Sostituzione della valvola aortica

Generalità

La sostituzione della valvola aortica è un delicato intervento chirurgico, svolto a cuore aperto per rimpiazzare una valvola aortica non più funzionale con una protesi. Quest'ultima può essere meccanica o biologica e la scelta di una o dell'altra dipende dall'età del paziente.
L'operazione di sostituzione valvolare è richiesta in due circostanze patologiche: nei casi di stenosi aortica e nei casi di insufficienza aortica.
Sebbene sia un intervento efficace, la sostituzione della valvola aortica può, in alcune determinate circostanze, far insorgere delle complicazioni o essere poco indicata. In quest'ultimo caso, si ricorre a dei trattamenti chirurgici alternativi.

Breve richiamo anatomico: il cuore e le valvole cardiache

Il cuore è composto da due metà, destra e sinistra. La metà destra è formata dall'atrio destro e dal sottostante ventricolo destro. La metà sinistra è formata dall'atrio sinistro e dal sottostante ventricolo sinistro.
Ogni ventricolo possiede due valvole dall'anatomia particolare:

  • Il ventricolo destro possiede
    • la valvola tricuspide, che controlla il sangue in entrata proveniente dall'atrio destro
    • e la valvola polmonare, che permette al sangue di uscire e raggiugere i polmoni.
  • Il ventricolo sinistro possiede
    • la valvola mitrale, che controlla il sangue in entrata proveniente dall'atrio sinistro
    • e la valvola aortica, che permette al sangue di uscire e irrorare i tessuti e gli organi del corpo.

Le valvole controllano, quindi, le vie di passaggio del sangue, funzionando come dei cancelli. Per fare ciò, si avvalgono di particolari strutture, dette lembi o cuspidi, in grado di aprirsi e chiudersi a seconda delle esigenze.

cuore anatomia fisiologia

Figura: anatomia del cuore. Il sangue, dopo aver ossigenato gli organi del corpo, giunge al cuore di destra, prima nell'atrio e poi nel ventricolo. Da qui, viene pompato nell'arteria polmonare e condotto ai polmoni, per l'ossigenazione. Una volta caricato di ossigeno, il sangue torna nel cuore, questa volta in quello di sinistra; passa dall'atrio al ventricolo e, attraverso la valvola aortica, imbocca l'aorta. L'aorta, con le sue innumerevoli diramazioni, irrora tutti i tessuti e gli organi del nostro corpo.

LA VALVOLA AORTICA

La valvola aortica è la valvola che consente al sangue ossigenato di passare dal ventricolo sinistro all'aorta, attraverso la quale verrà distribuito ai tessuti e agli organi del corpo. È formata da tre lembi.

Sostituzione della valvola aortica

La sostituzione della valvola aortica è un intervento chirurgico, eseguito a cuore aperto, che viene praticato quando la valvola aortica è difettosa e non funziona più correttamente.
Le protesi valvolari che vengono impiantate quando c'è una difetto valvolare, possono essere di due tipi:

  • Artificiali o meccaniche. Sono costituite da un materiale particolare, il carbonio pirolitico.
    • Vantaggi: notevole resistenza e lunga durata. Consigliato ai pazienti più giovani.
    • Svantaggi: è possibile che sulla superficie della valvola si formino dei coaguli di sangue. Questi coaguli potrebbero dare origine a un ictus (si veda il capitolo dedicato ai rischi).
  • Biologiche. Sono costituite da tessuto animale, in genere pericardio bovino o equino.
    • Vantaggi: c'è meno pericolo che si formino dei coaguli sanguigni.
    • Svantaggi: sono meno durature, pertanto non sono consigliate ai pazienti più giovani.

Quando bisogna sostituire la valvola aortica?

L'intervento di sostituzione della valvola aortica si esegue, fondamentalmente, per due ragioni:

  • Valvola Aortica

    Figura: una protesi biologica, che riproduce una valvola aortica.

    In caso di stenosi aortica grave. S'intende il restringimento (stenosi) della valvola aortica; tale restringimento impedisce al sangue di fluire normalmente attraverso la valvola stessa.
    I casi lievi/moderati vengono tenuti sotto monitoraggio e non richiedono intervento immediato.
  • In caso di insufficienza aortica grave. S'intende un difetto anatomico della valvola, che fa sì che il sangue possa tornare indietro, dall'aorta al ventricolo sinistro.
    I casi lievi/moderati vengono tenuti sotto monitoraggio e non richiedono intervento immediato.

Stenosi e insufficienza aortica sono due condizioni che possono essere sia congenite (cioè presenti fin dalla nascita) che acquisite (ovvero sviluppate nel corso degli anni).


Principali patologie che provocano anomalie della valvola aortica

Congenite:

Acquisite:

SINTOMI

I sintomi, che insorgono a causa di una valvola aortica difettosa, non compaiono immediatamente, ma solo quando la patologia scatenante è in uno stadio avanzato. Una diagnosi precoce può quindi avere notevoli benefici e rendere la prognosi positiva.

Stenosi Valvola Aortica

Figura: una valvola aortica normale a confronto con una valvola aortica affetta da stenosi (o stenotica). Dal sito: www.bigappleheartsurgery.com

Le classiche manifestazioni sono: dolore toracico (angina pectoris), fiato corto, stordimento/vertigine e perdita di coscienza.
La causa dell'intera sintomatologia è una sola: la ridotta capacità del cuore di pompare sangue in ogni parte del corpo.

Come si esegue l'intervento?

ANESTESIA

L'intervento di sostituzione della valvola aortica si esegue in anestesia generale. Ciò significa che il paziente non è cosciente e non percepisce alcun dolore durate l'operazione.

IL "CUORE APERTO"

Praticata l'anestesia, si procede con una toracotomia, cioè l'apertura del torace, per poter aver libero accesso al cuore da operare.

LA CIRCOLAZIONE EXTRACORPOREA

A questo punto, il chirurgo deve isolare il cuore dal sangue circolante e, per farlo, ricorre alla cosiddetta circolazione extracorporea (CEC). La CEC consiste nella deviazione dei vasi afferenti ed efferenti dell'organo cardiaco verso uno strumento, chiamato macchina cuore-polmone. Tale macchinario sostituisce a tutti gli effetti un cuore umano; in altre parole, si occupa di ossigenare il sangue e di mandarlo in circolo, non compromettendo in questo modo le funzioni vitali del paziente.

SOSTITUZIONE

Il cuore, ora, è come fosse spento e solo così si è pronti alla sostituzione della valvola aortica difettosa. Quest'ultima viene rimossa, facendo attenzione a non danneggiare il resto della struttura cardiaca, e rimpiazzata (tramite sutura) da una protesi meccanica o biologica.

CONCLUSIONE

Dopo l'innesto della nuova valvola, si ristabilisce la normale anatomia dei vasi sanguigni e si infonde una scossa elettrica al cuore, per farlo ripartire.

DURATA DELL'INTERVENTO

La sostituzione della valvola aortica, ma in generale tutti gli interventi a cuore aperto, sono operazioni molto lunghe, che possono durare dalle 4 alle 5 ore.

Rischi

L'intervento non è esente da rischi. Circa 1 persona su 50 muore dopo la sostituzione valvolare o per le complicazioni che da essa possono derivare.
Ciononostante, conviene sempre ricorrere all'operazione, in quanto la stenosi e l'insufficienza aortica, se non trattate, fanno molte più vittime.

LE COMPLICAZIONI

Nell'elenco delle possibili complicazioni, rientrano le seguenti circostanze:

  • Infezioni e stati infiammatori (endocarditi). Le infezioni, se non curate, possono degenerare e compromettere l'attività cardiaca. Si curano con antibiotici.
  • Embolia. Si verifica soprattutto quando la protesi è di tipo meccanico. Per evitare questo inconveniente, il paziente deve assumere degli anticoagulanti orali.
  • Ictus o attacco ischemico transitorio (TIA). È una possibile conseguenza dell'embolia.
  • Usura della protesi valvolare. Si verifica più spesso con le protesi biologiche.
  • Aritmie. Affliggono circa il 25% delle persone sottoposte a intervento.
  • Insufficienza renale. Si verifica nel 3-5% degli individui operati.

Interventi alternativi

La sostituzione della valvola aortica rappresenta l'intervento di prima scelta nel momento in cui si constata un grave difetto di questa valvola.
Tuttavia, quando l'operazione a cuore aperto è sconsigliata (ad esempio per le precarie condizioni di salute di un paziente), si è costretti a ricorrere a trattamenti chirurgici alternativi; tra questi si ricordano la sostituzione aortica transcatetere, la valvuloplastica aortica e la sostituzione aortica senza punti di sutura.
Queste metodiche chirurgiche alternative sono sì meno invasive, ma anche meno efficaci e a più alto rischio di complicazioni post-intervento.

SOSTITUZIONE AORTICA TRANSCATETERE

Il chirurgo "aggancia" la nuova valvola a un catetere e lo conduce al cuore in due possibili modi: o attraverso i grossi vasi oppure mediante un'incisione del torace.
Una volta raggiunto il cuore, il chirurgo "sgancia" la protesi valvolare sopra quella vecchia ed estrae il catetere, che a questo punto non è più utile.
È una tecnica chirurgica nuova, che dev'essere perfezionata.
Una persona su 15-16 circa, dopo questo intervento, va incontro a un episodio di ictus.

VALVULOPLASTICA

La valvuloplastica aortica consiste nell'allargamento della valvola aortica ristretta (o stenotica). Si esegue mediante l'uso di un catetere, che viene infilato nei vasi sanguigni e condotto al cuore.

Sostituzione Valvola Aortica Transcatetere

Figura: sostituzione aortica transcatetere.

Dal sito: advancingyourhealth.org

È un intervento particolarmente indicato per i bambini più piccoli, i quali non sono ancora pronti per un'operazione chirurgica a cuore aperto.
L'inconveniente principale della valvuloplastica è il fatto che a distanza di due o tre anni va ripetuta, o sostituita da un altro intervento.

SOSTITUZIONE AORTICA SENZA PUNTI DI SUTURA

È una tecnica chirurgica innovativa. Durante l'operazione, vengono praticate sì la toracotomia e l'uso della macchina cuore-polmone, ma, diversamente dalla classica sostituzione valvolare, l'applicazione della nuova valvola aortica viene effettuata senza l'uso di suture. Ciò abbrevia di molto la durata dell'intervento e il tempo di circolazione extracorporea, cui è costretto il paziente operato.
La metodica va perfezionata, in quanto non sempre la valvola si fissa adeguatamente e in modo stabile; risolto tale problema, però, questa nuova procedura potrebbe, verosimilmente, rimpiazzare brillantemente quella tradizionale di sostituzione della valvola aortica.



Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Le valvole cardiache