Inibitori Selettivi del Reuptake di Serotonina (SSRI)

Depressione e Neurotrasmettitori

La depressione è una patologia psichiatrica grave, che colpisce molte persone. Coinvolge l'umore, la mente e il corpo dei pazienti, che si sentono senza speranza e avvertono un senso di disperazione, d'inutilità e d'incapacità.
SSRISono state formulate molte ipotesi sulla possibile eziologia della patologia depressiva. Una di queste è l'ipotesi monoaminergica. Secondo questa ipotesi, la depressione è causata da un deficit di neurotrasmettitori monoaminergici (quindi di monoamine), quali serotonina (5-HT), noradrenalina (NA) e dopamina (DA). Pertanto, la terapia antidepressiva dovrebbe riuscire a colmare questa carenza.
Le monoamine vengono sintetizzate all'interno della terminazione nervosa presinaptica, stoccate in vescicole e poi liberate nel vallo sinaptico (lo spazio presente fra la terminazione nervosa presinaptica e quella postsinaptica) in risposta a determinati stimoli.
Una volta rilasciate dai depositi, le monoamine interagiscono con i propri recettori - sia presinaptici che postsinaptici - in modo da svolgere la loro attività biologica.

In questo modo è resa possibile la trasmissione dell'impulso nervoso da un neurone all'altro.
Dopo aver esplicato la propria funzione, le monoamine si legano ai recettori responsabili della loro ricaptazione (SERT per il reuptake della serotonina e NET per il reuptake della noradrenalina) e tornano all'interno della terminazione nervosa presinaptica.
La serotonina (5-HT) è considerata il maggior neurotrasmettitore coinvolto nelle patologie depressive e le alterazioni della sua concentrazione sono state associate a molti disturbi dell'umore.
Gli inibitori selettivi del reuptake di serotonina (o SSRI) sono in grado - come dice il nome stesso - di inibire la ricaptazione della serotonina all'interno della terminazione presinaptica, favorendo l'aumento del segnale della 5-HT. Tale aumento fa sì che si verifichi un miglioramento della patologia depressiva.

Storia

I primi antidepressivi ad essere sintetizzati furono i TCA (antidepressivi triciclici). Tuttavia, si notò che questi antidepressivi - oltre ad inibire il reuptake di monoamine - bloccavano anche altri sistemi dell'organismo, causando una lunga lista di effetti collaterali, alcuni dei quali molto gravi.
Poiché già con l'uso dei primi antidepressivi fu evidente che la serotonina avesse un ruolo nell'eziologia della depressione, lo scopo dei chimici farmaceutici fu quello di individuare e sintetizzare l'SSRI ideale, con lo scopo di ottenere un farmaco altamente selettivo per il trasportatore del reuptake della serotonina e che avesse scarsa - o nulla - affinità verso i neurorecettori responsabili degli effetti collaterali dei TCA.

Zimeldina

Zimeldina - Struttura Chimica

Il primo successo si ottenne con la sintesi della zimeldina, un derivato dell'antidepressivo triciclico amitriptilina. Questa molecola, infatti, era in grado di inibire selettivamente il reuptake di 5-HT, con un minimo effetto sul reuptake di noradrenalina; inoltre, cosa più importante, la zimeldina non presentava gli effetti collaterali tipici dei TCA.
La zimeldina divenne, pertanto, il modello per lo sviluppo dei futuri SSRI.

Classificazione

Gli SSRI possono essere classificati in base alla loro struttura chimica nel seguente modo:

Meccanismo d'azione

Gli SSRI inibiscono il trasportatore responsabile della ricaptazione di serotonina (il SERT) e presentano affinità minima o assente per il trasportare deputato al reuptake di noradrenalina.

Grazie alla loro elevata affinità per il SERT, gli SSRI inibiscono il legame della serotonina al suo trasportatore. Questa inibizione comporta una permanenza maggiore della 5-HT nel vallo sinaptico. In questo modo, la serotonina è in grado di interagire con i suoi recettori - sia presinaptici che postsinaptici - per un tempo maggiore. Questa maggior interazione recettoriale comporta un aumento della trasmissione serotoninergica.
Inoltre, sembra che il trattamento prolungato con SSRI porti a una riduzione dei siti di legame per la serotonina sul SERT, provocando così una riduzione della funzionalità del trasportatore stesso che non è più in grado di legare - quindi di ricaptare - grandi quantità di 5-HT.

Inibitori Selettivi del Reuptake di Serotonina (SSRI)

Indicazioni terapeutiche

Gli SSRI possono essere impiegati sia nella terapia della depressione, sia per il trattamento di altri tipi di patologie.
Le principali indicazioni terapeutiche di questo tipo d'inibitori comprendono:

Interazioni

Fra le varie interazioni farmacologiche che possono instaurarsi durante la terapia con SSRI, quella che spicca di più è forse l'interazione con gli inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO). L'associazione con questi farmaci, infatti, è da evitare a causa dell'elevato rischio d'insorgenza della sindrome serotoninergica.
La sindrome serotoninergica - anche definita come avvelenamento da serotonina - è caratterizzata da un eccesso dell'attività di 5-HT nel sistema nervoso centrale.
L'avvelenamento può avvenire sia in forma lieve che in forma moderata o severa. I sintomi, di solito, compaiono molto rapidamente.
Nella forma lieve, i sintomi che si possono manifestare sono:

Nel caso dell'avvelenamento moderato possono manifestarsi:

Nel caso dell'intossicazione in forma severa, invece, si ha un marcato aumento della frequenza cardiaca, aumento della pressione arteriosa, rabdomiolisi (rottura delle cellule del muscolo scheletrico e loro rilascio nel circolo ematico), convulsioni e insufficienza renale. Il paziente, inoltre, può entrare in uno stato di shock con temperature corporee al di sopra dei 40°C.

Gli SSRI possono anche interferire con farmaci il cui metabolismo avviene soprattutto a livello epatico. Perciò, in un'eventuale somministrazione contemporanea, va usata molta cautela.

Effetti collaterali

Benché gli SSRI presentino meno effetti collaterali rispetto agli antidepressivi triciclici, ciò non significa che ne siano privi.
I principali effetti collaterali indotti dagli inibitori selettivi del riassorbimento della serotonina sono:

Le disfunzioni sessuali possono insorgere sia in pazienti di sesso maschile, sia di sesso femminile. Tali disfunzioni si manifestano sotto forma di diminuzione della libido, anorgasmia, ritardo o blocco dell'eiaculazione (sono per questo usati nel trattamento dell'eiaculazione precoce) e/o difficoltà a mantenere l'erezione.
Da alcuni studi sembrerebbe che le disfunzioni sessuali indotte dagli SSRI siano dose-dipendenti; in altre parole, dipendono dalla quantità di farmaco somministrato. La disfunzione sessuale potrebbe, quindi, essere risolta semplicemente riducendo il dosaggio. In pazienti in cui non è possibile ridurre la posologia di farmaco, l'alternativa è quella di attendere e di rivalutare l'attività sessuale dopo qualche tempo. Potrebbe essere utile una terapia farmacologica per trattare questi sintomi, ma la decisione spetta al medico che deciderà il da farsi in base alle condizioni del paziente.
Il medico, inoltre, può anche considerare l'inizio di una terapia antidepressiva alternativa a base di farmaci privi di attività serotoninergica.



ARTICOLI CORRELATI

CitalopramEscitalopramFluoxetinaParoxetinaSertralinaCipralex - Foglietto IllustrativoCitalopram - Farmaco Generico - Foglietto IllustrativoCitalopram - Foglietto IllustrativoDaparox - Foglietto IllustrativoDropaxin - Foglietto IllustrativoElopram - Foglietto IllustrativoEntact - Foglietto IllustrativoFevarin - Foglietto IllustrativoFluoxetina - Farmaco Generico - Foglietto IllustrativoFluvoxaminaParoxetina - Farmaco Generico - Foglietto IllustrativoSereupin - Foglietto IllustrativoSeroxat - Foglietto IllustrativoSertralina - Farmaco Generico - Foglietto IllustrativoZarelis - Foglietto IllustrativoZoloft - Foglietto IllustrativoInibitori selettivi della ricaptazione della serotonina su Wikipedia italianoSelective serotonin reuptake inhibitor su Wikipedia ingleseDepressione ed ipericoAntidepressivi TricicliciBupropioneClomipraminaDuloxetinaFarmaci per la cura della DepressioneImipraminaLitio come FarmacoMirtazapinaPsicofarmaciTerapia elettroconvulsivante - ElettroshockTrazodoneAnafranil - Foglietto IllustrativoIMAO: Inibitori delle monoamino ossidasiAmitriptilinaAntidepressiviAntidepressivi e Farmacoresistenza: Analisi e SoluzioniAntidepressivi, farmaci contro la depressioneCacao e cioccolato: "antidepressivi" naturaliCarbolithium - Foglietto IllustrativoCymbalta - Foglietto IllustrativoEfexor - Foglietto IllustrativoInibitori delle monoamminoossidasi, MAO-inibitoriLaroxyl - Foglietto IllustrativoRemeron - Foglietto IllustrativoSamyr - Foglietto IllustrativoSeropram - Foglietto IllustrativoTisana antidepressivaTisana contro la depressione con IpericoAntidepressivi su Wikipedia italianoAntidepressant su Wikipedia ingleseDepressione su Wikipedia italianoDepression su Wikipedia ingleseSerotonina su Wikipedia italianoSerotonin su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 23/05/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Sole e buon umore: da cosa dipende?