Rimedi per la Stomatite

Per stomatite si intende un processo infiammatorio che colpisce la bocca.
Può essere acuta o cronica e colpire maschi o femmine di ogni età.
Rimedi StomatiteLa stomatite, inoltre, può essere localizzata o diffusa.

Le zone più sensibili sono: l'interno delle guance, il palato, la lingua, le gengive e le labbra.
I sintomi interessano solo la mucosa del cavo orale e si accompagnano a una o più delle seguenti manifestazioni:

Il dolore provocato dalla stomatite può compromettere la dieta e lo stato nutrizionale (disidratazione e malnutrizione).


Il materiale pubblicato ha lo scopo di permettere il rapido accesso a consigli, suggerimenti e rimedi di carattere generale che medici e libri di testo sono soliti dispensare per il trattamento della Stomatite; tali indicazioni non devono in alcun modo sostituirsi al parere del medico curante o di altri specialisti sanitari del settore che hanno in cura il paziente.

Cosa Fare

  • Riconoscere tempestivamente la stomatite: pur trattandosi di un disturbo lieve, risulta estremamente fastidioso e, se non trattato, può aggravarsi. I sintomi sono: dolore (soprattutto mentre si mangia, si parla oppure ci si lava i denti), ipersensibilità al calore e al piccante, gonfiore, arrossamento, pustole, afte, ulcere orali (afte) e talvolta perdite di sangue.
  • Differenziare la stomatite dalle ulcere labiali provocate dall'herpes simplex, che invece compaiono all'esterno della cavità orale e sono contagiose. Le ulcere associate alla stomatite, invece, non possono essere trasmesse.

NB. La diagnosi è di interesse medico

  • Cercare le cause scatenanti e stabilire una cura specifica (ricordando che molte stomatiti vengono definite idiopatiche):
    • Intolleranze alimentari o allergie (anche da contatto): eliminare l'allergene o la molecola non tollerata.
    • Carenze nutrizionali: seguire una dieta adeguata.
    • Elevato stress psico-fisico: ridimensionare le abitudini e lo stile di vita per diminuire lo stress.
    • Riduzione delle difese immunitarie orali: è impossibile incrementare l'immunità localizzata; pertanto, oltre a seguire alcune regole che permettono di migliorare tutte le difese dell'organismo, non esistono altre opportunità.
    • Disordini endocrini, metabolici e autoimmuni: la soluzione consiste nella cura della patologia in questione; in tal caso la stomatite rappresenta un obbiettivo di secondaria importanza.
    • Assunzione di farmaci: se possibile, è necessario sostituire il farmaco responsabile della stomatite con un altro ben tollerato.
    • Agenti chimicamente o fisicamente irritanti: andrebbero evitati ma talvolta non è possibile. Un esempio indicativo sono le protesi dentarie mobili.
    • E' noto che la presenza di un polimorfismo genetico che aumenta la concentrazione di due fattori dell'infiammazione (IL-1 e TNF-alfa) sia correlato alla presenza di stomatite. In tal caso non è possibile intervenire in alcun modo sulla causa primaria.
    • Infezioni: nonostante la bocca dovrebbe possedere un'immunità sufficiente a contrastare le infezioni, è comunque necessario adottare una corretta igiene orale per ridurre la concentrazione dei patogeni (batteri, funghi, virus).
  • Usare collutori antisettici: utili per disinfettare la cavità orale.
  • Assunzione di farmaci da banco: permettono di alleviare i sintomi (vedi oltre).

Cosa NON Fare

  • Ignorare la comparsa dei primi sintomi e rischiare l'aggravamento.
  • Non rivolgersi al medico per effettuare una diagnosi e differenziare il disturbo dall'Herpes simplex: il rischio è di seguire una terapia inefficace o di promuovere il contagio dell'Herpes.
  • Tralasciare i test di ricerca per le allergie e le intolleranze.
  • Continuare con l'utilizzo o l'assunzione di prodotti responsabili di reazioni avverse.
  • Seguire una dieta sbilanciata e potenzialmente responsabile di carenze nutrizionali.
  • Seguire periodi di elevato stress psico-fisico.
  • Trascurare o curare in maniera inappropriata i disordini endocrini, metabolici e autoimmuni.
  • Proseguire l'assunzione di farmaci scarsamente tollerati.
  • Utilizzare prodotti chimicamente o fisicamente irritanti.
  • Non rispettare una corretta igiene orale.
  • Non rispettare la terapia farmacologica (da banco o prescritta).
  • Consumare cibi e bevande nocivi o che peggiorano la sintomatologia.
  • Fumare.

Cosa Mangiare

Cosa NON Mangiare

Esistono alcuni prodotti correlati all'insorgenza di stomatite o al peggioramento della sintomatologia:

Cure e Rimedi Naturali

Cure Farmacologiche

  • Collutori medicati (sotto prescrizione) che contengono molecole specifiche:
    • Desametasone: corticocosteroide in grado di alleviare i sintomi tipici dell'infiammazione (gonfiore, dolore, calore).
    • Tetraciclina: antibatterico inibitore della sintesi proteica (indicato soprattutto in caso di ulcere aftose).
    • Nistatina: antibiotico inibitore delle funzioni della membrana citoplasmatica; si lega alla membrana del patogeno e lo neutralizza.
    • Difenidramina: antistaminico e anestetico locale.
  • Antinfiammatori: in forma di pomata o gel da applicare localmente:
  • Antibiotici, antimicotici o antivirali: da assumere in caso di infezione e su consiglio del medico.
  • Anestetici e antidolorifici, per alleviare la sensazione di dolore correlata alla presenza della lesione:
    • Sucralfato: ad esempio Dermamed ®.
    • Lidocaina: ad esempio Luan ®.
  • Medicamenti protettivi o di barriera.

Prevenzione

  • Interessa la causa scatenante. Ovviamente non è possibile prevedere l'insorgenza di una malattia, eccezion fatta per i casi in cui esiste una storia clinica pregressa.
  • Più in generale:
    • Rispettare un'accurata igiene orale.
    • Seguire una dieta bilanciata e priva di molecole non tollerate.
    • Limitare il consumo di alcolici.
    • Non fumare.
    • Evitare lo stress chimico e fisico ad azione irritante (ad esempio correggere le protesi dentarie).

Trattamenti Medici

Non esistono trattamenti medici contro la stomatite. L'unica eccezione è costituita dagli interventi e dalle correzioni di natura odontoiatrica, ma questi hanno una validità solo nel caso in cui la stomatite sia causata da un problema annesso.