Benessere!

A cura di Gerolamo Cavalli e Gabriele Gualandris


« prima parte


La nostra evoluzione ad esclusione dei ultimi 50 / 70 anni si è sempre basata su poco cibo a disposizione e molta attività fisica, nella società moderna  la situazione è completamente capovolta. Non è difficile capire il perché non è possibile avere adattamenti in termini di evoluzione della specie umana in un lasso di tempo così breve, non è una questione solo di quantità ma anche di tipologia del cibo, è facile poi capire da dove derivano molto spesso le piccole e meno piccole patologie con cui  conviviamo, per cui ricorriamo /abusiamo dei farmaci i quali sembrano l'unica soluzione che conosciamo per risolvere i nostri problemi, sembra che ci sia una pastiglia per risolvere qualsiasi problema!!? Forse è ora di prestare più attenzione a ciò che mangiamo visto  che lo  facciamo tutti i giorni, più volte al giorno per tutta la vita .Nelle nostre scuole si insegnano  tante materie  alcune più  importanti di altre, ma tra queste "diciamo importanti" l'educazione alimentare non sembra esserci !! ......    Questa "ignoranza" alimentare non fa altro che creare terreno fertile per le nostre industrie alimentari che ci inondano di cibo spazzatura.......e se la legge non ammette ignoranza, a quanto sembra non l'ammette nemmeno il nostro organismo. Un indice della situazione Italiana ce la danno le statistiche sul peso dei nostri bambini: uno su tre è in sovrappeso, siamo i peggiori in Europa , se dobbiamo puntare l'indice verso qualcuno, di certo non lo possiamo fare sui bambini ma su chi sta intorno a loro, la scuola, la società, la tv, ma soprattutto i loro genitori che sicuramente hanno cattive abitudini alimentari oltre che una cultura alimentare non adeguata o assente. 

Chi non ha tempo per la nutrizione e l'attività fisica farebbe meglio a riservare il suo tempo per le future malattie.
   Michael Colgan. (Direttore del Colgan istitute of Nutritional Science)

Escludendo gli sportivi,  sembra che tutti o quasi abbiano un buon motivo o una scusante per non fare attività fisica, e non sto parlando di allenamenti estenuanti da olimpionico,  ma di una attività minima,  che possa garantire al nostro organismo quel minimo di movimento su cui ha basato la sua evoluzione, cominciando dal fare le scale invece di usare l'ascensore, andare a piedi al posto di spostarsi in automobile per fare pochi metri. Chissà quante volte l'avete già sentita questa storiellina, e se già avete piccole patologie legate all' ipocinetismo, sicuramente ve l'ha già raccontata  il vostro medico ; con questo non voglio dire che non ci siano persone realmente impegnate, famiglia figli problemi lavorativi,  persone anziane da accudire tutti problemi veri  e sicuramente ci sono periodi nella vita dove è più difficile salvaguardare il proprio benessere, ma voglio fare un piccolo esempio forse non valido per tutti ma di sicuro lo è per molti, l'italiano medio passa davanti alla tv 3 ore al giorno! E se solo ne impiegasse una per il proprio benessere ? Questo sarebbe un ottimo esempio per i propri figli o per chi vi sta vicino , non pensate ?  Fare qualcosa per il proprio benessere non è  sempre faticoso o complicato a volte basta una passeggiata nel bosco più vicino a casa...

" Il terreno piatto è un' invenzione degli architetti. E' adatto per le macchine, non per i bisogni umani.....Se l'uomo moderno è costretto a camminare sulla superficie piatta dell'asfalto e dei pavimenti.....viene alienato dal suo contatto naturale e primordiale con la terra. Una parte cruciale del suo essere si atrofizza  e le conseguenze sono catastrofiche per la sua psiche, per il suo equilibrio e per il benessere della sua intera persona."

 

(Friedensreich  Hundertwasser  - Architetto, Pittore, Filosofo ).

In queste parole molto belle sono spiegati i problemi a cui va incontro il nostro sistema propriocettivo/posturale a causa della mancanza del contatto su terreno sconnesso, la nostra ormai ripetuta abitudine a camminare  su superficie pianeggiante è in netto contrasto con la nostra evoluzione visto che per migliaia di anni abbiamo camminato sui sentieri, ritornare un po' alle nostre origini non può  altro che farci bene.


Le palestre non sono altro che luoghi dove si simula l'attività fisica che svolgevano i nostri antenati ,  quindi un punto cardine del benessere  è senza dubbio l'allenamento. Poco o tanto che sia, tecnico o no, dovrebbe far parte della nostra vita quotidiana o settimanale per lo meno!


Non potendomi dilungare oltre, vi lascio con una riflessione sull'evoluzione umana: essendo l'uomo la specie più "evoluta", non è strano che abbia bisogno di  pagare qualcuno per farsi dire cosa mangiare o che esercizio fisico  fare? Qualsiasi specie selvatica che vive in libertà lo sa fare benissimo, senza pagare nessuno!  

 

Una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta. ( Socrate )


Benessere

Se ho acceso in voi anche un piccolo interesse avremo modo di affrontare insieme nuovi argomenti o approfondire quelli già accennati in modo sicuramente più  tecnico e pratico, ma per questo vi rimandiamo alla prossima puntata io e il mio collaboratore-socio,  nonché amico Gualandris Gabriele.


Gerolamo Cavalli  & Gabriele Gualandris  ( Personal Trainer  ISSA ITALY )



ARTICOLI CORRELATI

Cellulite, rimedi e attività fisica Attività fisica e Diabete di tipo 2 Ormoni tiroidei T3 - T4 ed esercizio fisico Benefici dell'attività fisica in presenza di Diabete di tipo 2 Cellulite: qual è l'attività fisica più idonea? Linee guida per l'attività fisica nel Diabete di tipo 2 Osteoporosi, fratture ed attività fisica Acqua ed attività sportiva Adattamenti del cuore in risposta all'attivita' fisica Analisi della necessità di creare centri per attività motorie personalizzate Anziani ed attività fisica: screening cardiologico Apparato respiratorio e attività fisica negli anziani Attività agonistica e prevenzione delle infezioni Attività agonistica, infezioni e vaccinazioni Attività fisica e colesterolo Attività fisica e collasso cardiaco Attività fisica e funzionalità cardiorespiratoria Attività fisica e gravidanza Attività fisica e lombalgia Attività fisica e sport nell'età evolutiva Attività fisica e sport nella terza età Attività fisica ed invecchiamento Attività fisica in gravidanza Attività fisica per bambini Attività sportiva ed obesità Attività sportive e impegno cardiovascolare Attività fisica e corretta alimentazione: il giusto binomio per dimagrire Attività fisica e Ipertensione Attività fisica ed Ipertensione ATTIVITA' FISICA E OBESITA' ATTIVITA' FISICA FITNESS E WELLNESS Benefici e rischi dell'attività fisica nell'obesità Cellulite, dieta e attività fisica Curare la Cellulite - Alimentazione ed Attività Fisica DIABETE: Attività fisica e diabete mellito Dieta ed esercizio fisico Idratazione e attività fisica Il soggetto obeso e l'attività fisica Ipertensione ed attività fisica Ipertensione ed attività fisica: controindicazioni? Obesità, ormoni ed esercizio fisico Patologie cardiovascolari e attività sportiva Prevenzione, salute e attività fisica Quanto mangiare prima dell’attività fisica Sedentarietà e bambini, il ruolo dell'attività fisica Sforzo Cardiovascolare - Attività Sportive Sistema immunitario ed esercizio fisico Soffio al cuore: diagnosi, prevenzione e attività fisica Stress ed attività fisica
Ultima modifica dell'articolo: 21/04/2017