Il Massaggio & Bodywork TIB (MATIB)

A cura del Dott. Giovanni Chetta

 

Conclusione

L'organismo umano funziona quindi come una rete integrata che unifica i vari organi e sistemi. I codici sono gli stessi e il substrato è comune a tutta la rete. Sia che siano i circuiti cerebrali, attivati da emozioni, pensieri, oppure i circuiti nervosi vegetativi, attivati da sollecitazioni o da feedback di organi o sistemi, sia che siano gli organi endocrini o immunitari, sia che siano tensioni meccaniche connettivali, tramite movimento e attivazione muscolare, a emettere messaggi, questi ultimi, nella loro parte fondamentale, verranno riconosciuti da tutte le componenti della rete. Il linguaggio è unico, il collegamento è integrato e a doppio senso di marcia.
E' evidente che l'approccio terapeutico può sfruttare questa possibilità di pluralità di ingressi alla “grande connessione”. Su questa base, infatti, gli interventi possono essere molteplici: educazione alimentare, farmacoterapia, terapie strumentali, psicoterapia, tecniche corporee, tecniche ergonomiche ecc. Compito dell'intervento terapeutico è quello di favorire il ripristino della fisiologica comunicazione equilibrata tra i sistemi.
Appare chiara l'importanza della ricerca ulteriore in questo campo. Lo stesso studio della biochimica non può più essere semplificato in sequenze lineari di reazioni chimico-fisiche ma occorre considerare l'habitat attivo e dinamico in cui la “chimica della vita” si svolge ossia quel materiale che i biochimici scartano purificando gli enzimi “solubili” e attraverso il quale i chirurghi si fanno strada nei loro interventi: il sistema connettivo. Per tale motivo il ruolo di coloro in grado di agire profondamente sul sistema miofasciale attraverso ad es. le tecniche manuali o di movimento assumono, alla luce di tali evidenze scientifiche, un ruolo di primaria importanza.
E' su questi principi che si fonda e si sviluppa il Massaggio & Bodywork TIB con l'obiettivo di concorrere a risultati di massima efficacia ossia in grado di rispondere al meglio all'evoluzione delle mutate esigenze e problematiche dell'uomo moderno.
La pratica, l'esperienza, il continuo studio, ricerca ed evoluzione a riguardo, così come nel campo biochimico, fisiologico, biomeccanico, posturologico, ergonomico tecnologico ecc. risultano, al solito, le indispensabili e preziose fondamenta e sorgenti propulsive di tutto ciò.
"Un massaggio per donare benessere a chi lo riceve e a chi lo esegue, grazie alla sapiente fusione fra moderne tecniche occidentali e antiche orientali, alla luce delle recenti scoperte della psiconeuro-endocrino-connettivo-immunologia" Giovanni Chetta.
MATIB risulta in realtà un programma all'interno del programma TIBodywork da me sviluppato con l'obiettivo di incontrare al meglio le mutate esigenze e problematiche dell'uomo di oggi (a livello preventivo, curativo e performativo) considerandone tutte le sorgenti di influenza. Tecniche Integrate di Benessere e discipline sinergicamente presenti nel programma TIBodywork sono: Massaggio & Bodywork TIB, Ginnastica Posturale TIB, posturologia, ergonomia, fisioterapia strumentale, educazione alimentare, tecniche di gestione dello stress e dei condizionamenti neuroassociativi (educazione mentale).



Il Dr. Giovanni Chetta è Alimentarista a indirizzo biochimico, Massofisioterapista, Posturologo Ergonomista (iscritto all'albo specialistico A.S.Bio.P.) e Master Practitioner in Programmazione Neuro-Linguistica. Ha inoltre conseguito, fra l'altro, il diploma in Massaggio Antistress e Massaggio Terapeutico presso la Scuola Europea di Medicina del Messaggio di Milano, fondata e diretta dal Dr. Giovanni Leanti La Rosa, di cui è stato per lungo tempo assistente e con il quale ancor oggi collabora.. E' ricercatore, in campo posturologico presso l'Università Charitè di Berlino. E' responsabile del reparto di Posturologia presso Residenza Villa Arcadia, Bareggio (MI) ed esercita stabilmente presso poliambulatori. Collabora con riviste e siti internet e conduce corsi su: massaggio, posturologia, ginnastica posturale, alimentazione. E' ideatore del metodo TIBodywork ed è presidente dell'associazione culturale-sportiva AssoTIB (Alfa/CSAIn/CONI).


Ulteriori pubblicazioni scientifiche: http://www.giovannichetta.it/pubblicazioni.html

 

 

ulteriori info sul metodo



www.tibodywork.info - www.giovannichetta.it

 

"L'arte della terapia manuale è antica. Ho in alta stima coloro che, generazione dopo generazione, mi succederanno e il cui lavoro contribuirà all'arte naturale del guarire",  Ippocrate (435 a. C).


Bibliografia

  • Ader R.; Psychoneuroimmunology”; Academic press (1981)
  • Africa A., E., Chetta G., "Approccio clinico e riabilitativo alle patologie del piede (Klinischer und rehabilitativer Ansatz zu den Fusspathologien)”, Cap. 98, Vol. III del "Nuovo Trattato di Medicina Fisica e Riabilitativa”, G. Valobra, R. Gatto, M. Monticone, ed. Utet Scienze mediche (2008).
  • Albergati F. G., Bacci A., Mancini S.,“La matrice extracellulare”, Minelli editore (2004)
  • Angela P.; “Da zero a tre anni”; Mondadori (2002)
  • Athenstaedt H, Zellforsch Z., “Permanent Electric Polarisation and Pyroelectric behaviour of the Vertebrate Skeleton” (1969)
  • Athenstaedt H, “Pyroelectric and piezoeletric properties of vertebrates”, Annals of the New York Academy of Sciences, 238, pp 68-110 (1974)
  • Bandler R., Grinder J., Dilts, R., Bandler L. C., DeLozier J.; “Programmazione Neuro Linguistica”; Casa Editrice Astrolabio (1982)
  • Bandler R., Grinder J.; “I modelli della tecnica ipnotica di Milton H. Erickson”; Casa Editrice Astrolabio (1984)
  • Barral J-P., "Manipolazione viscerale 1 e 2", Castello Editore (1998)
  • Berger H., "Uber das Elektrenkephalogramm des Menschen", European Archives of Psychiatry and Clinical Neuroscience, Volume 87, Number 1, 527-570 (1929)
  • Bettinzoli F., "Anatomia dell'Apparato Locomotore", Ghedimedia  Editore (2005)
  • Bienfait M.; “Fisiologia della terapia manuale”; Ed. Marrapese (1995)
  • Biondi M., D'Errico A.; “Psiconeuroimmunologia”, in Pancheri P., Cassano G.B. (a cura di) “Trattato Italiano di Psichiatria”; EdiErmes (1989)
  • Blackman J., Prip K., "Tecniche di mobilizzazione", Marrapese Editore (1991)
  • Bogduk, N., “Clinical Anatomy of the Lumbar Spine and Sacrum”, Churchill Livingstone (Edinburgh, 1997)
  • Boos N., Boesch C., “Quantitative Magnetic Resonance Imaging of the lumbar spine: potential of investigation of water content and biochemical composition”, Spine: 20 (1995)
  • Bottaccioli F.; “Psiconeuroimmunologia”; RED Edizioni (1997)
  • Brotzman S.B., "Riabilitazione in Ortopedia e Traumatologia", Utet (1998)
  • Cantu R.I., Grodin A.J., "Miofascial Manipulation - Theory and Clinical Application", Aspen Publication (1992)
  • Cavagna G. A., “Human locomotion”, Comparative Physiology, North Holland P. C. (1973)
  • Chaitow L.; “Massoterapia neuromuscolare”; Red Edizioni (1983)
  • Chaitow L., DeLany J.W., “Clinical application of neuromuscolar techniques”, Vol I, Churchill Livingstone (2000)
  • Chetta G., “Dalla Mec alla postura“, siti internet medici listaippocrate.it, my-personaltrainer.it, sportmedicina.com (2010)
  • Chetta G., “Ginnastica posturale; implicazioni, peculiarità e benefici per l'uomo nella società moderna”, siti internet medici listaippocrate.it, scienzaeprofessione.it, my-personaltrainer.it, sportmedicina.com (2008)
  • Chetta G., “L'importanza di una corretta postura - Postura e benessere”, siti internet medici listaippocrate.it, scienzaeprofessione.it, my-personaltrainer.it (2007)
  • Chetta G., “Il Sistema Connettivo: dalla PNEI alla PNECI)“, sito internet medico listaippocrate.it, my-personaltrainer.it, anatomytrains.it (2007)
  • Chetta G., “"Il Massaggio Antistress TIB”, Il Massofisioterapista (marzo 2004)
  • Chetta G., Bedetti S., Pisano S.; “Oltre lo stress”; Ed. e-motion:) (2003)
  • Chetta G., "Stress e Benessere", sito my-personaltrainer.it (2008)
  • Conquillat M., "L'osteopatia viscerale", Marrapese Editore (1989)
  • Cyriax J.H., P.J., "Manuale illustrato di medicina ortopedica", Piccin (1197)
  • D'Aprano L.; “Dal massaggio alle posture”; Marrapese Editore (2000)
  • Dash B., "Terapia del massaggio nell'Ayurveda", Edizioni Mediterranee (1995)
  • Delmas A., “Les variations numeriques et morphologiques rachidiennes”, Med. Ed. Phys. et Sport, 11, 120 (1955)
  • Denys-Struyf G.; “Il manuale del mezierista”, vol. I; Ed. Marrapese (1996)
  • Dicke E., Schliack H., Wolff A.; Massaggio connettivale”; Piccin (1987)
  • Eble J.N., “Patterns of response of the paravertebral musculature to visceral stimuli”, American J of Physiology, 198: 429-433 (1960)
  • Erickson M.H., Rossi L.E.; “Ipnoterapia”, Casa Editrice Astrolabio (1982)
  • Erickson M.H.; “Guarire con l'ipnosi”, Casa Editrice Astrolabio (1984)
  • Falcioni A.; “Il massaggio terapeutico. Le tecniche”; Ed. mediterranee (1998)
  • Feldenkrais M.; “Le basi del metodo per la consapevolezza dei processi psicomotori”; Casa Editrice Astrolabio (1991)
  • Fiandesio D.; “Massofioterapia”; UTET (1996)
  • Gabbiani G.; "Evolution of the Myofibroblast Concept", Fascia Research Congress, Boston (2007)
  • Gabbiani G.; “The myofibroblast in wound healing and fibrocontractive diseases”, J of Pathology, 200(4):500-3 (2003).
  • Galzigna L., “Il cervello dell'uomo”, corso Ferrara (1976)
  • Gazzaniga M.S.; “La mente inventata”; Guerini e Associati (1999)
  • Goyal R.K., Hirano I.; “The enteric nervous system”; New England Journal of Medicine (1996: 334, 1106-1115)
  • Gracovetsky S., “The Spinal Engine”, Springer-Verlag/Wien (1988)
  • Graziano M.S. et al., "Complex movements evoked by microstimulation of precentral cortex", Neuron 34:841-851 (2002)
  • Greenmann P., "Principi di medicina manuale", Futura Publishing Society (2001)
  • Gross J., Fetto J., Rosen E., "Esame obiettivo dell'apaprato muscolo-scheletrico" Utet (1999)
  • Harrold F.; “Il manuale del massaggio”; Vallardi I.G. (1994)
  • Hochschild J., "Apparato locomotore - anatomia e funzioni", Vol 1 e 2 Edi-ermes (2005)
  • Hough T., "Ergographic studies in muscular soreness". American Journal of Physiology (7) pp. 76-92(1902)
  • Hynes R., "Integrins: bidirectional, allosteric signaling machines", Cell 110 (6): 673-87 (2002)
  • Ingber D., “The architecture of life”, Scientific American January 1998: 48-57
  • Izzo M., “Matrix e metalloproteinasis and oxydation stress”, Atti congresso UIP, Roma (2001)
  • Jami L., "Golgi tendon organs in mammialan skeletal muscle: functional properties and central actions", Pshysiological Reviews 73(3): 623-666 (1992)
  • Juhan D., "Job's body", Station Hill Press (1987)
  • Kapandji I.A., "Fisiologia articolare", Maloine Monduzzi Editore (2002)
  • Kennedy J. C. et al., "Tension studies of human ligaments. Yield point, ultimate failure and description of the acuciate and tibial collateral ligaments", J. Bone Joint Surg. 58A:350-355 (1976)
  • Kokkinos P., "Physical Activity and Cardiovascular Disease Prevention", Jones & Bartlett Learning. pp. 111-112 (2009)
  • Kruger L., “Cutaneous sensory system”, Encyclopedia of Neuroscience, Vol 1 Adelman G. (1987)
  • Leanti La Rosa G.; “Il massaggio antistress”; CDE (1992)
  • Leanti La Rosa G., Mugnai Graziano V.; “Guarire diventando medico di se stesso; Musumeci Editore (1990)
  • Lederman E., ""Fundamentals of Manual Therapy"; Churchill Livingstone (1997)
  • Levine S.; “Comportamento e stress”; Le scienze (1971: 3)
  • Lewit K., "Terapia manipolativa nella riabilitazione dell'apparato locomotore" (2000)
  • Lowen A.; “Bioenergetica ”; Feltrinelli (1998)
  • Manheim C.J., "Manuale di release miofasciale", Verduci Editore (2006)
  • Mitchell J.H., Schmidt R.F., “Cardiovascular reflex control by afferent fiber from skeletal muscle receptors”, Sheperd JT et al. (eds), Handbook of Physiology, Sect. 2, Vol III (1977)
  • Mitchell S.; “Massaggio”; DeAgostini (1999)
  • Monari G., "FNP - Facilitazioni Neurocinetiche Progressive", Edi-ermes (2004)
  • Mosca U. et al., "Manuale professionale di stretching", Edizioni Red (2003)
  • Morin E., “La vita della vita“, Feltrinelli (1987)
  • Morosini C., Pacini T., “Pratica posturologica” Ortho2000 anno 4 - N. 4 luglio-agosto (2002)
  • Mosca U. et al., “Manuale professionale di stretchng”, Red edizioni (2003)
  • Myers T., “”Anatomy Trains”, Elsevier Science Limited (2002)
  • Nosaka K.. "Muscle Soreness and Damage and the Repeated-Bout Effect". In Tiidus, Peter M. "Skeletal muscle damage and repair". Human Kinetics. pp.59-76 (2008)
  • Oliverio A.; “La mente, istruzioni per l'uso”; Rizzoli (2001)
  • Oliverio A.; “Il cervello lento lavora meglio”; Corriere della Sera (21/09/1997)
  • Onelli D.; “Toccare, l'ultima terapia, è il tatto il senso della vita”; La Repubblica (01/10/2000)
  • Pacini T.; “Studio della posture e indagini baropodometrica”; Chimat (2000)
  • Pancheri P.; “Stress, emozioni e malattia”; Mondadori (1980)
  • Pancheri P.; “Evoluzione del concetto di stress in psichiatria e in psicosomatica”; Rivista di Psichiatria (1981: 16, 5, 321-341). Paparella Treccia R., “L'uomo e il suo moto”, Verduci Editore (1988)
  • Paparella Treccia R., “Il piede dell'uomo”, Verduci Editore (1978)
  • Pasquali Rochetti I., Baccarani Contri M., “Connect Tiss. Res.”, 13, pp 237-249 (2004)
  • Petty N.J., Moore Ann P., "Esame clinico e valutazione neuromuscolo-scheletrica", Masson (2000)
  • Rolfing I.P.; “Rolfing”; Edizioni Mediterranee (1996)
  • Reed E.S., "Encountering the world: Toward an ecological pshycology", Oxford University Press (1996)
  • Trager M.; “Mentastica”; Red edizioni (1997)
  • Schleip R., “Fascial plasticity - a new neurobiological explanation“, J of Bodywork and movement therapies, January 2003 pp. 11-19 (part 1), April 2003 pp. 104-116 (part 2)
  • Selye H.; “The stress of life”; McGraw-Hill (1975)
  • Selye H.; “The general adaptation syndrome and the disease of adaptation”; J. Clinical Endocrinology (1946: 6, 117-130)
  • Simeon N.A., "Trigger point", Edi-ermes (2007)
  • Slater T.F., Cheeseman K.H., Davies H.J., Proudfcot K.; “Free radical mechanisms in relation to tissue injury”; Proc. nutr. Soc. (1987: 46 -1, 1-12)
  • Sotte L., Pippa L., De Giacomo E., Schiantarelli C.; “Trattato di massaggio, fisiochinesiterapia e ginnastiche mediche cinesi”; UTET (1998)
  • Souchard P.; “Basi del metodo di rieducazione posturale globale”; Editore Marrapese (1994)
  • Stecco L., “Manipolazione della fascia”, Piccin (2002)
  • Still A. T., “Philosophy of Ostepathy”, Academy of Ostepathy, Kirksville, MO (1899)
  • Stoddard A., Manuale di tecnica osteopatica", Piccin (1978)
  • Tixa S., "Atlante di anatomia palpatoria di collo, tronco e arto superiore", Masson (2000)
  • Tixa S., "Atlante di anatomia palpatoria di dell'arto inferiore", Masson (2000)
  • Travell J.G., Simons D.G., "Dolore muscolare", Ghedini Editore (1996)
  • Twomey L., Taylor J., "Flexion, creep, dysfunction and hysteresis in the lumbar vertebral column", Spine 7(2), pp 116-122 (1982)
  • van den Berg F., Cabri J., “Angewandte Phys - Das Bindegewebe des Bewegungapparates verstehen und beeinflussen“, Georg Thieme Verlag (1999)
  • Viel E., “Il metodo Kabat”, Ed. Marrapese, (1986)
  • Viidik A., "Functional properties of collagenous tissues", Int Rev Connect Tissue Res 6, pp 127-215 (1973)
  • Weischenck J., "Trattato di osteopatia viscerale", Marrapese Editore (1982)
  • Willard F., "Facial Continuity: Four Fascial Layers of the Body",  Fascia Research Congress, Boston (2007)
  • Yao D.C., Fassi R., "Corso pratico di Tai Chi Chuan", De Vecchi Editore (1992)
  • Zahnd F., Muehlemann D., "Anatomia di superficie e radiologica, palpazione e tecniche per le parti molli", Edi-ermes (2003)
  • “Enciclopedia del massaggio”; Demetra (1999)

Dr. Giovanni Chetta

11/11/2010
Arcore (MI), Italy
www.giovannichetta.it


« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19