Dolori alle Dita delle Mani

Generalità

I dolori alle dita delle mani sono un sintomo alquanto diffuso, che può dipendere sia cause traumatiche, che da cause non traumatiche.

http://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/02/13/dolori-alle-dita-delle-mani-orig.jpeg

Tra le cause traumatiche di dolori alle dita delle mani, figurano: le fratture delle falangi, le contusioni alle dita, le ferite cutanee alle dita, le punture e i morsi d'insetto ai danni delle dita, e le malattie delle unghie; tra le cause non traumatiche di dolori alle dita delle mani, invece, spiccano in particolar modo: l'artrosi alle mani, l'artrite reumatoide, il diabete, le cisti tendinee con sede sulla dita, la sclerosi multipla, il morbo di Dupuytren, la sindrome del tunnel carpale e il fenomeno di Raynaud.

Breve ripasso anatomico delle dita delle mani

Le dita delle mani rappresentano le estremità terminali degli arti superiori.
In numero di 5 per ciascuna mano, le dita delle mani sono elementi anatomici che comprendono: ossa, articolazioni, muscoli, tendini, vasi sanguigni, nervi e tessuto connettivo.

  • Ossa: sono le cosiddette falangi;
  • Articolazioni: sono le articolazioni metacarpo-falange (tra prima falange e metacarpo precedente) e le articolazione interfalangee (tra due falangi contigue).
    Sono fondamentali per i movimenti delle dita;
  • Muscoli e tendini: assieme alle articolazioni, giocano un ruolo cardine nei movimenti delle dita delle mani;
  • Tessuto connettivo: è sostanzialmente la pelle che ricopre le dita delle mani;
  • Nervi: servono al controllo sensitivo e motorio delle dita.
  • Vasi sanguigni: servono a trasportare il sangue in ossa, articolazioni, muscoli, tendini e tessuti cutanei delle mani.

Cosa sono i Dolori alle Dita delle Mani?

I dolori alle dita delle mani sono le sofferenze dai connotati variabili, che, com'è facilmente intuibile dal chiaro riferimento alla sede delle sensazioni dolorose in questione, interessano le estremità finali degli arti superiori.
Nella maggior parte dei casi, i dolori alle dita delle mani sono disturbi lievi e non particolarmente debilitanti, che compaiono in risposta a situazioni transitorie; meno comunemente, sono un sintomo grave e debilitante, che insorge a causa di condizioni rilevanti dal punto di vista clinico.

Caratteristiche

A seconda della causa scatenante, i dolori alle dita delle mani possono essere:

  • Palpitanti, cioè intensi e martellanti;
  • Simili a crampi;
  • Un'alternanza tra forti fitte dolorose e momenti di apparente guarigione;
  • Equiparabili alle punture di uno spillo o alle piccole scosse elettriche.

Oltre a influenzare i connotati dei dolori alle dita delle mani, i fattori causali giocano un ruolo cruciale anche in altro un contesto: la sede e il numero di dita sofferenti. È, infatti, strettamente dipendente dai fattori scatenanti il coinvolgimento di un ben preciso dito, di un gruppo di dita oppure di tutte le dita.

Quanto comune è soffrire di dolori alle dita della mani?

I dolori alle dita delle mani rappresentano un sintomo molto diffuso; è difatti molto raro incontrare individui che non hanno mai avvertito, almeno una volta vita, alcuna sofferenza dolorosa alle dita delle mani.

Cause

Di solito, i dolori alle dita delle mani sono la risposta a traumi alle dita stesse o alle mani; più raramente, sono l'esito di condizioni mediche non traumatiche che interessano i nervi, i muscoli, le articolazioni e/o le ossa delle dita o, più in generale, del corpo umano.

Dolori alle dita delle mani: origine traumatica

Tra le principali cause traumatiche di dolori alle dita delle mani, spiccano:

  • Le fratture a carico delle falangi.
    Sono solitamente l'esito di infortuni sportivi o lavorativi.
    Sport in cui è facile sviluppare dolori alle dita delle mani, per colpa di una frattura di una o più falangi, sono il rugby, la pallavolo, il basket e il football americano; per quanto concerne i lavori a rischio, invece, si segnalano tutte quelle attività lavorative pesanti, in cui è fondamentale l'uso delle mani (es: operai edili, facchini, magazzinieri ecc.).
  • Le ferite cutanee a carico di uno o più dita.
    Sono generalmente il risultato di tagli dovuti all'utilizzo improprio di un coltello, le forbici o un qualche strumento per i cosiddetti "lavori-fai-da-te".
  • Le contusioni a uno o più dita delle mani.
    A questa voce appartengono tutti quegli infortuni alle dita delle mani risultanti da un evento violento, che però non è tale da causare una frattura ossea o interrompere la continuità dei tessuti cutanei (cioè procurare una ferita).
    Esempio di eventi violenti che comportano la contusione a uno o più dita delle mani sono: lo schiacciamento di uno o più dita in un cassetto o in una porta, l'urto violento di uno o più dita contro un oggetto e gli infortuni sportivi o lavorativi di grado minore a carico delle mani.
http://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/02/13/dolori-alle-dita-delle-mani-ferite-cutanee-orig.jpeg
  • Le ustioni a carico di uno o più dita.
    Sono infortuni la cui severità delle conseguenze varia in relazione al grado e all'estensione dell'ustione.
    Le ustioni alle dita delle mani sono molto comuni in ambito domestico.
  • Le malattie delle unghie.
    Alcuni esempi di malattie delle unghie correlate ai dolori alle dita delle mani sono: l'onicolisi, l'onicocriptosi, l'onicodistrofia, l'onicofagia, la paronichia, l'onicomicosi e l'onicogrifosi.
  • Le punture e morsi d'insetto.
    Questi eventi traumatici sono responsabili di processi infiammatori, talvolta combinati a processi infettivi, che scatenano, come da consuetudine, una sensazione dolorosa più o meno intensa.

Dolori alle dita delle mani: origine non traumatica

Tra le condizioni non traumatiche associate ai dolori alle dita delle mani, figurano:

  • L'osteoartrosi o artrosi. È l'infiammazione delle articolazioni, che trae dalla degenerazione progressiva della cartilagine articolare.
    L'artrosi causa dolori alle dita della mani quando colpisce le articolazioni metacarpo-falangee e le articolazioni interfalangee (si veda artrosi alle mani).
  • L'artrite reumatoide. È l'infiammazione della capsula articolare delle articolazioni mobili, dovuta a un malfunzionamento del sistema immunitario (l'artrite reumatoide è una malattia autoimmune).
    Come l'artrosi alle mani, l'artrite reumatoide è responsabile di dolori alle dita delle mani nel momento in cui colpisce le articolazioni metacarpo-falangee e interfalangee.
http://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/02/13/dolori-alle-dita-delle-mani-artrite-reumatoide-orig.jpeg
  • Alcune distrofie muscolari. Le distrofie muscolari sono malattie genetiche, la cui presenza determina un indebolimento dei muscoli, seguito da una progressiva disabilità.
    Le distrofie muscolari potenzialmente responsabili di dolori alle dita delle mani sono: la distrofia muscolare di Duchenne, la distrofia muscolare di Becker e la miopatia distale di Welander.
  • La sclerosi multipla. È una malattia cronica e invalidante, che insorge per effetto di una degradazione progressiva della mielina appartenente ai neuroni del sistema nervoso centrale.
    In un contesto di sclerosi multipla, quindi, i dolori alle dita delle mani sono frutto di un problema a livello nervoso.
  • La sindrome del tunnel carpale. È l'insieme di sintomi e segni che insorge in seguito alla compressione del nervo mediano all'altezza del polso, esattamente dove localizza il cosiddetto legamento carpale trasverso (tunnel carpale).
    A livello delle dita, la sindrome del tunnel carpale causa dolenza a carico di pollice, indice, medio e parte dell'anulare.
  • La formazione di verruche cutanee sulle dita delle mani. Le verruche cutanee sono escrescenze benigne della pelle, dalle sfumature giallo-grigiastre e di forma semisferica od ovale, che si formano tipicamente sul dorso delle mani, attorno alle unghie e sulle piante dei piedi.
  • Le cisti tendinee o cisti sinoviali con sede sulle dita della mani. Dalle dimensioni estremamente variabili, le cisti tendinee sono rigonfiamenti pieni di liquidi, la cui tipica sede di formazione è a ridosso dei tendini (per la precisione, sulle guaine tendinee) o delle articolazioni mobili (per l'esattezza, sulle capsule articolari).
    Le cisti tendinee situate sulle dita delle mani sono causa di dolori alle dita delle mani, quando insorgono in prossimità di una terminazione nervosa e ne causano lo schiacciamento.
  • La sindrome di De Quervain o tenosinovite stenosante di De Quervain. È una condizione dolorosa successiva all'irritazione della guaina sinoviale, che avvolge i tendini dei muscoli abduttore lungo ed estensore breve del pollice.
    Nella sindrome di De Quervain, la dolenza interessa esclusivamente la porzione basale del pollice.
  • I tumori con sede sulle dita delle mani. L'associazione tra tumori e dolori alle dita delle mani molto rara, perché è decisamente poco frequente la formazione di neoplasie a partire da una delle strutture ossee o nervose costituenti le estremità degli arti superiori.
http://www.my-personaltrainer.it/imgs/2018/02/13/dolori-alle-dita-delle-mani-fenomeno-di-raynaud-orig.jpeg
  • Il fenomeno di Raynaud. È il particolare fenomeno vascolare, per cui, complice uno spasmo eccessivo dei vasi sanguigni periferici, c'è una riduzione dell'afflusso di sangue a: le dita di mani e piedi, la punta del naso, i lobi delle orecchie e la lingua.
    I dolori alle dita delle mani dovuti al fenomeno di Raynaud possono avere un'intensità rilevante, tanto da risultare molto fastidiosi per chi ne è vittima.
  • La contrattura di Dupuytren o morbo di Dupuytren. È una malattia della mano, che provoca la flessione (o curvatura) permanente di uno o più dita verso il cosiddetto palmo della mano.
    Il morbo di Dupuytren può colpire una o entrambe le mani e può riguardare qualsiasi dito, pollice compreso.
  • Il diabete mellito. È una diffusa malattia metabolica caratterizzata da alti livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia).
    In presenza di diabete mellito, i dolori alle dita delle mani contraddistinguono le fasi patologiche più avanzate, quando l'iperglicemia ha determinato il deterioramento dei nervi periferici (neuropatia diabetica).

Sintomi e Complicazioni

Diversi altri sintomi nonché alcuni segni possono accompagnare i dolori alle dita delle mani.
Con sede sulle stesse dita dolenti, questi sintomi e questi segni variano in relazione alla condizione scatenante; ciò vuol dire, per esempio, che i dolori alle dita delle mani dovuti all'osteoartrosi si accompagnano a sintomi diversi da quelli osservabili in presenza di dolori alle dita delle mani dovuti a un'ustione.
Entrando più nei dettagli dell'argomento, tra i sintomi e i segni che più comunemente si abbinano alla presenza di dolori alle dita delle mani, figurano:

  • Intorpidimento e formicolio.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: diabete mellito, morbo di Dupuytren, fenomeno di Raynaud, sindrome del tunnel carpale e sclerosi multipla.
  • Difficoltà a impugnare gli oggetti, a scrivere, a digitare ecc.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: morbo di Dupuytren, artrosi alle mani, artrite reumatoide, sindrome di De Quervain e distrofie muscolari.
  • Senso di rigidità articolare.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: artrosi alle mani e artrite reumatoide.
  • Gonfiore.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: fratture, contusioni e punture o morsi d'insetto.
  • Presenza di un ematoma.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: fratture e contusioni.
  • Sanguinamento.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: lesioni cutanee e ustioni.
  • Presenza di vescicole.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: ustioni.
  • Segni d'infezione.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: ferite cutanee e ustioni.
  • Dolore durante i movimenti delle dita.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: artrosi alle mani, cisti tendinee, artrite reumatoide e sindrome di De Quervain.
  • Atrofia dei muscoli.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: distrofie muscolari, artrosi alle mani e artrite reumatoide.
  • Presenza di noduli teneri o duri al tatto.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: cisti tendinee e tumori.
  • Presenza di noduli di Heberden.
    Associati ai dolori alle dita delle mani in: artrosi alle mani e artrite reumatoide.

Quando rivolgersi al medico?

I dolori alle dita delle mani sono un sintomo che deve preoccupare e indurre la persona interessata a consultare un medico, quando:

  • Sono in atto da diversi giorni;
  • La loro intensità, anziché migliorare, continua a peggiorare;
  • Sono comparsi per motivi apparentemente inspiegabili;
  • Sono associati a sintomi di una certa rilevanza clinica (es: difficoltà a impugnare gli oggetti, gravi perdite di sangue, presenza di diabete ecc.);
  • Malgrado la terapia, continuano a persistere senza accennare a diminuire d'intensità.

In genere, le contusioni alle dita delle mani, i tagli alle dita delle mani, le ustioni di primo grado a carico delle dita delle mani e altre circostanze simili della stessa rilevanza clinica producono dolori alle dita delle mani transitori, che non necessitano di un consulto medico o di una terapia specifica.

Complicazioni

Eventuali complicanze che possono interessare un individuo con dolori alle dita delle mani possono dipendere da:

Diagnosi

Quando i dolori alle dita delle mani destano preoccupazioni e/o la loro origine è apparentemente sconosciuta, è doveroso condurre una serie di indagini diagnostiche, per risalire alla causa scatenante, capire la gravità del problema in corso e, infine, pianificare la terapia più adeguata.
La diagnosi delle cause di dolori alle dita delle mani parte sempre da un'anamnesi completa, un approfondito esame obiettivo e il racconto dei sintomi da parte del paziente; quindi, in base alle informazioni che emergono da queste prime 3 valutazioni, può proseguire con:

Perché è importante scoprire le cause scatenanti?

Sapere cosa causa i dolori alle dita della mani è molto importante, perché permette di pianificare la terapia attraverso cui è possibile ottenere la guarigione (o, quanto meno, un miglioramento della sintomatologia).

Terapia

In presenza di dolori alle dita delle mani, la cura adottata varia in relazione alla causa scatenante.
In termini pratici, questo significa che i dolori alle dita delle mani dovuti alle fratture delle falangi necessitano di un trattamento diverso dai dolori alle dita delle mani dovuti al diabete mellito.

Esempi di trattamento contro i dolori alle dita delle mani

  • Se i dolori alle dita delle mani sono dovuti alle fratture delle falangi, il trattamento prevede: applicazione di un gesso o una stecca rigida sul o sulle dita interessate, riposo della mano interessata, analgesici per mitigare il dolore e fisioterapia una volta avvenuto il callo osseo.
  • Se i dolori alle dita delle mani dipendono dalla neuropatia diabetica, il paziente troverà giovamento da tutti quei trattamenti indicati in caso di diabete mellito (dieta appropriata, esercizio fisico, riduzione del peso corporeo ecc.).
  • Se i dolori alle dita delle mani deriva da contusioni, la terapia è molto semplice e consiste nell'applicazione di ghiaccio, al fine di alleviare la sensazione dolorosa.
  • Se i dolori alle dita delle mani sono correlati a un'onicomicosi, il trattamento prevede la somministrazione di un antimicotico a uso topico o a uso sistemico e un'attenzione particolare per l'igiene delle unghie.
  • Se i dolori alle dita delle mani dipendono dall'artrosi alle mani, il trattamento può variare da conservativo a chirurgico, a seconda della gravità della degenerazione a carico della cartilagine articolare. Tra i trattamenti conservativi, spiccano l'applicazione di ghiaccio, l'assunzione di FANS, la fisioterapie e le iniezioni di corticosteroidi; tra i trattamenti chirurgici, invece, figurano l'artrodesi, l'artroplastica e l'osteotomia.

Prognosi

Di norma, i dolori alle dita della mani derivanti da cause di modesta rilevanza clinica (es: contusioni alle dita) guariscono in poco tempo, senza strascichi; al contrario, i dolori alle dita delle mani frutto di un serio problema di salute o di una condizione difficilmente curabile (es: artrite reumatoide o artrosi alle mani) hanno un decorso più incerto, che comporta lunghe terapie e/o che comporta spiacevole conseguenze.
In sostanza, quindi, la prognosi in presenza di dolori alle dita delle mani è strettamente dipendente dal fattore scatenante.