Rimedi Meteorismo

Il meteorismo è un sintomo gastrointestinale caratterizzato da accumulo di gas, spasmi e tensione addominale.
Può avere diverse cause, talvolta compresenti, ma varia sempre in funzione della dieta.
MeteorismoIl meteorismo può essere fisiologico, conseguire ad atteggiamenti alimentari sbagliati o rappresentare il sintomo di una malattia intestinale.
Assieme ai disturbi dell'alvo e ai dolori addominali colpisce un italiano su dieci.
Dal punto di vista eziologico, il meteorismo si manifesta quando i gas naturalmente presenti nel lume intestinale (azoto, ossigeno, idrogeno, monossido di carbonio e metano) oltrepassano significativamente la quota normalmente contenuta (in media 100-150ml).
NB. E' importante sottolineare che la variazione individuale dei gas contenuti nell'intestino risulta piuttosto significativa (da 30 a 200ml).
Il meteorismo e la conseguente flatulenza avvengono quando i processi di regolazione non sono in grado di contrastare la crescita volumetrica dei gas.


Il materiale pubblicato ha lo scopo di permettere il rapido accesso a consigli, suggerimenti e rimedi di carattere generale che medici e libri di testo sono soliti dispensare per il trattamento del Meteorismo; tali indicazioni non devono in alcun modo sostituirsi al parere del medico curante o di altri specialisti sanitari del settore che hanno in cura il paziente.

Cosa Fare

Cosa NON Fare

  • Ignorare le cause scatenanti del meteorismo e fare utilizzo indiscriminato di rimedi farmacologici contro l'accumulo di gas intestinale.
  • Non rivolgersi al medico, soprattutto quando il sintomo diventa importante e/o tende a peggiorare.
  • Non eseguire i trattamenti medici o le terapie farmacologiche quando necessari.
  • Una volta escluse le cause più gravi, non approfondire le indagini diagnostiche.
  • In generale, dal punto di vista alimentare è sconsigliato:
    • Mangiare velocemente.
    • Masticare poco.
    • Bere troppo o non bere acqua ai pasti.
    • Aumentare l'apporto di cibi grassi.
    • Prediligere alimenti ricchi di tessuto connettivo (poco digeribili anche se magri).
    • Consumare prodotti confezionati mediante tecniche di cottura inadeguate.
    • Adottare stili nutrizionali che possono selezionare in maniera inadeguata la flora batterica intestinale o attivarla eccessivamente.
    • Esporsi al rischio di tossinfezioni e infestazioni di origine alimentare.
    • Trascurare il colon facilmente irritabile.
    • Trattenere le eruttazioni.
    • Consumare alimenti che possono favorire l'accumulo di gas intestinali, anche indipendentemente dai pre- e dai probiotici.
    • Inserire nella dieta cibi contenenti molecole coinvolte nelle intolleranze alimentari.
    • Eccedere con bevande che possono scatenare reazioni intestinali.
    • Assumere cibi o spezie che possono irritare l'intestino.
    • Eccedere con prodotti finalizzati alla cura della stipsi.
    • Cedere all'emotività e all'ansia che ne può derivare.

Cosa Mangiare

Cosa NON Mangiare

  • Per aumentare la digeribilità e limitare l'apporto di molecole antinutrizionali fermentabili, evitare:
  • Per limitare la produzione eccessiva di gas intestinale, oltre alla fibra, diminuire l'apporto di:
    • Porzioni o pasti troppo abbondanti a base di carboidrati.
    • Alimenti troppo ricchi di agenti antinutrizionali o porzioni troppo abbondanti; gli antinutrizionali sono principalmente: acido fitico e fitati, acido ossalico e ossalati. Gli alimenti che li contengono di più sono: crusca, buccia di legumi, rabarbaro, foglie di rapa, spinaci ecc.
  • Per la flora batterica intestinale:
    • Eccesso di cibi probiotici: sono tutti quelli fermentati, come lo yogurt, il latticello, il kefir, il tofu, il tempeh ecc.
    • Diete esclusivamente a base di alimenti di origine animale. Questo sistema offre un sollievo immediato dal meteorismo ma tende a peggiorare la situazione nel lungo termine.
  • Inoltre si consiglia di:
      • Evitare gli alimenti poco sicuri dal punto di vista igienico alimentare.
      • In caso di intolleranza al lattosio: eliminare i latte e i latticini (derivati del latte non completamente fermentati).
      • In caso di celiachia: eliminare i cereali contenenti glutine e tutti i derivati (frumento, farro, orzo, sorgo, segale, avena e spelta).
      • In caso intolleranza all'istamina: evitare tutte le carni e i pesci conservati sotto sale, sottolio, essiccati, affumicati ecc. e quelli freschi ma al termine della loro shelf-life.

Cure e Rimedi Naturali

ATTENZIONE! Se non viene identificata la causa scatenante, i rimedi naturali contro il meteorismo sono esclusivamente un metodo palliativo:

Cure Farmacologiche

  • Farmaci parasimpatico-mimetici (agonisti muscarinici):
    • Betanecolo (es. Myocholine): per l'adulto, la dose suggerita è variabile da 10 a 50 mg, da somministrare per os, 3-4 volte al giorno.
  • Carbone:
    • Carbone vegetale: ricavato dalla distillazione secca di betulla, salice e pioppo. E' leggermente adsorbente.
    • Carbone animale:ricavato dalla carbonizzazione senza fiamma di scarti di macellazione animale. E' più efficace di quello vegetale.
    • Carbone officinale composto: è un misto dei due precedenti.
    • Carbone medicato: è un carbone arricchito con sostanze antisettiche (come i fenoli).
  • Antischiuma: è costituito dal dimeticone (ad esempio il Simecrin e il Meteosim); è un farmaco da associare agli antiacidi indicato anche per trattare i sintomi del meteorismo.
  • Farmaci e integratori di fibre e altri prebiotici: funzionano quando il meteorismo è causato dalla stipsi. NB: meglio evitare altre forme di lassativo.
  • Farmaci e integratori di probiotici (ad esempio enterogermina): funzionano quando il meteorismo è causato dalla compromissione della flora batterica intestinale.
  • Farmaci specifici per le infezioni batteriche intestinali (antibiotici) e per le parassitosi.
  • Ansiolitici leggeri per il meteorismo psicosomatico.

Prevenzione

La prevenzione del meteorismo è unicamente dedicata alla cura dell'agente scatenante.
Se il meteorismo è idiopatico o francamente a eziologia alimentare, si consiglia di:

  • Seguire una dieta equilibrata, normocalorica e ben ripartita tra i pasti.
  • Sfruttare metodi di cottura che promuovono la digeribilità.
  • Ottimizzare la digestione.
  • Identificare la giusta quantità di fibra alimentare (compresa la forma solubile e insolubile).
  • Identificare la giusta quantità di alimenti probiotici.
  • Identificare la giusta porzione degli alimenti che contengono molecole antinutrizionali; inoltre, sfruttare l'ammollo e la cottura, capaci di ridurne la concentrazione.
  • Identificare le molecole responsabili di intolleranza alimentare ed eliminare i cibi che le contengono.
  • Diminuire lo stress mentale e gli stati ansiosi.

Trattamenti Medici

Non si conoscono trattamenti medici per ridurre il meteorismo, salvo gli interventi necessari a curare eventuali patologie primarie.



Ultima modifica dell'articolo: 05/11/2016