La risonanza magnetica

risonanza magneticaLa risonanza magnetica è un esame diagnostico che permette di visualizzare l'interno del nostro corpo senza effettuare operazioni chirurgiche o somministrare pericolose radiazioni ionizzanti.

Ideata e messa a punto intorno al 1980, la risonanza magnetica ha subìto nel corso degli anni un costante processo di evoluzione tecnologica. Oggi, grazie alla sua estrema precisione diagnostica e all'assenza quasi totale di effetti collaterali, si è conquistata un ruolo di primaria importanza nella diagnosi di numerosissime malattie.

Particolarmente utile nell'ottenere immagini dettagliate del cervello e della colonna vertebrale, riesce a fornire ottime informazioni anche in campo traumatologico, oncologico, ortopedico, cardiologico e gastroenterologico. L'unico limite alla sua diffusione rimane l'elevato costo dell'apparecchiatura e delle operazioni di manutenzione.

Come funziona

Il principio di funzionamento della risonanza magnetica è estremamente complesso e pienamente comprensibile soltanto a chi conosce le teorie fisiche alla base della meccanica quantistica.

Semplificando al massimo il concetto possiamo paragonare i nuclei atomici a tanti piccoli magneti. Un po' come succede per l'ago di una bussola, in presenza di un campo magnetico esterno queste minuscole particelle tendono a disporsi lungo una direzione preferenziale. Se a questo punto vengono emesse delle onde radio i nuclei subiscono delle temporanee variazioni di posizione. Durante questa fase transitoria gli atomi emettono dei segnali captabili da un rilevatore elettronico, che li trasmette ad un potente computer dove verranno analizzati ed elaborati.

Per questo motivo la risonanza magnetica utilizza un potente magnete ed un generatore di onde radio di frequenza pari a 42 megahertz, che corrisponde al numero di giri che i protoni dell'atomo di idrogeno compiono su se stessi in un secondo. Tale elemento è stato scelto sia per le sue proprietà fisiche, sia per la sua abbondanza all'interno dell'organismo umano. Dato che non tutti i nuclei atomici impiegano lo stesso tempo a ritornare nella posizione iniziale, analizzando questo periodo è possibile ricreare una mappa tridimensionale delle strutture anatomiche interne, evidenziandone anche lo stato di idratazione.

Campi di applicazione

La risonanza magnetica viene impiegata con successo per ottenere immagini dettagliate di molti tessuti. La qualità dei risultati consente di apprezzare particolari non rilevabili con altre tecniche diagnostiche. Tanto per citare qualche esempio, è possibile studiare la vascolarizzazione dei tessuti, lo stato di idratazione dei dischi intervertebrali, valutare la salute delle articolazioni e diagnosticare con estrema precisione malattie neurologiche ed alcune forme tumorali.

Fattori di rischio ed effetti collaterali

La risonanza magnetica è un'indagine sicura e del tutto innocua per l'organismo umano. L'assenza di radiazioni ionizzanti la rende particolarmente adatta anche per la ripetizione di esami a breve distanza di tempo.

A causa del campo magnetico generato dall'apparecchiatura non possono sottoporsi all'esame persone a cui sono stati applicati apparecchi metallici interni, come pace-maker, protesi metalliche (denti, occhi, ossa ecc.) e clips vascolari. Grazie ai progressi della tecnologia ormai da diversi anni gran parte dei metalli utilizzati per uso medico è compatibile con la risonanza magnetica.

Preparazione all'esame

La risonanza magnetica generalmente non richiede il digiuno o l'osservanza di diete particolari, per cui il paziente è completamente libero di alimentarsi secondo le proprie preferenze.

Prima dell'esame il soggetto è invitato a togliersi qualsiasi oggetto o indumento contenente parti metalliche (borse, gioielli, cinture, portafoglio, scarpe ecc.). Insieme al medico o al personale addetto verrà compilato un questionario per accertarsi che non vi siano controindicazioni all'esame.

Esecuzione della risonanza magnetica

Dopo aver tolto qualsiasi oggetto o indumento contenente metallo, il paziente viene fatto distendere sopra un lettino, che attraverso un comando elettronico scorrerà fino a posizionarsi tra i poli del magnete. Nei macchinari tradizionali la forma stessa dell'apparecchiatura potrebbe creare problemi a chi soffre di claustrofobia. Oggi sono tuttavia a disposizione anche macchinari più moderni, dove il problema non si pone.

Durante l'esame al paziente non è richiesta alcuna forma di collaborazione, se non quella di rilassarsi e di avvertire il personale tramite appositi strumenti in caso di malessere. Le apparecchiature sono infatti dotate di altoparlanti e di microfoni per comunicare con il medico o con il personale addetto. A protezione dei rumori piuttosto forti e secchi, dovuti all'emissione delle onde radio, vengono anche forniti degli appositi auricolari .

La durata media dell'esame è generalmente compresa tra i venti ed i trenta minuti, anche se le tecniche più moderne consentono di ridurre i tempi di rilevazione. Per migliorare la qualità delle immagini e rendere più sicura la diagnosi, il medico può decidere di iniettare del gadolinio, un mezzo di contrasto generalmente privo di effetti collaterali. Per approfondire: mezzi di contrasto e risonanza magnetica.

Risonanza magnetica e mal di schiena

risonanza magnetica ernia al discoLa risonanza magnetica viene spesso utilizzata per la diagnosi di sospette alterazioni della colonna vertebrale. In particolare questo esame è in grado di fornire preziose indicazioni sullo stato di salute dei dischi intervertebrali.

Generalmente vengono sottoposti a risonanza magnetica soltanto quei pazienti che soffrono di mal di schiena cronico e particolarmente invalidante.

Considerando che oltre il 90% dei casi di lombalgia regredisce spontaneamente entro trenta giorni, sottoporsi a questo esame in epoca precoce è praticamente inutile.

Nell'immagine a lato, che riporta il risultato di una risonanza magnetica, è possibile osservare la presenza di un'erniazione a livello di un disco intervertebrale (cerchietto rosso). Il sollevamento di un carico pesante in maniera scorretta o la ripetizione continua di microtraumi può causare lo schiacciamento di questa importante struttura e, nei casi più gravi, determinare l'espulsione delle sostanze in esso contenute. Questa fuoriuscita di materiale, chiamata ernia al disco, può comprimere e/o infiammare le radici nervose adiacenti, causando la sciatica (dolore lungo il gluteo, la gamba ed il piede) o la cruralgia (dolore che si irradia nella parte anteriore della coscia).

Purtroppo, una volta lesionato, il disco intervertebrale non può rigenerarsi e riacquisire la forma e la funzionalità perduta. Tuttavia in molti casi il dolore tende a scomparire spontaneamente e in circa il 25-35% dei soggetti non compare nemmeno nella fase acuta del trauma. Un programma di attività fisica, miratao alla riduzione del peso corporeo e alla correzione di eventuali difetti posturali, potrà inoltre migliorare significativamente le condizioni del paziente, prevenendo, al tempo stesso, ulteriori lesioni. VEDI ANCHE: l'ernia al disco

Risonanza magnetica e valutazione della composizione corporea

Tale tecnica viene utilizzata anche in contesto medico sportivo per valutare:

Nonostante fornisca preziose informazioni, a causa della bassa disponibilità e dell'elevato costo della strumentazione, l'utilizzo della risonanza magnetica in questo campo è piuttosto limitato.