Alanina amino transferasi, ALT

L'alanina amino transferasi, più semplicemente nota come ALT o SGPT (transaminasi sierica glutamico piruvica), è un enzima intracellulare presente in molti tessuti, soprattutto nei muscoli striati, nel cervello ed in modo particolare nel fegato. Il dosaggio dell'alanina amino transferasi nel sangue è quindi un esame molto utile per valutare la funzionalità epatica.

Ruolo biologico dell'ALT - SGPT

ALT è un enzima appartenente alla famiglia delle transaminasi, un gruppo di proteine accumunate dalla capacità di catalizzare la reazione di trasferimento del gruppo amminico (NH2) da un amminoacido ad un α-chetoacido. Si tratta di una reazione chimica importantissima nel metabolismo delle proteine corporee, dalla sintesi di nuove al recupero di quelle già esistenti, dal loro utilizzo a fini energetici all'eliminazione dei gruppi amminici nel ciclo dell'urea. Nello specifico, l'alanina amino transferasi veicola l'amminogruppo dall'alanina all'alfa-cheto-acido accettore, trasformandolo in acido glutammico (l'alanina privata del gruppo NH2 viene invece convertita in acido piruvico). Per gli appassionati di sport, la SGPT è quindi un enzima importantissimo per la sintesi di glucosio a partire dall'alanina, amminoacido derivante dal metabolismo di altri amminoacidi, in particolare da quelli a catena ramificata (leucina, isoleucina e valina).

Esami del sangue: valori di riferimento e significato clinico

La determinazione dell'ALT - SGPT è utile, principalmente, come test di funzionalità epatica. Il suo tenore sierico aumenta infatti difronte ad un qualsivoglia danno cellulare epatico, sino alla necrosi del fegato. La specificità di questa analisi è comunque bassa, nel senso che ci dà poche informazioni sulla natura del problema epatico; sappiamo tuttavia che i livelli di ALT sono più sensibili nella rilevazione di un danno epatocitario (alle cellule del fegato) piuttosto che di ostruzione biliare. Come vedremo tra qualche riga, inoltre, il dosaggio contemporaneo di altri enzimi permette di ottenere informazioni aggiuntive sulla possibile causa all'origine dell'alterazione.

Valori elevati di ALT nel sangue possono essere osservati anche in seguito a traumi e malattie muscolari, così come nell'infarto miocardico; per la diagnosi di tali condizioni la creatina chinasi rappresenta comunque un indice senza dubbio più sensibile.

VALORI DI RIFERIMENTO ALANINA AMINO TRANSFERASI

(variabili da laboratorio a laboratorio; prima del prelievo è richiesto il digiuno da 8-12 ore)

 

UOMO: fino a 50 U/L

DONNA: fino a 40 U/L

Cause di ALT alta e bassa

ALANINA AMINO TRANSFERASI ALTA ALT - SGPT BASSA
Cause intraepatiche Cause extraepatiche Cause
Epatiti acute infettive e tossiche Colpo di calore Carenza di vitamina B6
Cirrosi epatica in fase florida Miopatie (malattie muscolari) Esercizio muscolare abituale
Neoplasie epatiche primitive o metastatiche Miocarditi, infarto del miocardio  
Ischemia epatica Embolia polmonare
NOTA BENE: si possono avere moderati aumenti in corso di trattamento con svariati farmaci epatotossici o colestatici, come steroidi anabolizzanti, cortisonici, barbiturici, antinfiammatori, antibiotici, anestetici, stupefacenti, statine. Infarto renale, malattie emolitiche
Mononucleosi infettiva
Carcinomi, Ittero ostruttivo
Recente esercizio fisico strenuo

 

NOTE: nelle cause extraepatiche l'aumento di ALT è generalmente contenuto, mentre diviene particolarmente significativo in presenza di epatite virale, necrosi epatica tossica od ischemia del fegato.

Nelle neoplasie epatiche l'aumento di ALT è in genere contenuto e non sempre apprezzabile.

Correlazione con i risultati di altri analisi ed interpretazione

Oltre all'ALT, una transaminasi molto importante è la AST (Aspartato aminotransferasi), un enzima mitocondriale e citoplasmatico che, similmente all'ALT, è presente negli epatociti ma anche nei tessuti non epatici, dove si trova però in proporzioni maggiori rispetto all'ALT. Ne consegue che nell'infarto miocardico i livelli di ALT aumentano in misura minore rispetto a quelli dell'AST. Il rapporto AST/ALT aumenta anche nelle malattie epatiche alcoliche, nella cirrosi e nei traumi muscolo-scheletrici.

LESIONI EPATOCELLULARI: aumento di ALT, AST, bilirubina prevalentemente indiretta e, in misura minore, lattato deidrogenasi.

COLESTASI: aumento consistente dalla fosfatasi alcalina (ALP) e della gamma-GT.

Come mostrato in figura, anche il grado di aumento dei valori di ALT rappresenta un importante indizio diagnostico.

ALT, SGPT o alanina amino transferasi