Tumore al Colon - Sintomi

Premessa

Il tumore al colon (o cancro al colon o tumore del colon-retto) è, nel 95-97% dei casi, un adenocarcinoma, ossia un tumore maligno che trae origine dalle cellule epiteliali della mucosa intestinale.
Questo articolo è dedicato prevalentemente alla descrizione dei tipici sintomi dell'adenocarcinoma del colon, la più diffusa tipologia di tumore al colon.


Localizzazione più comune del tumore al colon:
  • Retto → 50% dei casi
  • Sigma → 20% dei casi
  • Colon ascendente → 16% dei casi
  • Colon trasverso → 8% dei casi
  • Colon discendente → 6% dei casi

Sintomi

Sintomi Tumore colonI sintomi del tumore al colon sono numerosi e aspecifici, compaiono generalmente dopo qualche tempo dall'insorgenza della malattia e variano in base alla localizzazione della massa tumorale.
In altre parole, il cancro al colon si presenta, dopo una prima fase asintomatica, con un quadro sintomatologico ampio, poco specifico e dipendente dalla sua localizzazione lungo l'intestino crasso.

I sintomi in generale

Le più comuni manifestazioni cliniche del tumore al colon sono:

Leggi anche: Sintomi Cancro al Colon »

Sintomi del tumore al colon con sede nel colon ascendente

I sintomi del tumore al colon ascendente (o colon di destra) compaiono con particolare ritardo e ciò complica non poco l'individuazione della malattia.
In genere, la prima manifestazione clinica è una forma di anemia, dovuta alla perdita cronica di piccole quantità di sangue, laddove la massa tumorale infiltra e danneggia i vicini vasi sanguigni.
Dalla presenza di anemia, scaturisce buona parte degli altri sintomi, che sono: affaticamento, stanchezza, perdita di peso inspiegabile e dispnea, talvolta addirittura a riposo (dispnea a riposo). Raramente, in tali frangenti, lo stato anemico comporta una presenza, visibile a occhio nudo, di sangue nelle feci; è molto più probabile, infatti, che il sangue sia presente in tracce non visibili (il cosiddetto sangue occulto nelle feci).
A completare il quadro sintomatologico tipico del cancro al colon ascendente sono:

  • Il dolore a livello dei quadranti addominali di destra. Di norma, è una sensazione non molto intensa e di tipo gravativo (cioè che opprime);
  • La presenza di una massa palpabile nella regione addominale destra. Tale presenza è particolarmente frequente negli stadi più avanzati della neoplasia.

Riepilogo dei sintomi e dei segni tipici del tumore al colon ascendente.

  • Emorragie interne
  • Anemia
  • Perdita di peso inspiegabile
  • Stanchezza e affaticamento
  • Dispnea
  • Dolore nella porzione destra dell'addome
  • Presenza di una massa palpabile nella porzione destra dell'addome
  • Sangue occulto nelle feci

Sintomi del tumore al colon con sede nel colon discendente e nel sigma

I sintomi dei tumori con sede nel colon discendente o nel sigma sono legati, principalmente, all'effetto ostruttivo-occlusivo, dipendente dalla presenza della massa tumorale all'interno dell'intestino (occlusione intestinale).
Solitamente, la manifestazione d'esordio consiste in un sanguinamento massivo, ripetitivo, misto alle feci o separato da queste, e ampiamente riscontrabile sulla carta igienica, dovuto al danno vascolare che la massa tumorale determina, durante il processo di infiltrazione della parete intestinale. Come nel caso dei tumori al colon ascendente, anche in presenza delle neoplasie al colon discendente o del sigma, le emorragie prodotte dall'infiltrazione della massa tumorale comportano anemia e una serie di altri disturbi strettamente connessi allo stato anemico, quali stanchezza, dispnea, affaticamento ecc.
Trascorso poco tempo dalle prime perdite di sangue e dall'instaurarsi dell'anemia, segue in modo del tutto indipendente la comparsa di: diarrea alternata a stitichezza (l'alternanza può essere di giorni oppure di ore), feci dalla consistenza anomala e dalla forma nastriforme o a tagliola, fastidio in corrispondenza dei quadranti addominali di sinistra, senso di incompleto svuotamento dell'intestino dopo la defecazione, bruciore e prurito anale, e senso di corpo estraneo a livello rettale.
Nelle fasi più tardive, completano il sopraccitato quadro sintomatologico: la comparsa di una massa addominale palpabile, forti dolori e crampi all'addome di sinistra, e disturbi urinari e genitali.


Cos'è l'occlusione intestinale?

In ambito medico, prende il nome di occlusione intestinale o blocco intestinale la condizione caratterizzata dalla presenza di un'ostruzione completa o semi-completa, all'interno del lume intestinale, tale da impedire il transito dei prodotti della digestione.
Se il trattamento non è adeguato e tempestivo, da una grave occlusione intestinale possono scaturire gravi complicanze.

Perché l'occlusione intestinale è una caratteristica dei tumori intestinali lungo il tratto colon discendente-retto?

Il fenomeno dell'occlusione intestinale è una particolarità dei tumori intestinali con sede lungo il tratto colon discendente-retto, e NON dei tumori intestinali del colon ascendente, in quanto colon discendente, sigma e retto presentano un diametro inferiore, rispetto alla precedente porzione d'intestino.


Sintomi del tumore al colon con sede nel retto

Sangue nelle feci TumoreI sintomi del tumore al colon localizzato nel retto (tumore al retto) ricalcano in larga parte i sintomi del tumore al colon discendente o del sigma. Pertanto, il quadro sintomatologico dipende, principalmente, dall'effetto ostruttivo-occlusivo, legato alla presenza della massa tumorale, e ai danni che la neoplasia causa ai vasi sanguigni della parete intestinale, mentre infiltra quest'ultima.
Eventuali variazioni riguardano, soprattutto, la persistenza e la gravità di alcune manifestazioni: per esempio, nel tumore al retto, il sanguinamento rettale è ancora più persistente e intenso, e la produzione di feci nastriformi e il senso di incompleto svuotamento dell'intestino sono una costante, ancor più che nel caso tumore al colon discendente o al sigma.


Riepilogo dei sintomi e dei segni tipici del tumore al colon discendente e del sigma.

  • Emorragia
  • Anemia
  • Cambiamento delle abitudini intestinali (alternanza diarrea-stitichezza, feci dalla consistenza e forma anomale ecc.)
  • Sanguinamento rettale
  • Sangue nelle feci
  • Dolore addominale, a sinistra
  • Sensazione di incompleto svuotamento dell'intestino, dopo la defecazione
  • Bruciore e prurito anale
  • Senso di corpo estraneo a livello rettale
  • Presenza di una massa palpabile nella porzione sinistra dell'addome
  • Forti crampi addominali
  • Disturbi urinari e genitali
  • Altre conseguenze tipiche dell'occlusione intestinale (nausea, vomito, incapacità di defecare, calo dell'appetito ecc.)

Complicanze

Come la maggior parte dei tumori maligni, il tumore al colon gode di un potere infiltrativo, che gli consente, in una fase avanzata della malattia, di invadere gli organi e i linfonodi anatomicamente adiacenti e di contaminare (sfruttando il passaggio di una parte delle cellule tumorali nei vasi sanguigni e nei vasi linfatici) gli organi e i linfonodi anatomicamente distanti.
Si ricorda ai lettori che le cellule tumorali disseminate altrove da una neoplasia maligna in fase avanzata sono dette metastasi e che il processo di disseminazione delle metastasi - la cosiddetta metastatizzazione - compromette gravemente - e, quasi sempre, senza possibilità di recupero - lo stato di salute di chi ne è vittima.

IN QUALI ORGANI IL TUMORE AL COLON DISSEMINA METASTASI?

Il più comune organo bersaglio delle metastasi dei tumori al colon è il fegato; la contaminazione di quest'ultimo avviene attraverso i numerosi vasi sanguigni che raccolgono il sangue proveniente dall'intestino.
Dopo il fegato, gli altri organi maggiormente interessati dalle metastasi dei tumori al colon sono, nell'ordine: i polmoni, le ossa e il cervello.

Quando rivolgersi al medico?

Secondo gli esperti, le problematiche che dovrebbero indurre un individuo a contattare immediatamente il proprio medico curante, per degli accertamenti, sono: il cambiamento delle abitudini intestinali (alternanza diarrea-stitichezza, produzione di feci dalla forma anomala ecc.) e la presenza di sangue nelle feci.
È importante ricordare che le linee guida relative al tumore al colon raccomandano i test di screening a partire dai 50-55 anni di età, per le persone senza una storia una storia familiare o un'ereditarietà per la neoplasia in questione, e a partire dai 40 anni, per le persone che invece presentano la suddetta familiarità o ereditarietà.


Ai loro esordi, i sintomi del tumore al colon-retto potrebbero confondersi con i sintomi delle emorroidi o di un'enterite.


« 1 2 3 4 5 »



Ultima modifica dell'articolo: 17/07/2017