigeno, aumenta il picco di espressione di potenza, migliora i battiti cardiaci a riposo e la soglia ventilatoria nonché diminuisce la sensazione di affaticamento.
A causa di un battito cardiaco irregolare, durante la pratica dell'allenamento si deve sempre considerare il "range" appropriato di frequenza cardiaca: questo viene calcolato con la formula di Karvonen:

[(220-età-FC a riposo)x % intensità di lavoro]+FC a riposo;

(FC = frequenza cardiaca) la FC deve essere più bassa rispetto ai soggetti sani (50-55%) o tra il 40-60% del picco del VO2max(massimo consumo di ossigeno).


I pazienti con collasso cardiaco cronico hanno bisogno di un approccio graduale all'allenamento, con un buon riscaldamento che permetta la vasodilatazione prima della richiesta di uno sforzo. Essi possono gradualmente incrementare l'attività fisica aumentando la durata degli esercizi e dopo un lungo periodo di allenamento possono avere anche un programma autonomo di esercizi da svolgere anche a casa.
L'allenamento di "resistenza" con sovraccarichi bassi e un alto numero di ripetizioni previene l'eccessiva tensione e l'apnea (tipiche dell'allenamento per la forza) che sarebbero dannose perché aumenterebbero di molto le richieste del cuore.
Ogni tipo di guadagno nella capacità di svolgere esercizi è accompagnato da un miglioramento nello stato sintomatico e nella qualità della vita del soggetto cardiopatico.



ARTICOLI CORRELATI

Cellulite, rimedi e attività fisica Attività fisica e Diabete di tipo 2 Ormoni tiroidei T3 - T4 ed esercizio fisico Benefici dell'attività fisica in presenza di Diabete di tipo 2 Cellulite: qual è l'attività fisica più idonea? Linee guida per l'attività fisica nel Diabete di tipo 2 Osteoporosi, fratture ed attività fisica Acqua ed attività sportiva Adattamenti del cuore in risposta all'attivita' fisica Analisi della necessità di creare centri per attività motorie personalizzate Anziani ed attività fisica: screening cardiologico Apparato respiratorio e attività fisica negli anziani Attività agonistica e prevenzione delle infezioni Attività agonistica, infezioni e vaccinazioni Attività fisica e colesterolo Attività fisica e funzionalità cardiorespiratoria Attività fisica e gravidanza Attività fisica e lombalgia Attività fisica e sport nell'età evolutiva Attività fisica e sport nella terza età Attività fisica ed invecchiamento Attività fisica in gravidanza Attività fisica per bambini Attività sportiva ed obesità Attività sportive e impegno cardiovascolare Attività fisica e corretta alimentazione: il giusto binomio per dimagrire Attività fisica e Ipertensione Attività fisica ed Ipertensione ATTIVITA' FISICA E OBESITA' ATTIVITA' FISICA FITNESS E WELLNESS Benefici e rischi dell'attività fisica nell'obesità Benessere e attività fisica Cellulite, dieta e attività fisica Curare la Cellulite - Alimentazione ed Attività Fisica DIABETE: Attività fisica e diabete mellito Dieta ed esercizio fisico Idratazione e attività fisica Il soggetto obeso e l'attività fisica Ipertensione ed attività fisica Ipertensione ed attività fisica: controindicazioni? Obesità, ormoni ed esercizio fisico Patologie cardiovascolari e attività sportiva Prevenzione, salute e attività fisica Quanto mangiare prima dell’attività fisica Sedentarietà e bambini, il ruolo dell'attività fisica Sforzo Cardiovascolare - Attività Sportive Sistema immunitario ed esercizio fisico Soffio al cuore: diagnosi, prevenzione e attività fisica Stress ed attività fisica
Ultima modifica dell'articolo: 21/04/2017