Rimedi per l'Otite

L'otite è un processo infiammatorio di natura prevalentemente infettiva che colpisce l'orecchio. In base alla porzione auricolare coinvolta, si distinguono più forme di otite: interna (o labirintite), media (che interessa l'orecchio medio) ed esterna (otite del nuotatore).

Il dolore alle orecchie, gli acufeni e l'alterazione dell'udito sono tre sintomi particolarmente frequenti in tutte le forme di otite. La malattia è generalmente reversibile in poche settimane. Ad ogni modo, nessun sintomo dev'essere sottovalutato, considerando il rischio reale di complicanze (es. vertigini, perforazione del timpano, sordità ecc.).


Il materiale pubblicato ha lo scopo di permettere il rapido accesso a consigli, suggerimenti e rimedi di carattere generale che medici e libri di testo sono soliti dispensare per il trattamento dell'Otite; tali indicazioni non devono in alcun modo sostituirsi al parere del medico curante o di altri specialisti sanitari del settore che hanno in cura il paziente.

Cosa Fare

  • L'applicazione di impacchi caldi direttamente sull'orecchio colpito da otite costituisce un buon rimedio per alleviare temporaneamente il dolore
  • In caso di accertata otite batterica o virale, seguire una specifica terapia antibiotica/antiviale
  • Quando si nuota, si consiglia di utilizzare tappi (possibilmente in lattice) per proteggere le orecchie dall'acqua: il consiglio è particolarmente utile per la prevenzione dall'otite esterna
  • Dopo un bagno caldo o una nuotata, asciugare accuratamente il canale uditivo esterno con un fazzoletto o con un panno umido
  • Durante il riposo notturno, si consiglia di dormire con la testiera del letto lievemente sollevata (posizionare un cuscino sotto il materasso, in linea con il punto in cui si appoggia la testa): così facendo, si favorisce lo svuotamento delle tube di Eustachio
  • È possibile facilitare l'asciugatura dell'orecchio con l'aiuto del phon per capelli, mantenuto ad una certa distanza
  • Applicare regolarmente gocce emollienti per le orecchie (una volta a settimana): il suggerimento si rivela particolarmente utile per i pazienti soggetti alla formazione di tappi di cerume
  • Proteggere le orecchie da sostanze dannose/irritanti: per esempio, le donne che utilizzano le tinture per capelli dovrebbero inserire garze sterili nell'orecchio (NON in profondità) - o meglio ancora coprire le orecchie con un lembo di stoffa - per evitare che l'acido della tinta entri nell'orecchio
  • Bere molti liquidi e cercare di deglutire spesso: questo atteggiamento stimola lo svuotamento delle tube di Eustachio, accelerando i tempi di guarigione dall'otite
  • Nuotare in superficie evitando di mettere la testa sott'acqua: i pazienti predisposti alle otiti dovrebbero evitare di nuotare in profondità (rimedio efficace per prevenire l'otite del nuotatore)

Cosa NON fare

  • Utilizzare bastoncini ricoperti di cotone per l'igiene delle orecchie: l'azione meccanica del cotton-fioc, infatti, spinge il cerume verso il condotto uditivo che compattandosi crea il tappo
  • Eseguire l'irrigazione dell'orecchio in caso di perforazione timpanica
  • Inserire oggetti nell'orecchio: anche l'irritazione e le lesioni extrainfettive possono predisporre il paziente all'otite
  • Grattare o graffiare l'orecchio: questo comportamento potrebbe lesionare la cute del canale uditivo esterno, dunque favorire la proliferazione dei patogeni (→ otite)
  • Nuotare in caso di otite od infezioni recenti all'orecchio
  • Assumere latte e derivati immediatamente dopo l'assunzione di antibiotici come le tetracicline: i latticini possono inattivare il farmaco
  • Somministrare aspirina ai bambini di età inferiore ai 12 anni: un comportamento simile può provocare gravi effetti collaterali, quali sindrome di Reye, disfunzioni epatiche ed alterazioni cerebrali
  • Fumare: il fumo, sia attivo che passivo, favorisce le infezioni, in particolar modo nei soggetti predisposti. Ancora, lo smog ed il fumo inquinano l'ambiente con agenti irritanti, responsabili della congestione delle trombe di Eustachio
  • Temporeggiare: anche se l'otite è un'infezione relativamente leggera, non dev'essere sottovalutata. Ricordiamo, infatti, che in alcuni casi l'otite può provocare danni gravi, quali sordità e perforazione del timpano

Cosa Mangiare

Cosa NON Mangiare

  • Non c'è alcuna evidenza scientifica che relazioni il cibo con il miglioramento od il peggioramento dei sintomi dell'Otite. Si raccomanda di seguire una dieta sana, bilanciata, ricca di frutta, verdura e povera di grassi.

Cure e Rimedi naturali

Per velocizzare la guarigione, è possibile applicare nell'orecchio alcune gocce emollienti formulate con sostanze naturali. Ricordiamo, tuttavia, che pur trattandosi di principi attivi naturali è sempre importante il parere del medico prima di istillare qualsiasi sostanza nell'orecchio. I ceruminolitici e le gocce emollienti possono facilitare la rimozione del cerume, possibile causa di otite. I rimedi naturali più efficaci sono:

Cure Farmacologiche

Prevenzione

  • Allattare il bambino possibilmente con latte materno, importantissimo per rafforzare le sue difese immunitarie: sembra, infatti, che i bambini allattati al seno siano meno esposti al rischio di otite
  • Effettuare regolarmente il lavaggio delle orecchie
  • Evitare di graffiare il canale uditivo esterno, per prevenire un'eventuale proliferazione batterica

Trattamenti medici

  • In caso di otite suppurativa che non risponde agli antibiotici, si raccomanda l'intervento chirurgico volto a drenare il liquido accumulato all'interno dell'orecchio medio
  • Aspirazione del cerume o curettage (rimozione meccanica del tappo di cerume mediante una curetta): anche il tappo di cerume può esporre il paziente al rischio di otite
« 1 2 3


Ultima modifica dell'articolo: 08/12/2016