Rimedi per il Ciclo Mestruale Irregolare

Viene definito irregolare un ciclo mestruale che si compie in un tempo differente rispetto al range di normalità (24-35 giorni; l'intervallo più comune è 28 giorni).
Rimedi Dolori MestrualiPossono essere considerate irregolari le mestruazioni troppo ravvicinate, troppo distanti o che durano molto o poco tempo.
Un altro segno di irregolarità è il “salto del ciclo”, anche se fino a 3 volte l'anno può esseree considerato fisiologico. E' logicamente compresa tra le irregolarità anche l'assenza di mestruazioni recidivante.
Dal punto di vista statistico e diagnostico, viene considerata “irregolarità del ciclo” quando la durata supera il 15% della deviazione standard. In parole povere, un intervallo di 18-40 giorni è considerato ancora “borderline”.
Un'altra forma di irregolarità delle mestruazioni è la quantità del sanguinamento: troppo scarso (oligomenorrea) o abbondante (polimenorrea). Di solito, è definito “normale” il cambio di 3-7 assorbenti al giorno (termine medio approssimativo).

NB. Quando il ciclo mestruale irregolare è abbondante (menorragia), spesso risulta anche molto doloroso.


Il materiale pubblicato ha lo scopo di permettere il rapido accesso a consigli, suggerimenti e rimedi di carattere generale che medici e libri di testo sono soliti dispensare per il trattamento del Ciclo Mestruale Irregolare; tali indicazioni non devono in alcun modo sostituirsi al parere del medico curante o di altri specialisti sanitari del settore che hanno in cura il paziente.

Cosa Fare

Nel dubbio che il ciclo mestruale sia irregolare è consigliabile:

  • Indagare se può trattarsi di una tendenza genetica (ad esempio dalla madre o dalle nonne).
  • Valutare attentamente il livello di stress psicologico (può influire notevolmente).
  • Assicurarsi che un eventuale eccesso di sanguinamento non sia dovuto all'introduzione di corpi estranei nella vagina; ad esempio, gli apparecchi intrauterini contraccettivi.
  • Assicurarsi che lo stile di vita sia adeguato:
  • Considerare eventuali difetti dello stato nutrizionale; il ciclo può essere molto irregolare o talvolta assente in caso di:
    • Evitare il sottopeso (BMI <18,5), tipico di alcuni disturbi del comportamento alimentare.
    • Mantenere una percentuale di grasso normale (non sempre la carenza di grasso rientra nel sottopeso; ne sono un esempio lampante le donne che praticano culturismo).
    • Prevenire la malnutrizione generalizzata.
    • Praticare attività fisica di tipo motorio e sportivo con volume e intensità ragionevoli.

Cosa NON Fare

  • Non consultare il ginecologo e ignorare la condizione per molto tempo o, peggio ancora, in maniera definitiva; talvolta una diagnosi precoce è fondamentale.
  • Fare uso di anticoncezionali intrauterini o di giocattoli sessuali eccessivamente invasivi.
  • Seguire uno stile di vita molto stressante senza curarsi delle ripercussioni che potrebbe avere sull'equilibrio nervoso (quindi ormonale).
    • Dormire poco o non rispettare le pause dei turni lavorativi.
    • Saltare i pasti o mangiare solo una volta al giorno.
    • Abusare di alcol o fare uso di sostanze stupefacenti
  • Non curare il proprio stato nutrizionale:
    • Rimanere in sottopeso.
    • Occultare l'insorgenza di un disturbo del comportamento alimentare (soprattutto anoressia nervosa).
    • Raggiungere o mantenere una percentuale di grasso corporeo inferiore alla norma.
    • Seguire diete sbilanciate o estreme.
  • Praticare attività fisica di tipo motorio-sportivo con volume e intensità oltre la soglia di ragionevolezza per lunghi periodi.
  • Assumere farmaci o integratori alimentari che potrebbero incidere sul ciclo mestruale (comprese alcune pillole contraccettive).

Cosa Mangiare

La dieta ha un ruolo fondamentale solo quando il ciclo irregolare ha un'eziologia nutrizionale. In tal caso è necessario appoggiarsi a un dietologo o a un nutrizionista.

Cosa NON Mangiare

Non esistono cibi che peggiorano la regolarità del ciclo.
E' logico pensare che prediligendone alcuni nutrizionalmente più poveri (vitamine e sali minerali) o alterando l'equilibrio nutrizionale si possa aggravare la situazione.
Diventa necessario evitare:

  • Regimi alimentari esclusivamente costituiti da cibi di origine vegetale.
  • Regimi alimentari esclusivamente costituiti da cibi di origine animale.
  • Diete monotematiche.
  • Diete prevalentemente basate su cibi cotti e conservati.
  • Schemi nutrizionali a base di pasti sostitutivi o integratori.
  • Abuso alcolico.

Cure e Rimedi Naturali

Per molte cause di ciclo irregolare non esistono rimedi naturali.

  • Se il motivo non è conosciuto e l'alterazione è di lieve entità:
    • Salvia officinalis: in forma di estratto può essere assunta in 15-20 gocce per 2 volte al giorno o come infuso di fiori o foglie per 1-2 tazze al giorno.
    • Prezzemolo: fa parte della medicina popolare; utilizzandolo in tutte le ricette molte donne ammettono di aver riscontrato un miglioramento nella regolarità. Si raccomanda di fare attenzione poiché ha una dose tossica non molto elevata.
  • Se la causa è un difetto della secrezione di estrogeni, possono rivelarsi utili:
  • Se la causa è un'alterazione lieve ma generalizzata degli assi ormonali, è consigliabile assumere integratori alimentari a base di: rame, zinco e manganese.
  • Se la causa è di tipo alimentare globale, è necessario regolarizzare la dieta e iniziare un percorso di integrazione alimentare completo.
  • Se la causa è una forma anemica, può rendersi molto utile l'integrazione alimentare di ferro, acido folico e cobalamina (vit B12).
  • Se la causa è lo stress, si raccomanda di intraprendere attività dedicate a ridurre i livelli di disagio: yoga, rilassamento avanzato, training mentale, psicoterapia ecc.

Cure Farmacologiche

La cura farmacologica è strettamente correlata all'agente scatenante; d'altro canto, quando l'intento è di regolarizzare il ciclo in assenza di patologie, i medici possono scegliere di somministrare:

  • Farmaci progestinici ed estrogenici: quando il ciclo mestruale irregolare è causato da un difetto dell'asse ormonale specifico.
  • Coagulanti e rinforzanti la parete uterina: utilizzati soprattutto in caso di ipermenorrea.
  • Antidepressivi e antipsicotici: sfruttati soprattutto quando il ciclo mestruale irregolare è dovuto a patologie o sintomi mentali parecchio intensi; vale anche per i disturbi del comportamento alimentare.
  • Antidolorifici: quando il ciclo è molto doloroso.

Prevenzione

La prevenzione del ciclo irregolare è basata esclusivamente sul buon senso:

  • In caso di difetto ereditario, intraprendere una cura ginecologica o stabilire un follow up ben organizzato e con controlli ravvicinati.
  • Mangiare in maniera adeguata.
  • In caso di pratica sportiva agonistica, fare molta attenzione all'indice di massa corporea e all'equilibrio tra le masse (magra e adiposa).
  • Prevenire i carichi eccessivi di stress, organizzare adeguatamente la vita e dormire a sufficienza.
  • Evitare gli abusi e l'utilizzo di prodotti nocivi (droghe, farmaci, integratori particolari ecc).

Trattamenti Medici

Tra i rimedi medici per il ciclo mestruale irregolare riconosciamo anche le indagini diagnostiche specifiche:

  • Visita endoscopica ginecologica ed eventuale biopsia.
  • Analisi del sangue: per valutare i livelli ormonali, la consistenza del corpuscolato sanguigno, l'emoglobina, la ferritina ecc.
  • Raschiamento uterino: è necessario in caso di aborto spontaneo.
  • Chirurgia: diventa fondamentale per malattie come l'endometriosi, ovaio policistico grave, tumori ecc.

Ultima modifica dell'articolo: 27/06/2016