Dolore al Polso

Generalità

Il dolore al polso è un problema assai diffuso, che può interessare le ossa, i legamenti o i tendini situati in questa zona. La sua insorgenza può avere numerose origini: alla radice del disturbo, infatti, possono esserci fratture ossee, compressioni nervose, artriti di vario genere, infiammazioni o rotture dei tendini ecc.
Dolore al polsoPer stabilire la terapia più adeguata, serve una ricerca diagnostica delle cause scatenanti, basata su un esame obiettivo accurato e su altri controlli più specifici, come l'esame ai raggi X, la risonanza magnetica, l'artroscopia ecc.

Cos'è il dolore al polso?

Il dolore al polso è un disturbo molto comune, che insorge dopo un danno a carico delle sue strutture principali.

COS'È IL POLSO?

Il polso è uno stretto complesso articolare (quindi un'articolazione) situato tra avambraccio e mano. Esso è composto da 8 ossa sottili, disposte in due file da 4, che prendono il nome di carpo. Il carpo è interposto tra il radio, che è l'osso dell'avambraccio, e il metacarpo, ovvero il complesso osseo che compone le dita della mano.

Polso - Ossa del carpo

Figura: le ossa del carpo (evidenziate in giallo).

L'unione e il movimento delle varie strutture ossee sopraccitate sono garantiti da un diverso numero di legamenti, tra cui i più noti sono il legamento carpale trasverso e il legamento carpale dorsale.
Inoltre, sempre a livello delle ossa del polso, si inseriscono diversi tendini; i tendini sono delle strutture connettivali, simili ai legamenti, che uniscono i muscoli alle ossa.

Cause di dolore al polso

Il dolore al polso può essere provocato da un trauma acuto (improvviso e violento), come una forte distorsione o una frattura, oppure da un problema cronico, come le artriti o la sindrome del tunnel carpale.

TRAUMI IMPROVVISI

I traumi più comuni al polso sono da un lato le fratture ossee o le distorsioni da impatto contro il terreno, e dall'altro le infiammazioni o le fratture ossee da stress.

  • Le fratture ossee e le distorsioni da impatto contro il terreno insorgono solitamente a seguito di una caduta accidentale in avanti, in quanto chi sta cadendo pone le braccia e le mani davanti al corpo, come se dovesse proteggersi.
    Una classica frattura da caduta è la frattura dell'osso scafoide, situato alla base del pollice.
  • Le fratture ossee e le infiammazioni da stress. La ripetizione continua, con il polso, di determinati movimenti può provocare la rottura di qualche osso del carpo o l'infiammazione (se non anche la lacerazione) di qualche tendine situato in zona.
    Scafoide

    Figura: osso scafoide del polso.

    Le fratture o le infiammazioni che avvengono in questo modo sono note come fratture o infiammazioni da stress.

ARTRITI

Le artriti che possono causare dolore al polso sono due:

  • L'osteoartrite o artrosi. Caratterizzata dall'usura e dalla lacerazione delle cartilagini articolari, insorge raramente a livello del polso. Secondo alcuni studi statistici, la sua comparsa in tale zona è solitamente successiva ad un trauma precedente, che può risalire anche a molti anni prima. Il classico sintomo dell'osteoartrite è il dolore in corrispondenza del pollice.
  • L'artrite reumatoide. È una malattia autoimmune, in cui il sistema immunitario, anziché difendere l'organismo dalle minacce dell'ambiente esterno, lo attacca nelle articolazioni, causandone la degenerazione.
    Il polso è una delle sedi più colpite dall'artrite reumatoide.

ALTRI PROBLEMI PATOLOGICI

Il dolore al polso può essere, inoltre, provocato da altri disturbi, come:

  • La sindrome del tunnel carpale. Appartenente alla categoria delle sindromi da compressione nervosa, è provocata dallo schiacciamento del nervo mediano a livello del polso.
  • Le cisti gangliari del polso. Sono delle piccole sacche ripiene di liquido, che si sviluppano solitamente sulla parte dorsale del polso. La loro origine è, al momento, ancora del tutto sconosciuta.
  • La sindrome di Kienbock. Tipica dei giovani adulti, provoca la necrosi avascolare e la successiva frammentazione dell'osso semilunare del carpo. A causarla è un mancato rifornimento di sangue alla struttura ossea interessata dal processo di necrosi.

FATTORI DI RISCHIO

Qualunque individuo può essere soggetto a dolore al polso, sia che conduca una vita sedentaria sia che conduca una vita molto attiva. Ciononostante, le persone maggiormente a rischio sono quelle che svolgono lavori manuali ripetitivi e molto intensi, quelle che praticano attività sportive stressanti per il polso - come il golf, il tennis, lo snowboard o la ginnastica - e, infine, quelle che soffrono di malattie croniche gravi, come diabete, leucemia, sclerodermia o lupus eritematoso sistemico.

Sintomi, segni e complicazioni

Il dolore al polso può manifestarsi con caratteristiche estremamente variabili. Tutto dipende dalle cause scatenanti. Per esempio: la sindrome del tunnel carpale, oltre a una fastidiosa sensazione dolorosa, provoca anche formicolio e intorpidimento; l'osteoartrosi, a detta dei pazienti, dà luogo a un dolore sordo, simile al mal di denti; le infiammazioni dei tendini generano un dolore straziante e molto acuto, e limitano fortemente la mobilità articolare; le fratture e le distorsioni, oltre al senso di dolenza, sono caratterizzate da gonfiore e difficoltà di movimento.

QUANDO RIVOLGERSI AL MEDICO? LE COMPLICAZIONI

Il dolore al polso deve richiamare le attenzioni di chi ne soffre, specie se provoca dolore intenso per diversi giorni, gonfiore persistente, limitata mobilità articolare, formicolio, intorpidimento o se risponde scarsamente ai trattamenti di base come ghiaccio e riposo.
La trascuratezza dei sopraccitati sintomi può rallentare in modo marcato il processo di guarigione e lasciare delle conseguenze permanenti e assai spiacevoli (come per esempio difetti anatomici o ridotte capacità articolari).

Diagnosi

Per individuare le cause precise di un dolore al polso, il medico deve sottoporre il paziente a un esame obiettivo accurato e, qualora lo ritenga opportuno, a controlli più specifici, come la diagnostica per immagini, l'artroscopia, l'elettroneurografia e l'elettromiografia.
Solo con una diagnosi accurata è infatti possibile programmare il trattamento terapeutico più adeguato.

ESAME OBIETTIVO

Durante l'esame obiettivo, il medico si fa indicare dal paziente i punti dolenti, osserva l'aspetto del polso (se presenta arrossamenti, gonfiori o segni particolari), testa la mobilità articolare per individuare eventuali anomalie e, infine, saggia la forza dell'arto.
Secondo gli esiti di tali osservazioni, decide come e se proseguire le indagini con ulteriori accertamenti diagnostici.

DIAGNOSTICA PER IMMAGINI

Gli esami di diagnostica per immagini più praticati sono:

  • L'esame ai raggi X. È utile per evidenziare le fratture ossee e i segni dell'osteoartrite.
  • La tomografia assiale computerizzata o TAC. Mostra nel dettaglio le anomalie ossee e articolari, tuttavia la sua esecuzione espone il paziente a radiazioni ionizzanti.
  • Scintigrafia ossea. Tramite l'iniezione di un radiofarmaco per via endovenosa, permette di ricavare delle immagini relative all'anatomia e all'attività metabolica delle ossa. Si tratta di un esame diagnostico molto sensibile (perché mostra chiaramente se ci sono delle alterazioni patologiche), ma allo stesso tempo anche aspecifico (in quanto non chiarisce la natura dei disturbi evidenziati).
  • Risonanza magnetica nucleare o RMN. Mette in evidenza l'aspetto delle ossa e dei tessuti molli presenti a livello del polso. A differenza della TAC, non prevede l'esposizione a radiazioni ionizzanti.

ARTROSCOPIA

Se la diagnostica per immagini risulta poco chiara o povera d'informazioni, è possibile che il medico opti per un'artroscopia a scopo diagnostico. L'artroscopia è una procedura chirurgica minimamente invasiva, che prevede l'inserimento nel polso di un strumento particolare, dotato di una telecamera e chiamato artroscopio. La telecamera dell'artroscopio è collegata a un monitor, su cui proietta, in tempo reale e per il chirurgo operante, tutto ciò che "vede".

ELETTRONEUROGRAFIA ED ELETTROMIOGRAFIA

L'elettroneurografia è un esame diagnostico che rileva quanto veloce è la trasmissione dei segnali nervosi. L'elettromiografia, invece, permette di misurare la risposta dei muscoli alle sollecitazioni nervose.
Entrambe le procedure richiedono l'utilizzo di elettrodi e vengono praticate nei casi sospetti di sindrome del tunnel carpale.

Terapia

La terapia prevista per il dolore al polso è assai varia e dipende fondamentalmente da:

  • Il tipo di disturbo in atto e la sua gravità
  • L'intensità e la sede della sensazione dolorosa
  • L'età e lo stato di salute generale del paziente

A seconda delle circostanze, sono previsti: riposo, impacchi di ghiaccio, farmaci antinfiammatori e antidolorifici, ingessature, tutori o interventi di tipo chirurgico.

RIPOSO

Qualunque sia la causa del dolore al polso, il riposo è sempre un rimedio valido e consigliato. La sua mancata osservazione può, anche nei casi meno gravi, comportare delle spiacevoli conseguenze. Spesso, infatti, per evitare una frattura da stress o un infortunio ai tendini è sufficiente riposare l'articolazione ai primi segnali dolorosi.

GHIACCIO

Gli impacchi di ghiaccio rappresentano un ottimo rimedio nella maggior parte delle circostanze. Infatti, la cosiddetta crioterapia (dal greco "cura del freddo") ha dei potentissimi effetti analgesici (cioè contro il dolore), in quanto rallenta la trasmissione degli impulsi dolorosi; inoltre, ha effetti antiedemigeni (cioè contro l'edema o gonfiore), in quanto impedisce lo stravaso di sangue nei tessuti circostanti.
Nei casi meno gravi, il ghiaccio abbinato al riposo rappresenta il rimedio migliore, perché è economico, altamente efficace e praticamente privo di effetti collaterali (se usato correttamente).

FARMACI

I farmaci antinfiammatori e antidolorifici più utilizzati, in caso di dolore al polso, sono l'ibuprofene e il paracetamolo.
In caso di dolore molto intenso, potrebbero essere un'ottima soluzione anche i corticosteroidi. Tuttavia, questi potenti antinfiammatori devono essere assunti solo su prescrizione del medico, in quanto possiedono diversi effetti collaterali.

N.B. il termine antinfiammatorio significa "contro l'infiammazione". L'infiammazione è un processo molto particolare e complicato, che provoca principalmente dolore e gonfiore.

INGESSATURE E TUTORI

In caso di fratture ossee (sia da impatto che da stress), i trattamenti terapeutici più praticati sono le ingessature o le steccature, in quanto permettono alle ossa di rinsaldarsi e guarire correttamente.
In caso di distorsioni ai legamenti o infiammazioni dei tendini, invece, i rimedi più applicati sono i tutori, poiché limitano i movimenti più pericolosi e dolenti per il polso.

CHIRURGIA

La chirurgia è prevista di solito quando le cause e l'entità del dolore al polso sono serie e rilevanti. Esistono interventi di tipo chirurgico per:

  • Le fratture ossee molto gravi. L'operazione chirurgica serve all'inserimento di placche metalliche, che favoriscono la saldatura delle ossa fratturate.
  • La sindrome del tunnel carpale. L'operazione prevede la sezione del legamento carpale trasverso, allo scopo di ridurre lo schiacciamento del nervo mediano. Viene praticata quando i sintomi della sindrome del tunnel carpale si protraggono per più di sei mesi e sono particolarmente fastidiosi.
  • La rottura dei legamenti o dei tendini. L'operazione serve alla ricostruzione o alla sostituzione dei legamenti o dei tendini rotti.

Prevenzione

Prevenire o prevedere determinate situazioni pericolose per il polso è, talvolta, impossibile. Tuttavia, è buona regola:

  • Adottare una dieta sana ed equilibrata, che fornisca i giusti quantitativi di calcio; il calcio è il minerale fondamentale per rendere le ossa forti e meno soggette a fratture.
  • Tenere in ordine gli ambienti dove si trascorre la maggior parte del tempo, in quanto le cadute (con successiva frattura di una o più ossa) sono spesso dovute ad ostacoli dimenticati in giro per la casa o nei locali dove si lavora.
  • Usare le protezioni adeguate, quando si praticano certi sport, come snowboard, pattinaggio ecc.
  • Seguire i consigli destinati alla prevenzione della sindrome del tunnel carpale. Sebbene non sia stata ancora dimostrata una correlazione certa tra determinate attività manuali e la sindrome del tunnel carpale, esiste una serie di accorgimenti utili (consultabili alla seguente pagina web), a cui sarebbe bene attenersi.

Prognosi

La prognosi del dolore al polso dipende dalla gravità delle cause scatenanti e dalla tempestività con cui il paziente si rivolge al medico e inizia le giuste terapie (riposo compreso).