Il metodo Mézières

A cura del Dottor Ilio Iannone

Chi può trarre benefici da un trattamento Mézières?

Tutte le persone che cercano un trattamento personalizzato, adattato al proprio caso. Non si tratta di un sintomo generale, ma si cura il "caso personale" e unico d'ogni paziente. Si possono anche trattare giovani di 7/8 anni se hanno abbastanza attenzione. Con i pazienti della 3a e 4a età (anche con più di 80 anni) si ottengono dei risultati eccezionali per quel che riguarda dolori reumatici, nevralgie, mal di schiena, rigidezza articolare, disturbi circolatori, artrosi, ecc.. Infine, tutti coloro che hanno già sperimentato molte terapie senza avere degli effetti positivi e che hanno perso quasi del tutto le speranze d'essere sollevati dai loro dolori. Queste persone sono spesso i migliori ambasciatori del metodo Mézières.(4)
metodo MézièresNon vogliamo lasciar credere che la terapia "Mézières" sia la panacea universale (essa ha i suoi limiti e le sue controindicazioni), ma solamente vogliamo sensibilizzare il pubblico ad un approccio di "buon senso". Se certe volte i trattamenti puntuali e locali sono necessari o sufficienti, generalizzarli appare di un'efficacia ingannevole o nefasta a lungo termine. In una parola, tagliare le persone "a fettine" non è sempre augurabile. Occorre sapere che non è sufficiente mettere uno spessore sotto un piede (come ad un comune armadio) per risolvere un problema statico. Occorre sapere che non è sufficiente prescrivere un busto (che tuttavia in rari casi è necessario) per risolvere un problema lombare, o meglio ancora consigliare a un persona affetta da lombalgia di cambiare mestiere.(2) Non si tratta una cervicalgia, ma una persona che soffre alla regione cervicale. Questa evidenza, troppo spesso dimenticata, è un fattore supplementare nella riuscita di un trattamento.
La chinesiterapia ha visto, in questi ultimi anni, la qualità e il livello dei suoi studi sensibilmente migliorati. Paradossalmente la tendenza attuale della professione sembra orientarsi verso delle specializzazioni di alto contenuto tecnico con uso di apparecchiature sofisticate. Malgrado ciò, il largo ventaglio di conoscenze acquisiste può permettere la scelta alternativa delle terapie "globali".(1)

Alcuni esempi

signore X
anni 30
Dolore all'anca sinistra da un anno con una diagnosi di peri-artrite dell'anca non risoltasi con un trattamento reumatologico classico. Dopo un minuzioso esame generale del paziente, ci si accorge che la caviglia sinistra presenta una limitazione di ampiezza (non dolorosa) nella rotazione esterna: conseguenza di una brutta storta contratta parecchi anni prima e apparentemente guarita. In qualche seduta la normalizzazione della caviglia libera i tessuti molli dell'anca, che non ne poteva più di compensare da sola la mancanza di mobilità della caviglia, portando una cessazione del dolore.


signora A
donna d'affari molto occupata 45 anni
• cervicalgie da 10 anni con cefalee a casco, conseguenze di un incidente di auto (frattura femore sinistro con notevole accorciamento, ablazione della milza, perforazione della pleura),
• lombalgia da 5 anni con blocchi acuti sempre più frequenti,
• impossibilità a prolungare le posizioni di seduto e in piedi,
• muscolatura molto tesa a causa di una vita troppo intensa e di uno stress quasi permanente,
• rilevante inarcamento lombare.
Dopo aver fatto togliere i plantari che non avevano affatto giovato (i plantari due volte su tre sono inutili e a volte nefasti), un lavoro di rilassamento generale e di distensione dei muscoli ritratti permette al corpo di ritrovare una buona postura di adattamento e così di meglio distribuire le forze necessarie al suo armonioso funzionamento.


signora B
51 anni
Soffre di mal di testa dall'età di 30 anni (almeno una volta la settimana), soffre ai piedi dall'età di 28 anni, dopo radioterapia su delle verruche, non esce di casa se non per fare la spesa, porta dei plantari che non le danno sollievo e che fanno parte di lei stessa. La relazione appare evidente solo perché il dossier è presentato in questa maniera, ma questa paziente si faceva visitare alternativamente da specialisti della testa e da specialisti dei piedi che "vi si rompevano il capo" e le "rompevano...i piedi". Dopo averla convinta ad abbandonare i suoi plantari che non le davano sollievo, e dopo un lavoro globale di tre mesi consistente tra l'altro nella distensione e nella riequilibrio degli appoggi al suolo, senza insistere specificamente sulla colonna cervicale, i poveri piedi si ritrovarono liberati dalle loro tensioni trasmesse alle cervicali, comportando così una cessazione delle cefalee.(2)

Complementarietà con altre terapie

Françoise Mézières non aveva parole troppo dure verso coloro che praticano quello che lei chiamava "trenino", associando il "vagone" del metodo Mézières alle altre tecniche. Se è evidente che la complementarietà del metodo Mézières è inconciliabile con le terapie i cui principi sono agli antipodi, nulla si oppone ad alcune coterapie, sempre benefiche per il paziente: omeopatia e agopuntura, terapia manuale, podologia, posturologia, cinesiologia, riflessoterapia cutanea, ma anche rilassamento, sofrologia, psicoterapie.(5) .


Bibliografia


1 Trattamento posturale Mézières, una soluzione all'approccio globale della postura- JackyRenauld, Mézièriste, Ostéopathe.
2 Il metodo "Mézières"- Jacky Renauld, Mézièriste, Ostéopathe- articolo pubblicato nella rivista del"Centre homéopathique de France".
3 La postura - Dario Vitale, Docente E.O.P. di Roma.
4 Il Metodo Mézières - www.mezieres.net
5 Metodo Mézières - Cittone JM, Encycl Méd Chir (Elsevier, Paris), Medicina Riabilitativa, 26-085-A-10, 1999, 7 p.


« 1 2 3


ARTICOLI CORRELATI

Postura ed Emozione - Correlazione tra atteggiamenti posturali e stabilità emotiva Addominali forti per avere una postura corretta - Livello 1 Molto Facile Allenamento e postura Allenare o allungare i Muscoli Tonico Posturali e quelli Fasici? Appoggio podalico e apparato stomatognatico Arti inferiori e movimento corporeo Articolo sul progetto: "Postura Corretta Bellezza Perfetta" Biomeccanica della facia profonda Bosu per Articolazioni Equilibrio e Postura (Esercizi Facili) Cicatrici e Postura condizionamenti neuroassociativi - ginnastica posturale T.I.B. - Condizionamento posturale in acqua Consigli fisici - ginnastica posturale T.I.B. - Controllo posturale Dismetria degli arti inferiori, falsa gamba corta o vera gamba corta? Educare la postura seduta Equilibrio corporeo Esercizi alle macchine sconsigliati alle donne Feldenkrais e postura Ginnastica di massima efficacia - ginnastica posturale T.I.B. - Ginnastica posturale e Postura Ginnastica posturale T.I.B. Ginnastica posturale T.I.B. - Bibliografia - Ginnastica posturale T.I.B. - ginnastica di massima efficacia per l'uomo di oggi Ginnastica posturale T.I.B. - Resistenza ed Elasticità - Ginnastica respiratoria e ginnastica posturale Habitat e stile di vita "artificiali" - ginnastica posturale T.I.B. - Il metodo Mézières Il personal trainer come Posturologo Il Personal Trainer, i Neuroni Specchio e l’Apprendimento Imitativo Il potere del rilassamento - ginnastica posturale T.I.B. - Importanza dei corretti appoggi podalico ed occlusale Importanza della postura Involuzione posturale La rete di tensegrità connettivale - ginnastica posturale T.I.B. - La rieducazione vertebrale con il metodo Feldenkrais ® Metodo Feldenkrais® e postura - Quinta Parte Metodo Feldenkrais® e postura - Seconda Parte Metodo Feldenkrais® e postura - Terza Parte Moto dell'uomo e importanza dell'appoggio podalico Muscoli Tonico Posturali e Fasici Paramorfismi e Dismorfismi Postura Postura Alterata e Stretching Postura e benessere - Appoggio Podalico Scorretto Postura e benessere - Conclusioni Postura e benessere - Disfunzioni organiche di origine posturale Postura e benessere - Esame e Rieducazione Posturale Postura e benessere - Importanza dell'appoggio plantare Postura e benessere - La Scoliosi Funzionale Postura e benessere - Piede e Postura postura su Wikipedia italiano Human positions su Wikipedia inglese