Carenza di vitamina D

Cause

Carenza vitamina D

L'applicazione di creme solari, fondamentale soprattutto in tenera età per prevenire il tumore della pelle, può limitare quasi completamente la sintesi cutanea di vitamina D.

La carenza di vitamina D può svilupparsi per svariate ragioni, riconducibili a:

  • insufficiente apporto alimentare;
  • inadeguata esposizione al sole (in particolare ai raggi UVB), che a sua volta può dipendere da:
    • ridotta attività fisica all’aria aperta:
    • aumentata distanza dall’equatore;
    • pelle scura;
    • eccessivo uso di creme solari (una crema solare con protezione 15 blocca circa il 99% della produzione cutanea di vitamina D);
  • aumentato fabbisogno;
  • alterato assorbimento intestinale;
  • condizioni - come le malattie epatiche o renali - che compromettono la conversione della vitamina D nella sua forma attiva.

Aumentano il rischio di carenze di vitamina D anche:

  • fumo di sigaretta (alterato metabolismo);
  • età avanzata (per la minor efficienza produttiva cutanea);
  • obesità (ridotta biodisponibilità di vitamina, sequestrata nel grasso);
  • assunzione di farmaci che accelerano il metabolismo della vitamina D attiva, come anticonvulsivanti, corticosteroidi, farmaci antirigetto e antivirali.

Carenza di Vitamina D e Salute ossea

La carenza di vitamina D compromette la mineralizzazione ossea, causando malattie come il rachitismo nei bambini e l'osteomalacia negli adulti, e favorendo l'insorgenza dell'osteoporosi.

Rachitismo

Nel rachitismo si ha un'insufficiente mineralizzazione della porzione ossea in crescita, che nel tempo cede e si deforma sotto il carico del peso corporeo e della tensione muscolare: le gambe appaiono storte, la mascella deformata, la cassa toracica incavata a livello dello sterno, il viso troppo stretto o anch'esso deforme. Il progressivo miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie e la sempre maggiore diffusione della profilassi vitaminica sin dal periodo neonatale, hanno ridotto notevolmente questa malattia da carenza di vitamina D, un tempo diffusissima. Si consiglia comunque di avviare il bambino, sin dai primi giorni di vita, ad una sana vita all'aria aperta, esponendolo frequentemente e con regolarità alla luce solare senza fasciarlo completamente nei mesi invernali e proteggendolo con apposite creme in caso di esposizione prolungata.

Osteomalacia e Osteoporosi

L'osteomalacia è una malattia caratterizzata dalla rarefazione macroscopica delle ossa, che risultano dolenti e più inclini alle fratture.

Il fabbisogno alimentare aumenta con il passare degli anni, quando diminuisce l'abilità della pelle di sintetizzare vitamina D (a partire da un derivato del colesterolo) e quella dei reni di operare l'ultima trasformazione necessaria ad attivarla. Per questo motivo negli anziani viene spesso consigliata una supplementazione di vitamina D, tramite specifici integratori od oli di pesce. L'integrazione viene consigliata, unitamente a quella di calcio, anche nella prevenzione dell'osteoporosi, con lo scopo di rinforzare le ossa e diminuire la suscettibilità alle fratture. A rischio di sviluppare carenze importanti sono gli alcolisti, i pazienti che hanno subìto resezioni dell'intestino tenue e quelli colpiti da insufficienza renale, insufficienza epatica, celiachia, fibrosi cistica, pancreatite cronica o cirrosi biliare primitiva.


Carenza di vitamina D

Carenza di Vitamina D e rischio cardiovascolare

Se tradizionalmente la vitamina D è stata associata prioritariamente alla salute ossea, in epoche più recenti è divenuta evidente la sua importanza per l'ottimale funzione di molti organi e tessuti corporei, soprattutto a livello cardiovascolare.

Recenti evidenze scientifiche suggeriscono come la carenza di vitamina D possa essere implicata nell'insorgenza di malattie cardiovascolari, ipertensione, diabete, dislipidemie e sindrome metabolica; tuttavia non è ancora chiaro se sia la carenza di vitamina D a essere direttamente coinvolta nell'insorgenza di queste malattie o se la relazione dipenda dai bassi livelli di vitamina D associati all'obesità (che come sappiamo è un noto fattore di rischio per tali malattie).

E' stato infatti dimostrato che gli obesi tendono a presentare livelli circolanti di vitamina D inferiori rispetto ai soggetti normopeso, a causa dello stile di vita sedentario (scarsa esposizione solare) e soprattutto a causa del sequestro della vitamina nel tessuto adiposo. E' stato appurato anche come lee morti per malattie cardiovascolari siano più comuni in inverno e nei paesi del nord.

Vitamina D negli alimenti

Buone fonti alimentari di vitamina D sono rappresentate da: fegato, tuorlo d'uovo, latte, burro ed oli di pesce. Una specifica integrazione di vitamina D è generalmente raccomandata durante la gravidanza e l'allattamento, ai lattanti nutriti con latte materno (quello artificiale - non per questo migliore del muliebre - è arricchito artificialmente) e talvolta ai bambini ed ai ragazzi. Nel stabilire i dosaggi raccomandati per i nuovi nati, le organizzazioni internazionali tengono conto anche della latitudine di residenza.

Non dimentichiamo, comunque, che un'assunzione elevata di questa vitamina può dare fenomeni di tossicità, per cui prima di assumere integratori specifici è importante consultare il parere medico. I rischi di un sovradosaggio includono: mineralizzazione di tessuti non ossei con calcificazioni diffuse degli organi, contrazioni e spasmi muscolari accompagnati a vomito, diarrea e mal di testa.



ARTICOLI CORRELATI

Farmaci Che Causano Carenze di Vitamine e MineraliL'assunzione prolungata di alcuni farmaci può determinare carenze vitaminiche e minerali anche importanti, diminuendo l'assorbimento...Carenza di ferro La relazione tra anemia e carenza di ferro è universalmente nota, così come tutti sanno che il minerale è parte...Carenze di vitamine Oggi, almeno nei Paesi industrializzati come il nostro, le gravi carenze di vitamine sono ormai un ricordo lontano. Nonostante ciò...Importanza della Vitamina B12 - Non Solo per i VeganiUno degli aspetti più discussi e ormai più comunemente accettati, in ambito di alimentazione vegetariana, è la necessità di integrazione...Carenza di magnesio - integratori di magnesio Vedi anche: magnesio negli alimenti; carenza di magnesio; magnesio stearato; cloruro di magnesio La carenza di magnesio può...Malnutrizione La nutrizione è la scienza che studia gli alimenti ed il loro rapporto con la salute. Per malnutrizione si intende, invece...Anemia perniciosa L'anemia perniciosa è una forma anemica dovuta alla carenza di vitamina B12. Un tempo abbastanza diffusa e difficile da trattare...Carenza di acido folico - integratori di acido folicoLa carenza di acido folico - noto anche come vitamina B9 o folacina - è una condizione ancora piuttosto diffusa, specie in alcune...Alcolismo e Carenza di VitamineAlcolismo è il termine comunemente attribuito a chi abusa di bevande alcoliche. In riferimento alla sua enorme importanza nel campo...Malnutrizione nell'anzianoPer malnutrizione si intende uno stato di modifica funzionale, strutturale e di sviluppo dell'organismo - conseguente all'alterazione...Sindrome di KorsakoffChe cos'è la sindrome di Korsakoff? Perché insorge e che sintomi provoca? Qual è la diagnosi? Come si cura?
La sindrome di...
Carenza di fibra alimentareLa carenza di fibra alimentare è una delle maggiori cause della malnutrizione contemporanea dei paesi sviluppati. Nel nostro paese...Carenza di iodioLa carenza di iodio interessa una fascia importante della popolazione mondiale, inclusa una percentuale non certo trascurabile di...Integratori alimentari NECESSARIGli integratori alimentari INTEGRANO MA NON SOSTITUISCONO gli alimenti; questa osservazione, pur sembrando ovvia, sfugge alla maggior...Manganese: carenza, eccesso e dosi di assunzioneNell’articolo precedente abbiamo descritto le caratteristiche principali del manganese, analizzando i suoi effetti benefici all’interno...Sodio: Carenza, Eccesso ed IpertensioneIl sodio (in opposizione al potassio) è il principale catione EXTRAcellulare. Si trova nell'organismo in quantità di circa 92 grammi...