Curva glicemica in Gravidanza - GCT e OGTT

Introduzione

GCT è l'acronimo di Glucose Challenge Test, un esame indicato per lo screening di diabete gestazionale noto anche come "curva glicemica in gravidanza". L'esecuzione del test è simile a quella vista per l'OGTT, meglio conosciuto come test da carico orale del glucosio, ma con alcune differenze. Nel GCT, innanzitutto, non è necessaria il digiuno preventivo e la soluzione orale di glucosio non è più di 75 ma di 100 grammi.

GCT - Minicarico orale di glucosio

Esecuzione e interpretazione dei risultati

Non è richiesta alcuna particolare preparazione al test. L'infermiere effettua un prelievo per la glicemia basale, quindi si somministrano 50g di glucosio. Nell'ora successiva la paziente deve rimanere seduta, possibilmente rilassata, senza fumare o mangiare. Dopo 60 minuti dal primo sorso si esegue un secondo prelievo ematico. Se la glicemia dopo un ora è superiore od uguale a 140 mg/dl, ma inferiore ai 180 mg/dl (7.8-10.2 mmol/L), il test è positivo e si deve effettuare l'OGTT a 100g per la conferma di diabete gestazionale. L'esame assume valore diagnostico nel caso in cui la glicemia superi i 180 mg/dl ed in tal caso non è necessario il ricorso all'OGTT.

Il GCT - minicarico orale di glucosio - viene normalmente eseguito tra la ventiquattresima e la ventottesima settimana di gravidanza (eventualmente da anticipare alla 14a-18a in presenza di fattori predisponenti) ed ha valenza di screening, cioè di esame standardizzato per identificare un sottogruppo a rischio per una determinata patologia (rischio che aumenta nel caso il diabete gestionale sia già insorto durante una precedente gravidanza, si sia partorito un precedente neonato macrosomico, si abbia un'età superiore ai 25 anni o si intraprenda la gravidanza in condizioni di sovrappeso).

OGTT a 100 grammi

Esecuzione e interpretazione dei risultati

Presentarsi all'esame a digiuno assoluto (solo l'acqua è concessa) da almeno 8 ore, senza superare le 14 ore. Nei giorni che precedono il test seguire un'alimentazione normalmente equilibrata, senza eccessi calorici o particolari prevenzioni (ovviamente va evitato l'alcol); si consiglia un'assunzione di almeno 150 grammi di carboidrati al giorno. Evitare sforzi fisici strenui nei due o tre giorni antecedenti il test.

E' molto importante anche la preventiva sospensione di eventuali farmaci interferenti con il metabolismo glucidico, secondo i consigli del proprio medico che deve essere avvertito per tempo dell'esame (ameno qualche settimana).

L'esame si svolge al mattino. L'infermiere esegue un prelievo per la glicemia basale (a digiuno), quindi si fanno assumere 100g di glucosio sciolti in 250-300 ml d'acqua, possibilmente in un breve periodo di tempo e comunque entro i 5 minuti. Nelle ore successive la gestante viene invitata a rimanere seduta, senza fumare o mangiare, possibilmente rilassata (lo stress emozionale può falsare i risultati). La glicemia viene misurata ad intervalli di tempo regolari, dopo 60, 120 e 180 minuti dall'ingestione del primo sorso di soluzione glucosata: se due o più valori glicemici sono superiori a quelli di riferimento, si pone diagnosi di diabete gestazionale; se un solo valore è superiore, si fa diagnosi di intolleranza glucidica in gravidanza.

 

OGTT a 100 g per la ricerca di

diabete gestazionale,

interpretazione dei risultati,

limiti di normalità

Digiuno:

Inferiore a 95 mg/dL o 5.2 mmol/L

60 minuti:

Inferiore a 180 mg/dL o 10.0 mmol/L

120 minuti:

Inferiore a 155 mg/dL o 8.6 mmol/L

180 minuti:

Inferiore a 140 mg/dL o 7.7 mmol/L

 

Sono in corso studi longitudinali per valutare se l'esecuzione diretta del test da carico glucidico standard (approvato per i soggetti non in gravidanza) con 75 g di glucosio e controllo glicemico alle 2 ore dal carico, possa essere applicato invece del carico glucidico di 100 g con controllo di 3 ore, ora consigliato.

Nel caso l'OGTT sia positivo, non occorre farne un dramma. Fortunatamente il diabete gestazionale non è una condizione grave e non vi sono particolari pericoli per il nascituro, ma va comunque inteso come un invito pressante ad adottare delle nuove e migliori abitudini di vita: mangiare in maniera sana ed equilibrata, fare del movimento fisico, se questo è possibile, controllando con regolarità il peso corporeo ed i valori glicemici.



ARTICOLI CORRELATI

Curva glicemica OGTTOGTT Test da carico orale di glucosioOGTT su Wikipedia italianoGlucose tolerance test su Wikipedia ingleseGlucosio nelle urineDestrosioAlterata tolleranza al glucosio IGTCiclo glucosio alaninaGlicosuria: Cause e SintomiGlucosio nei CosmeticiGlucosio, glicolisi e ciclo di KrebsGLUT 4 e gli altri trasportatori del glucosioSciroppo di glucosioglucosio su Wikipedia italianoGlucose su Wikipedia ingleseGlicemiaGlucometro - Il misuratore di glicemiaIperglicemiaStrisce Reattive per Misurare la GlicemiaCarboidrati e glicemiaGlicemia postprandialeAbbassare la glicemiaIpoglicemiaRimedi per la Glicemia AltaCrisi ipoglicemiche o iperglicemiche, come comportarsi?Alterata glicemia a digiuno e prediabeteCarboidrati e ipoglicemiaCarico glicemicoConversione glicemia mg/dL mmol/LEmoglobina glicata, emoglobina glicosilataGlicemia e alimentazioneIperglicemia: Cause e SintomiIpoglicemia e ipotermia nell'atletaIpoglicemia reattiva - Ipoglicemia postprandialeIpoglicemizzantiIpoglicemizzanti oraliOrmoni iperglicemizzanti o controinsulariPicco glicemicoRene e riassorbimento del glucosioglicemia su Wikipedia italianoBlood sugar su Wikipedia ingleseColonscopiaMammografiaColonscopia virtualeAntigene prostatico specifico - PSA -Pap testPap Test - Il quizTumori: Sai come Prevenirli?Visita Senologica - Visita al SenoTest per l'Autocontrollo DomesticoAnziani ed attività fisica: screening cardiologicoDuo testEsami della prostataEsplorazione rettale digitale della prostataMammografia e mammografoMammografia e protesi al senoScreening su Wikipedia italianoScreening (medicine) su Wikipedia ingleseEsami in gravidanza su Wikipedia italianoPregnancy test su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 10/11/2016