Ribavirina

La ribavirina è un farmaco antivirale in grado di interferire con la sintesi degli acidi nucleici (DNA e RNA) dei virus.

Ribavirina

Ribavirina - Struttura Chimica

È disponibile sotto forma di formulazioni farmaceutiche adatte alla somministrazione per via orale e alla somministrazione per via inalatoria.

Indicazioni terapeutiche

L'utilizzo della ribavirina è indicato per:

  • Trattamento di alcune forme croniche di epatite C sempre in associazione con peginterferone alfa-2a o interferone alfa-2a (somministrazione orale);
  • Trattamento di alcune forme croniche di epatite C in pazienti affetti anche da HIV, sempre in associazione a peginterferone alfa-2a o interferone alfa-2a (somministrazione orale);
  • Trattamento di bronchioliti gravi causate da virus sinciziale (somministrazione per via inalatoria).

Avvertenze

I pazienti che soffrono - o che hanno sofferto - di problemi al cuore ai reni e/o al fegato devono informare il medico prima di cominciare il trattamento con ribavirina per via orale. Questo perché tali pazienti potrebbero necessitare di una riduzione della dose di antivirale da somministrare o potrebbero aver bisogno di eseguire determinate analisi.
In qualsiasi caso, prima di cominciare la terapia a base di ribavirina per via orale, i pazienti devono essere sottoposti ad analisi del sangue e ad adeguati controlli per determinare la funzionalità renale.
I pazienti affetti da problemi cardiaci devono essere sottoposti a regolari controlli, sia prima di cominciare il trattamento con ribavirina per via orale che per tutta la durata dello stesso.
La ribavirina per via orale può provocare l'insorgenza di anemia, soprattutto nelle donne.
In caso di comparsa di un qualsiasi tipo di reazione allergica, il trattamento con ribavirina deve essere immediatamente interrotto ed è necessario contattare subito il medico.
A causa dei disturbi dentali e gengivali che la ribavirina può causare, i pazienti in trattamento con questo antivirale, devono sottoporsi a regolari esami dentali.
La ribavirina per via orale non deve essere utilizzata in bambini e adolescenti con meno di 18 anni di età.
Poiché può causare broncospasmo, la ribavirina per via inalatoria deve essere somministrata con molta cautela in pazienti affetti da broncopneumopatie cronico ostruttive o da asma.
Se durante la terapia a base di ribavirina per via inalatoria si assiste a un peggioramento della funzionalità respiratoria, il trattamento con il farmaco deve essere interrotto immediatamente.
L'utilizzo della ribavirina per via inalatoria nei bambini può provocare un peggioramento della funzionalità respiratoria.

Interazioni con altri farmaci

I pazienti affetti da HIV già sottoposti a terapia antiretrovirale altamente attiva (HAART) devono informarne il medico prima di iniziare un possibile trattamento con ribavirina e peginterferone alfa-2a o interferone alfa-2a. Questo perché l'associazione di queste due terapie può aumentare il rischio d'insorgenza di acidosi lattica o di insufficienza epatica.
L'uso contemporaneo di ribavirina per via orale e di didanosina (un farmaco per trattare l'HIV) non deve essere effettuato.
La somministrazione concomitante di azatioprina e ribavirina per via orale e peginterferone espone i pazienti a un maggior rischio di sviluppo di gravi disturbi del sangue.
In qualsiasi caso, è bene informare il medico se si stanno assumendo - o sono stati recentemente assunti - farmaci di qualsiasi tipo, compresi i medicinali senz'obbligo di prescrizione medica e i prodotti erboristici e/o omeopatici.

Effetti collaterali

La ribavirina può provocare vari effetti collaterali, anche se non tutti i pazienti li manifestano. Questo dipende dalla diversa sensibilità che ogni individuo possiede nei confronti del farmaco. Perciò, non è detto che gli effetti si manifestino tutti e con la stessa intensità in ciascun paziente.
Di seguito, saranno brevemente elencati i principali effetti collaterali che si possono manifestare durante la terapia con ribavirina.

Disturbi del sangue e del sistema linfatico

Il trattamento con ribavirina può causare:

  • Anemia, cioè la diminuzione della quantità di emoglobina nel sangue;
  • Leucopenia, cioè la diminuzione del numero di leucociti nel sangue;
  • Neutropenia, cioè la diminuzione del numero di neutrofili nel circolo ematico;
  • Piastrinopenia, cioè la diminuzione del numero di piastrine nel circolo sanguigno;
  • Ingrossamento delle ghiandole linfatiche.

Disturbi psichiatrici

Durante il trattamento con ribavirina sono stati riportati casi di depressione e insorgenza di pensieri suicidi e alcuni pazienti si sono tolti la vita. Qualora compaia un qualsiasi sintomo di depressione è necessario rivolgersi immediatamente al medico.
Inoltre, il trattamento con ribavirina può provocare:

  • Aggressività;
  • Nervosismo;
  • Ansia;
  • Cambiamenti dell'umore;
  • Diminuzione della libido;
  • Insonnia;
  • Disturbi psicotici;
  • Mania;
  • Disturbo bipolare.

Patologie del sistema nervoso

La terapia con ribavirina può causare:

  • Perdita di memoria;
  • Emicrania;
  • Intorpidimento;
  • Neuropatia periferica;
  • Sensazione di bruciore;
  • Tremori;
  • Alterazione del senso del gusto;
  • Sonnolenza;
  • Incubi;
  • Vertigini;
  • Paralisi facciale;
  • Convulsioni;
  • Coma.

Patologie gastrointestinali

Il trattamento a base di ribavirina può causare:

  • Diarrea o stitichezza;
  • Nausea;
  • Vomito;
  • Dolore addominale;
  • Dispepsia;
  • Flatulenza;
  • Pancreatite;
  • Stomatite;
  • Sanguinamento gastrointestinale;
  • Ulcera gastrica;
  • Colite ischemica;
  • Colite ulcerosa.

Patologie dei polmoni e del tratto respiratorio

La terapia con ribavirina può causare tosse, mancanza di respiro, infezioni delle alte vie respiratorie, bronchiti, infiammazione del naso e della gola, sangue al naso, mal di gola, polmonite, polmonite interstiziale e formazione di coaguli di sangue nei polmoni.

Patologie cardiovascolari

Il trattamento con ribavirina può favorire l'insorgenza di:

  • Bradicardia o tachicardia;
  • Attacco cardiaco;
  • Insufficienza cardiaca;
  • Dolore al cuore;
  • Infiammazione della membrana che riveste il cuore (pericardite);
  • Infezioni del cuore;
  • Ipertensione.

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo

La terapia con ribavirina può causare:

  • Prurito;
  • Dermatiti;
  • Pelle secca;
  • Eruzioni cutanee;
  • Alopecia;
  • Orticaria;
  • Eczemi;
  • Psoriasi;
  • Reazioni di fotosensibilizzazione;
  • Aumento della sudorazione;
  • Sudorazione notturna;
  • Necrolisi epidermica tossica;
  • Sindrome di Stevens-Johnson;
  • Eritema multiforme;
  • Angioedema.

Patologie dell'apparato muscoloscheletrico

Il trattamento con ribavirina può indurre:

  • Mialgia;
  • Artralgia;
  • Dolore osseo;
  • Debolezza muscolare;
  • Crampi muscolari;
  • Dolore al collo e alla schiena;
  • Infiammazione delle articolazioni;
  • Infiammazione dei muscoli;
  • Grave danno muscolare.

Patologie dell'occhio

La terapia con ribavirina può condurre all'insorgenza di:

  • Dolore oculare;
  • Visione offuscata;
  • Infiammazione e secchezza oculare;
  • Sanguinamento della retina;
  • Infiammazione della retina;
  • Ulcerazione della cornea;
  • Perdita della vista;
  • Distacco della retina.

Patologie epatobiliari

Il trattamento con ribavirina può causare alterazioni della funzionalità epatica, insufficienza epatica, infiammazione dei dotti biliari, fegato grasso e tumori al fegato.

Altri effetti collaterali

Altri effetti indesiderati che possono manifestarsi durante il trattamento con ribavirina, sono:

  • Reazioni allergiche, anche gravi, in soggetti sensibili;
  • Lupus eritematoso sistemico;
  • Alterazioni della funzionalità renale;
  • Infezioni delle vie urinarie;
  • Impotenza;
  • Insorgenza d'infezioni micotiche;
  • Dolore all'orecchio;
  • Perdita dell'udito;
  • Febbre;
  • Stanchezza;
  • Malessere;
  • Brividi;
  • Perdita di appetito;
  • Sarcoidosi;
  • Infiammazione della tiroide;
  • Diabete;
  • Disidratazione.

Effetti collaterali tipici della somministrazione di ribavirina per via inalatoria

Oltre ad alcuni degli effetti collaterali sopra citati, la ribavirina somministrata per via inalatoria può anche favorire l'insorgenza di:

  • Laringite;
  • Faringite;
  • Dispnea;
  • Polmoniti batteriche;
  • Apnea;
  • Oppressione toracica;
  • Broncospasmo.

Sovradosaggio

Qualora si sospetti di aver assunto una dose eccessiva di ribavirina, è necessario contattare subito il medico o recarsi nel più vicino ospedale.

Meccanismo d'azione della ribavirina

La ribavirina è efficace sia contro i virus a DNA, sia contro i virus a RNA.
Più nel dettaglio, la ribavirina svolge la sua azione antivirale inibendo la RNA polimerasi virale (l'enzima dei virus deputato alla sintesi di nuovo RNA), blocca l'attività dell'RNA messaggero (introducendo mutazioni al suo interno) e blocca la sintesi degli acidi nucleici (DNA ed RNA, appunto).
Oltre ad avere un blocco della sintesi di acidi nucleici, quindi, si assiste anche ad un blocco della sintesi delle proteine virali.

Modalità d'uso e posologia

La ribavirina è disponibile per la somministrazione orale sotto forma di compresse, capsule rigide o soluzione orale e per la somministrazione per via inalatoria sotto forma di polvere per soluzione per nebulizzatore.
Di seguito, sono riportate alcune indicazioni sulle dosi di ribavirina solitamente impiegate in terapia.

Somministrazione orale

Durante la terapia a base di ribavirina per via orale è indispensabile seguire scrupolosamente le indicazioni fornite dal medico, sia per quanto riguarda la dose di farmaco da assumere, sia per quanto riguarda la durata della stessa terapia.
Solitamente, la ribavirina deve essere assunta a stomaco pieno. Le dosi di antivirale abitualmente utilizzate sono di 800-1200 mg di farmaco al giorno, da assumersi in due dosi frazionate. La durata del trattamento varia in funzione della risposta del paziente alla terapia.

Somministrazione inalatoria

Quando somministrata per via inalatoria, la dose di ribavirina abitualmente impiegata è di 6 g al giorno da disciogliere in 300 ml di acqua per preparazioni iniettabili. La soluzione così ottenuta deve essere utilizzata solo ed esclusivamente per via inalatoria e deve essere erogata solo ed esclusivamente tramite l'apposito erogatore. La durata del trattamento, solitamente, è di 3-7 giorni.
Anche in questo caso, è comunque indispensabile attenersi strettamente alle indicazioni fornite dal medico sulla posologia e sulla modalità d'uso farmaco.

Gravidanza e Allattamento

A causa dei gravi danni che può causare al feto o al bambino, l'uso della ribavirina da parte di donne in gravidanza e da parte di madri che stanno allattando al seno è controindicato.
Inoltre, le pazienti di sesso femminile in età fertile devono adottare adeguati metodi contraccettivi per prevenire l'insorgenza di eventuali gravidanze, sia durante il trattamento con ribavirina che per un periodo di almeno quattro mesi dal termine dello stesso.
I pazienti di sesso maschile, invece, devono adottare metodi contraccettivi adeguati per tutta la durata del trattamento con ribavirina e per almeno sette mesi dal termine dello stesso.

Controindicazioni

L'utilizzo della ribavirina è controindicato nei seguenti casi:

  • In pazienti con ipersensibilità nota alla ribavirina;
  • In pazienti con patologie al fegato in stadio avanzato (quando la ribavirina è somministrata per via orale);
  • In pazienti che hanno sofferto di gravi patologie cardiache da meno di sei mesi (quando la ribavirina è somministrata per via orale);
  • In pazienti affetti da anemia falciforme o da talassemia (quando la ribavirina è somministrata per via orale);
  • In pazienti in cui è necessario ricorrere alla ventilazione assistita (quando la ribavirina è somministrata per via inalatoria);
  • In gravidanza;
  • Durante l'allattamento.

Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Ginseng Antivirale