Chi è e cosa fa un personal trainer

A cura del Dott. Luca Franzon


Perché cercare e decidere di allenarsi con un personal trainer ? Le risposte a questa domanda possono essere moltissime.

Personal trainerAlcune risposte potrebbero essere le seguenti: se si desidera perdere peso, se si desidera aumentare la propria massa muscolare, se si vuole accrescere la propria performance in determinate attività sportive, se si vuole stare bene sotto il punto di vista psico-fisico, se si è stanchi di allenarsi in palestre affollate dove non si molto considerati e dove non si raggiungono gli obiettivi che uno si è prefissato.
Un personal trainer può aiutare l'utente nella stesura di un allenamento il più personalizzato possibile e offre assistenza continua durante l'esecuzione degli esercizi affinché questi siano svolti nel modo migliore e non creino rischi per la salute.


CHI è IL PERSONAL TRAINER ?

Il personal trainer è un tecnico del settore fitness che deve essere qualificato da corsi universitari e da corsi organizzati da enti di formazione riguardanti il fitness. Il compito del personal trainer è di valutare lo stato di forma fisica del soggetto che lo ha contatto e di programmare una serie di allenamenti che dovranno essere divertenti, coinvolgenti e atti a raggiungere lo scopo che il cliente si  è prefissato.
Il P.T. darà:

  • consigli su come raggiungere gli obiettivi prefissati
  • consigli alimentari
  • stimolo ad allenarsi con costanza
  • stimolo motivazionale

COME SI SVOLGE LA SEDUTA DI ALLENAMENTO ?


l'allenamento in personal trainer in media dura un'ora. La prima seduta di solito viene utilizzata per compilare l'anamnesi, ovvero la raccolta di tutta una serie di dati, da quelli anagrafici, alla valutazione dello stato di salute dei grandi organi e distretti corporei, alla storia sportiva del soggetto, a quali obiettivi ambisce, con che frequenza intende allenarsi ecc...
la prima seduta sarà utilizzata per testare il cliente. I test varieranno a seconda del caso e dell'obiettivo che si vuole raggiungere. Fra i tanti si possono eseguire:

CHE CREDENZIALI DEVE AVERE UN PERSONAL TRAINER ?


Preferibilmente dovrebbe essere un laureato in scienze motorie che si è specializzato tramite master e corsi vari in diverse discipline riguardanti il fitness e altre discipline sportive (yoga, pilates, nuoto, ciclismo, tennis ecc.)
personal trainer Personal Trainer Valle d'Aosta Personal Trainer Toscana Personal Trainer Piemonte Personal Trainer Lombardia Personal Trainer Trentino Personal Trainer Veneto Personal Trainer Friuli Venezia Giulia Personal Trainer Emilia Romagna Personal Trainer Liguria Personal Trainer Marche Personal Trainer Umbria Personal Trainer Lazio Personal Trainer Abruzzo Personal Trainer Molise Personal Trainer Puglia Personal Trainer Campania Personal Trainer Basilicata Personal Trainer Calabria Personal Trainer Sicilia Personal Trainer Sardegna Per lo meno deve avere frequentato i corsi di specializzazione, diffidare assolutamente da chi non ha nessun titolo di studio ma vanta esperienze annuali di allenamento o cose del genere (i così detti praticoni !!!!) perché potenzialmente pericolosi per la salute del cliente.

Altro punto importante il P.T. deve essere in possesso di un attestato di partecipazione ad un  corso di pronto soccorso e rianimazione nel caso in cui durante un allenamento succedesse qualcosa di traumatico affinché egli sia subito in grado di tamponare la situazione di emergenza in attesa di operatori qualificati.
Una volta visionate le qualifiche, il fattore esperienza è sicuramente un modo di presentarsi ottimo, in quanto un soggetto competente perché ha studiato se ha avuto modo di praticare determinati sport saprà essere più esauriente nelle spiegazioni, saprà trasmettere maggiori sensazioni e sarà più empatico.
Il P.T. deve avere anche una preparazione di base riguardo i principali tipi di patologie che un cliente può presentare (diabete, ipertensione, osteoporosi, scoliosi, spalla instabile ecc...) in modo da sapere proporre allenamenti giusti e mai pericolosi (in questo caso il fatto di essere laureati è sicuramente un vantaggio rispetto ai colleghi non laureati). 
Il personal trainer dev'essere un buon comunicatore e un buon motivatore. È inutile essere un super tecnico se poi non si riesce a trasmettere sensazioni positive e voglia di allenarsi. Nel rapporto one to one questo fattore è fondamentale.


COME E DOVE TROVARE UN ADDESTRATORE PERSONALE ?


Il primo posto è la palestra dove vi state allenando e che magari già offre il servizio di P.T.
Se siete in questa condizione cercate di affidarvi all'istruttore che ritenete più preparato, che è più qualificato e che vi da maggiore fiducia. Un personal trainer lo si può trovare anche in apposite agenzie oppure in internet in svariati siti.


QUANTO COSTA UN PERSONAL TRAINER ?


Il costo varierà secondo la città dove vivete secondo l'esperienza e la formazione del vostro allenatore. Di solito il costo andrà dai 30 € ai 60 € per ora di lezione. Di solito si possono acquistare pacchetti di lezioni ad un prezzo migliore.
In quanto diretto interessato questo punto mi preme molto, non in quanto mio possibile introito economico, ma come spiegazione al prezzo della lezione. Il brutto del lavoro del personal trainer è quello del vendere un prodotto astratto a differenza di tanti altri servizi in cui si paga e subito si ha in mano qualcosa. Il prodotto che vende il personal trainer si chiama SALUTE PSICO FISICA e niente è dovrebbe essere più importante !! senza nulla togliere alle mie care e brave amiche parrucchiere e estetiste che per i loro trattamenti chiedono fior fior di euro... quindi non vedete i soldi spesi nel personal trainer come buttati o come spesi per una moda. Il personal trainer è colui che vi porterà a raggiunger i risultati che tanto agogniate ma che nessuno è mai stato capace di farvi raggiungere !!


 ALCUNI TRUCCHI PER SCEGLIERE UN BUON Personal Trainer. :

  • chiedere ad amici che già si stanno allenando con un P.T. se stanno raggiungendo gli obiettivi prefissati e se si  divertono con il loro allenatore personale.
  • In palestra guardare gli allenatori personali mentre allenano i loro clienti e vedere come  interagiscono. Prendere nota degli allenatori che fanno raggiungere ai loro clienti i risultati sperati e che  sembrano completamente coinvolti nei loro workouts.
  • Nel caso in cui sia la palestra a fornirvi un personal trainer assicuratevi di far sapere a chi assegna gli allenatori se preferite un uomo o una donna. Sottolineate anche cosa volete ottenere in modo che vi sia dato il personal trainer più adatto alle vostre esigenze

CAMPANELLI D'ALLARME....

  • Ignora o allontana le vostre domande
  • Propone allenamenti troppo duri e intesi che creano problemi nei giorni seguenti la lezione.
  • Cerca di vendervi rimedi miracolosi ad ogni occasione che gli capita.
  • Non si avvale di collaboratori tipo medici o altre figure medicali quando voi avete problemi più o meno importanti
  • Interrompe la seduta di allenamento per parlare con amici o per rispondere al telefono (a meno che sia un'emergenza )
  • Non risponde alle vostre telefonate o mail

Questo deve essere un piccolo vademecum per poter scegliere un buon personal trainer. Concludo ricordando che il rapporto con il personal trainer è un rapporto che si basa sulla fiducia reciproca, quindi invito i possibili clienti a sapere valutare il P.T. con cui allenarsi ma allo stesso tempo a farsi un esame di coscienza e chiedersi se veramente vogliono raggiungere certi risultati e se veramente sono disposti ad impegnarsi e fare tutto ciò che il loro allenatore gli proporrà.
Quando faccio corsi di formazione per personal trainer ai ragazzi dico sempre voi potreste non essere adatti al cliente ma quel cliente potrebbe non essere adatto a voi !!!



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITĂ€

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo