Rimedi per la Tendinite

La tendinite è una tendinopatia, ovvero una patologia dei tendini o delle strutture annesse.
Si tratta di un disturbo su base infiammatoria, scatenato da un evento acuto (più raro) o dalla ripetizione cronica di micro-sollecitazioni (più frequente).
Il danno al tendine viene riparato con un tessuto meno resistente, meno elastico e quasi sempre più sottile.
TendiniteI tendini più sensibili all'insorgenza di tendinite sono quelli che risiedono in prossimità delle articolazioni: caviglia, ginocchio, gomito e spalla (in particolare: tendine del tricipite surale, tendine del quadricipite femorale, estensori dell'avambraccio, tendine del muscolo sovraspinato).
Le tendiniti si manifestano con dolore, gonfiore e rossore (dove visibili); si manifestano anche: riduzione dell'elasticità, compromissione della mobilità e rigidezza, e aumento del rischio di rottura.
I fattori di rischio per la tendinite sono di tipo ambientale (lavoro, hobby, sport ecc) e soggettivo (predisposizioni anatomiche, debolezza  muscolare ecc).


Il materiale pubblicato ha lo scopo di permettere il rapido accesso a consigli, suggerimenti e rimedi di carattere generale che medici e libri di testo sono soliti dispensare per il trattamento della Tendinite; tali indicazioni non devono in alcun modo sostituirsi al parere del medico curante o di altri specialisti sanitari del settore che hanno in cura il paziente.

Cosa Fare

  • Accorgimenti preventivi (vedi sotto Prevenzione): sono i fattori più importanti. Le tendiniti si manifestano in situazioni prevedibili e a causa di fattori che possono essere evitati. Questo è vero soprattutto per le attività ricreative e gli hobby; richiede maggior impegno quando lo stress negativo è causato da un'attività lavorativa.
  • Individuazione dei sintomi: nonostante la diagnosi debba essere medico-ortopedica, riconoscere precocemente l'insorgenza del problema potrebbe favorire un decorso positivo e meno complicato; tra i sintomi di una tendinite si ricordano:
    • Dolore nei movimenti specifici.
    • Dolore alla palpazione.
    • Gonfiore e rossore (se rilevabili).
    • Rigidità articolare.
    • Compromissione della funzionalità.
    • Sensazione di instabilità articolare.
    • Perdita di forza e ipotrofia dei muscoli annessi.
    • Assottigliamento, allungamento e fragilità dei tendini.
  • Visita medica: si suddivide in:
  • Intervento sulla causa scatenante: varia a seconda del tendine coinvolto. Alcuni accorgimenti sono:
    • Correzione dei difetti posturali.
    • Ridimensionamento dei sovraccarichi.
    • Correzione della tecnica sportiva motoria.
    • Correzione di altri gesti consuetudinari.
    • Scelta di strumenti, ausili o calzature adatti alle caratteristiche soggettive.
    • Automatizzazione di certe fasi lavorative.
    • ATTENZIONE! Esistono patologie o complicazioni sistemiche (ad esempio il lupus eritematoso, l'insufficienza renale cronica ecc) che favoriscono l'insorgenza di malattie ai tendini.
  • Se la tendinite è conclamata, lo specialista sceglierà di applicare la terapia conservativa o la chirurgia:
    • Terapia conservativa:
      • Riposo dell'area coinvolta.
      • Utilizzo di ausili che diminuiscono la mobilità articolare e migliorano la gestione dei carichi (tutori, stecche, bastoni o stampelle, plantari ecc).
      • Fisioterapia, ginnastica preventivo-riabilitativa e stretching: indispensabili al recupero del trofismo e della forza muscolare, e della stabilità articolare.
      • Crioterapia o terapia del freddo: agisce diminuendo l'infiammazione e calmando il dolore.
      • Farmaci: di tipo antinfiammatorio (non steroidei o corticosteroidi).
      • Trattamenti medici: utili alla riduzione dell'infiammazione e allo stimolo della riparazione tissutale.
    • Chirurgia: utilizzata quando la tendinite va incontro a complicazioni: calcificazioni e rottura.
      • Riabilitazione post-chirurgica: di tipo fisioterapico e successivamente di potenziamento.

Cosa NON Fare

  • Non rispettare gli accorgimenti di prevenzione: ciò riguarda soprattutto chi ha un storia clinica preesistente, svolge attività a rischio o ha una predisposizione familiare.
  • Ignorare i sintomi, seppur inizialmente lievi. Trattare precocemente una tendinite significa ridurre sensibilmente la fragilità e i danni nel lungo termine.
  • Tentare di curarsi autonomamente e non rivolgersi al medico, soprattutto quando il disagio supera le 8-12 settimane di durata.
  • Non approfondire la diagnosi con le analisi specifiche.
  • Lasciare invariate le abitudini che hanno portato alla formazione della tendinite e concentrarsi esclusivamente sulla riduzione del dolore.
  • Continuare a utilizzare e a sovraccaricare il distretto corporeo dolente.
  • Non rispettare la terapia (farmaci, fisioterapia, trattamenti medici ecc).
  • Escludere l'intervento chirurgico in caso di calcificazioni.

Cosa Mangiare

Non esiste una dieta idonea alla cura delle tendiniti. Tuttavia lo stato nutrizionale può incidere positivamente o negativamente sull'insorgenza e sulla guarigione della patologia.

Cosa NON Mangiare

Cure e Rimedi Naturali

  • Stretching: lo stretching può essere statico o dinamico, attivo o passivo. Nel caso delle tendiniti serve principalmente a combattere la conseguente rigidità articolare.
  • Esercizi motori per il rinforzo: usati sia nella terapia conservativa, sia in quella riabilitativa dopo l'intervento chirurgico. Sono particolarmente utili nella tendinite della spalla, nella quale la causa scatenante è una riduzione del tono muscolare, che provoca l'allungamento dei tendini e il conseguente sfregamento su alcuni vertici ossei.

ATTENZIONE! E' sconsigliabile forzare eccessivamente con lo stretching  e la ginnastica di rinforzo; oltre a generare dolore, potrebbero favorire la rottura di un tendine particolarmente assottigliato.

  • Crioterapia: la terapia col freddo è utile nella riduzione del dolore e dell'infiammazione. Va eseguita 2 o 3 volte al giorno. Il ghiaccio non dev'essere applicato direttamente; al contrario, va inserito in una borsa contenitiva con acqua e applicato interponendo un panno di lana a protezione della pelle.
  • Tutori, bendaggi e fasciature: sono strumenti che talvolta si rendono utili per la riduzione dei sintomi. Hanno la funzione di accompagnare o limitare i movimenti. Nella pratica sportiva non possono essere molto stretti; al contrario, durante il lavoro è possibile serrarli più energicamente facendo attenzione a non compromettere la circolazione.

Cure Farmacologiche

La terapia antinfiammatoria è necessaria alla cura della tendinopatia che può indebolire il tendine e/o generare le calcificazioni. Svolge anche un ruolo antidolorifico. Tuttavia non interviene sulla causa scatenante.
I farmaci utilizzati sono:

Prevenzione

  • Fare attenzione agli stimoli motori: ciò riguarda sia la posizione, sia il carico. Le circostanze più a rischio interessano: hobby, sport e lavoro.
  • Per le tendinopatie degli arti superiori:
    • Utilizzare strumenti o ausili adeguati: sono coinvolti il peso, la forma e la maneggevolezza (impugnatura, ingombro ecc). Non devono indurre escursioni articolari precarie e sollecitare eccessivamente i tendini.
  • Per le tendinopatie degli arti inferiori:
    • Utilizzare calzature adeguate.
    • Correre o saltare su terreni regolari e possibilmente di consistenza intermedia.
      • Evitare i terreni scivolosi, troppo duri (asfalto) o troppo soffici (sabbia).
  • Svolgere correttamente i gesti specifici o gli esercizi sportivi implicati.
  • Escludere l'assunzione di farmaci anabolizzanti destinati all'aumento della massa e della forza muscolare (doping): possono creare uno squilibrio tra la forza muscolare e la resistenza tendinea (soprattutto dei tendini compromessi).
  • Non abusare di iniezioni locali a base di corticosteroidi: questi farmaci, seppur molto efficaci nella lotta all'infiammazione, favoriscono l'assottigliamento dei tendini.
  • Eseguire un riscaldamento adeguato prima delle attività intense.
  • Osservare il giusto recupero e praticare le terapie prescritte a seguito di un infortunio tendineo..
  • Assumere una postura corretta.

Trattamenti Medici

  • Tecarterapia: è un metodo terapeutico che sfrutta un condensatore elettrico per curare gli infortuni muscolo articolari e le tendinopatie. Il meccanismo della tecarterapia si basa sul ripristino della carica elettrica nelle cellule lesionate, per fare si che si rigenerino più rapidamente.
  • Laserterapia: è un trattamento che sfrutta i raggi elettromagnetici direttamente sulla zona interessata. Il fascio di elettroni del laser agisce sulla membrana cellulare e sui mitocondri incrementando l'attività metabolica, riducendo il dolore e l'infiammazione, creando vasodilatazione e aumentando il drenaggio linfatico.
  • Ultrasuoni: questo sistema sfrutta le onde acustiche ad alta frequenza. E' molto utile come antinfiammatorio, stimolante del riassorbimento edematoso e per sciogliere le aderenze che si formano durante la guarigione. Produce calore e aumenta la permeabilità delle membrane cellulari.
  • Onde d'urto (Extracorporeal Shock Wave Terapy): sgretolano le calcificazioni di modesta entità della tendinite calcifica. Si basano sulla liberazione localizzata di impulsi acustici.
  • Kinesio taping: non è particolarmente efficace sulle tendiniti, ma può essere utilizzato nelle forme più lievi. Sfrutta la trazione delle bende adesive ed elastiche, che talvolta contengono piccole concentrazioni farmacologiche di antinfiammatori, applicate sulla pelle. Dovrebbero avere una funzione drenante, leggermente antidolorifica-antinfiammatoria e di tutore.
  • Chirurgia: è essenziale per riparare la rottura totale del tendine infiammato e talvolta per la rimozione delle calcificazioni.
  • Fisioterapia: utile sia prima che dopo l'intervento chirurgico. Ottimizza la capacità di movimento, evitando di sovraccaricare i tendini, inizia il rinforzo muscolare, previene la rigidità e migliora il recupero funzionale.