Il personal fitness trainer è donna

A cura di

Fabio Grossi    Personal Trainer

Prof. Michele Tosato   Psicologo clinico

Prof. Ezio Casari    Docente in Psicologia presso l'Università degli Studi di Genova

Il fitness, secondo la definizione dell' EHFA (European Health & Fitness Association), è "uno stato dinamico di benessere fisico, psicologico e sociale, risultante dalla pratica di un'attività motoria adeguata alle capacità, possibilità ed esigenze di ciascun individuo che assume la responsabilità della propria salute" (1). E' una definizione che riprende quella "ufficiale' dell'Organizzazione Mondiale per la Sanità (cfr. WHO Constitution, 2004), che introduce alcuni aspetti fondamentali e caratterizzanti l'educazione alla salute: la soggettività e l'equilibrio (cfr."La Carta di Ottawa", 1986). Quindi il fitness vede la salute non più come uno "stato" ma una condizione dinamica di equilibrio -tra gli elementi fisico, psicologico e sociale- fondata sulla capacità del soggetto di interagire con l'ambiente in modo positivo, nonostante le continue modificazioni della realtà circostante.
L' O.M.S. sembra prevedere per il nostro futuro uno scenario poco rassicurante. Si pensi all'obesità che ormai è considerata una nuova patologia (2) drammaticamente in crescita nei Paesi industrializzati, tra le cui conseguenze vi è un grave rischio cardiovascolare, in particolare nella popolazione più giovane; e le malattie correlate all'obesità -dal diabete di tipo II all'ipertensione arteriosa, dalle iperlipidemie alle patologie vascolari, solo per citarne alcune- sono tra le maggiori cause di morbosità e mortalità nel mondo (12). E non solo previsioni per quanto riguarda stati patologici del fisico ma anche della mente. Ne sono un esempio la depressione -che nel 2020 potrebbe colpire quasi un individuo su 5 (14)-, i DAP (Disturbi da Attacchi di Panico) ed i DCA -più comunemente noti come Disturbi dei Comportamenti Alimentari, come l'anoressia e la bulimia nervosa-. Non di rado, in palestra o nei centri fitness in genere, si incontrano soggetti ipoteticamente affetti da questo tipo di disturbi -che appaiono in crescita soprattutto dagli anni '70 ad oggi (4)-.
Quale ruolo può occupare l'istruttore di fitness o il Personal Trainer all'interno di questo scenario? La confusione normativa vigente non agevola questa figura professionale. I "presunti' obblighi di formazione continua vengono stabiliti dalle singole associazioni o federazioni e non esiste di conseguenza ente alcuno che controlli l'operato ed il livello formativo degli operatori del fitness; persino i laureati in Scienze Motorie non hanno alcun obbligo di aggiornamento (7). Insomma, manca il riconoscimento di una gerarchia. Queste lacune normative risultano in forte contraddizione con l'evidenza che dagli anni '90 l'attenzione degli operatori nel campo del benessere si è spostata verso la prevenzione, vista come "azione mirata ad eradicare, eliminare o minimizzare l'impatto di malattia e disabilità" (9; 10).
L'istruttore di fitness, dunque, è davvero all'altezza della situazione? Gli utenti dei centri fitness sono seguiti da professionisti che, oltre a competenze, possano -e vogliano- "trasmettere' un po' della loro salute fisica, psicologica e sociale?

 

Scopo

Lo scopo di questo lavoro è di valutare come gli istruttori di fitness si considerano a livello di benessere e motivazione.

Strumenti

Il PWB (Psychological Well-being Scale) è un questionario creato da Carol Ryff (11) in grado di misurare le sei dimensioni del benessere proposte dall'autrice: accettazione di sé, crescita personale, scopo nella vita, padronanza ambientale, autonomia, relazioni positivecon gli altri.

Il Maslow Test (13) è un questionario in grado di misurare le cinque scale dei bisogni, dove per "bisogno' si intende "la percezione di una distanza, di uno squilibrio tra una situazione attuale ed una situazione/meta desiderata" (8): bisogni fisiologici, di sicurezza, di affetto, di stima e di autorealizzazione (3; 6; 8).

L'elaborazione statistica è stata svolta con il programma "SPSS -Student Version-" per Windows.

Campione

Il campione è risultato costituito di 25 istruttori di sesso maschile e 24 di sesso femminile. L'età varia dai 19 ai 46 anni, con un'età media di 31,5 anni; 37 soggetti hanno un passato da atleta agonista, mentre 12 non provengono dall'agonismo. Il 71,4% del campione è formato da istruttori di corsi di gruppo (H2Ogym, Step, Indoor Cycling, ecc.) ed il restante 28,6% da istruttori che hanno un rapporto 1:1 con l'utenza come, per esempio, i personal trainers. La maggior parte dei soggetti (87,7%) ha una scolarità superiore (medie superiori -57,1%- ed università -30,6%-).

Risultati

  • Il T-Test mette in evidenza la validità di tre scale: crescita personale, relazioni e accettazione.
  • Confrontando i soggetti di sesso maschile con quelli di sesso femminile, rispetto al T-Test, risulta -Tabella 1 con grafico-: che gli uomini presentano punteggi più alti nell'accettazione e nei bis. fisiologici, nei bis. di sicurezza, di stima e di autorealizzazione; le donne mostrano punteggi più elevati per quanto riguarda l'autonomia, il rapporto con l'ambiente, le relazioni positive con gli altri, i bis. d'affetto. Personal trainer donnaPersonal trainer donna

Tabella 1 con grafico - Confronto tra "istruttori' (men) ed "istruttrici' (wom) secondo la scala Ryff.

Le dimensioni della scala Ryff (PWB) sono tra loro correlate; è quindi confermata la coerenza interna dello strumento. I soggetti che vantano un passato da sportivi agonisti mostrano punteggi superiori nelle relazioni e nei bisogni fisiologici.

Le donne agoniste superano con largo scarto sia i colleghi maschi -agonisti e non- e le colleghe non agoniste rispetto alla crescita personale, al rapporto con l'ambiente -Grafico B-, alle relazioni positive con gli altri -Grafico A-.

Gli istruttori maschi "non agonisti' vantano un più alto scopo nella vita.


      A) Relazioni positive con gli altri              B) Padronanza ambientale   Personal trainer donnaPersonal trainer donna
Grafici A e B - Nella parte sinistra di ogni grafico sono rappresentati gli istruttori che hanno avuto un passato da sportivi agonisti; nella parte destra gli istruttori senza un passato agonistico. In rosso gli uomini, in verde le donne. Sull'asse delle ascisse -orizzontale- sono riportati numericamente gli appartenenti ai vari gruppi (1,00 sono appunto gli "agonisti' e 2,00 i "non agonisti') e sottogruppi.

Seconda parte »



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo