Consigli per dimagrire

A cura di: Luca Pelizzo


Come promesso nell'articolo precedente, ora vi illustrerò in maniera più o meno dettagliata, i consigli alimentari che ho stilato per Luca, il ragazzo che ho seguito e che sto seguendo con devo dire ottimi risultati.
Prima di tutto, trovo come minimo doveroso sottolineare, che questi consigli non sono stati impartiti come diete, ma solamente come delle linee guida su come cercare di alimentarsi in maniera corretta e per cercare di raggiungere determinati obbiettivi.
Una raccomandazione, importante, che do sempre è questa: io non sono un dietologo o un nutrituzionista, sono un personal trainer, quindi sono abilitato per dare dei consigli alimentari che però dovrebbero sempre essere messi a visione come minimo del proprio dottore e riceverne approvazione.

Mi raccomando ragazzi non cercate mai di fare di testa vostra o peggio ancora improvvisarvi dietologi solo per sentito dire; l'alimentazione è una scienza complicatissima e vastissima e come tale va seguita da figure (medici, nutrituzionisti, dietisti) che siano abilitati in questo settore, altrimenti come vi spieghereste che tutti questi signori/e abbiano conseguito un titolo di studio (solitamente laurea) solamente dopo numerosi anni di studi, esami e sacrifici?
Mi raccomando quindi prima di intraprendere qualsiasi nuovo regime alimentare consultate sempre uno specialista: ricordate che l'alimentazione può fare molto in positivo, ma come tutte le cose se non adeguatamente bilanciata puo' fare insorgere anche numerosissimi problemi con danni a volte anche irreversibili.
Un ultima raccomandazione per i miei colleghi personal trainer: cercate sempre, se possibile, di collaborare con qualche specialista  alimentare, a cui far visionare le strategie alimentari consigliate!!. So che molti diranno: ma cosa vuole questo qui e chi si crede di essere per dare tutte queste raccomandazioni, ma si rende conto di quanto mi costerebbe andare da uno specialista per far verificare se ciò (piano alimentare) che voglio intraprendere è corretto e bilanciato per me?. Io non voglio assolutamente passare come chissà che specie di messia o cose del genere.... ., vi voglio solamente mettere in guardia da grossi problemi in cui potreste andare incontro se non vi fate seguire da persone autorizzate e preparate (chiaramente legalmente autorizzate).


Ok, passiamo adesso ai fatti. Come scrissi nel mio precedente articolo, dopo che questo ragazzo, mi descrisse la sua alimentazione attuale scoprii che stava ingurgitando una quantità veramente spropositata di kcal, con per di più eccessive quantità di zuccheri semplici. Gli spiegai quindi un po' di come funzioni il nostro corpo a livello di metabolismo, di cosa siano questi tre macronutrienti (carbo, proteine, Grassi), dato che lui aveva sentito parlare solamente dei primi due, con grossissima enfasi (come di solito ci viene inculcato) sulle proteine, e  mi disse anche che gli era sempre stato detto di stare assolutamente restio nell'assumere i lipidi.
Gli spiegai quindi che questi tre macronutienti, non si comportano tutti nella stessa maniera nel nostro corpo, è vero che proteine e  carboidrati apportano  circa 4 kcal a grammo mentre i lipidi approssimativamente 9, ma nel nostro organismo si comportano in modo diverso. Ritenni doveroso delucidarlo (dato che sono un sostenitore dalla dieta Zona), spiegargli almeno un po' di come i carbo influenzino due ormoni ipotantissimi (l'insulina e glucagone). Questi importantissimi ormoni infatti vengono secreti dal pancreas (non mi sono poi inoltrato nel spiegargli gli isolotti di  Langerhans e le cellule alfa e beta), gli piegai che l'insulina viene anche  chiamato ormone di accumulo, in quanto spinge dentro le cellule tutti i nutrienti, fin qui ottimo sembrerebbe, ma gli spiegai anche che troppa insulina in circolo, significa, (dopo che le cellule fegato cervello siano saturati) che purtroppo tutto il resto andrà a depositarsi come grasso e che il più delle volte specialmente nell'uomo in zona addominale (tipica forma androide o a mela), per non parlare dei problemi che questo potentissimo ormone può causare se si continua a farlo oscillare in modo troppo continuo e a sbalzi troppo repentini nell'arco della giornata (si può andare incontro alla cosiddetta sindrome X o resistenza all'insulina, dove con il passare del tempo il pancreas dovrà sempre di più secernere questo ormone, fino al punto di non riuscirne a produrre più, conseguenza potrebbe essere il diabete). Questo significa in parole povere che i carboidrati non devono mai mancare nella nostra alimentazione, solamente, bisogna cercare di consumarne in maniera equilibrata, magari preferibilmente dilazionarli nell'arco della giornata in 3 pasti principali (colazione-pranzo-cena) + 2 piccoli spuntini e prediligerne quelli con medio basso indice glicemico (ormai oggi basta andare su internet per scoprire l'indice glicemico degli alimenti)
Preferibilmente ricchi di fibra. I nutrituzionisti consigliano quindi una percentuale giornaliera derivante da glucidi come carboidrati approssimativamente sul 50-60% (importantissima in questa percentuale la frutta e la verdura, in quanto apporta carboidrati per la maggior parta con basso indice glicemico, ricchi di fibra e con alte dosi di importantissime vitamine e antiossidanti).
Gli spiegai poi che le proteine sono sì importanti,  in particolar modo per chi fa sport,  in quanto, sono considerate i mattoni dei muscoli (i carboidrati vengono invece considerati i muratori), dato che il muscolo è fatto principalmente da proteine, poi gli spiegai che questo macronutriente ha bisogno di un ricambio continuo, approssimativamente 3-4 ore in quanto il nostro corpo non è in grado di trattenerle detto a grandi linee). Questo il motivo per il quale specialmente nel bodybuilding, ci viene spesso consigliato di introdurre piccole quantità di proteine ogni 3-4 ore, praticamente ogni volta che si fa gli spuntini e i tre pasti principali.

Gli spiegai anche un' altra cosa secondo me molto importante, in quanto lui mi disse: ma allora più proteine=+muscoli. Purtroppo non è proprio così, infatti e vero che c'e' un ricambio continuo di proteine ma come tutto il troppo stroppia. Infatti quantità esorbitanti di proteine, come quelle che spesso leggiamo magari in qualche strategia alimentare dei campioni come Mister Olympia  ecc., a noi natural non farebbero altro che tramutarsi anche in grasso, oltre che possibile causa di grossissimi problemi specialmente ai reni causati dalle numerosissime scorie azotate. Ragazzi ricordate molti di questi enormi campioni, sono arrivati dove sono, perché hanno una si genetica superiore alle altre persone ma anche purtroppo usando farmaci illegali. Quindi mi raccomando, proteine si ma con prudenza e sempre consultando prima il proprio dottore. Vengono consigliate dagli esperti del settore come fonti proteiche più salutari, carni bianche, pesce, formaggi magri, alcuni tipi di cereali e frutta a guscio oleosa.
Adesso passo ad un macronutriente che spesso ci hanno fatto odiare in quanto sempre considerato la principale causa di problemi legati a colesterolo alto, infarto, pressione ecc. ecc., sto parlando proprio dei grassi o lipidi. Purtroppo questo nutriente è stato un po' frainteso, in quanto è si vero che come tutto se ingurgitato in eccesso causa grossissimi problemi, ma è anche altrettanto vero che ne abbiamo assolutamente bisogno, bisogna solamente, cercare di introdurne dosi giuste e chiaramente in quantità equilibrate, che ci verranno consigliate da nostro nutrizionista o dietologo. Infatti  a grandi linee, posso solo consigliarvi di stare lontano (questo non significa assolutamente di evitarli completamente ma di consumarli solamente con un po' di più moderazione), dai grassi saturi come quelli della care rossa, dei formaggi, degli insaccati; cominciare invece ad introdurre grassi salutari ricchi di omega3 come olio di pesce che pensate per un paradigma,  vengono considerati i grassi pulitori, in quanto sembrerebbe che questi lipidi, riescano ad abbassare il colesterolo cattivo ed alzare quello buono; altra ottima fonte di lipidi salutari sono olio extravergine di oliva, lino e quelli ricavati dalla frutta secca oleosa (noci, nocciole, mandorle ecc.). Ci sono poi i grassi idrogenati,  praticamente quelli messi nei prodotti per conservare meglio gli alimenti, questi da quello che dicono gli esperti di settore sarebbe sempre meglio evitarli, comunque è sempre meglio affidarsi ad un medico per consigli più dettagliati.
Ricordatevi quindi che come avete visto ci sono diversi tipi di lipidi, ma che non sono proprio da temere come purtroppo la maggior parte delle persone crede, solamente cercare di capire meglio come funzionano i diversi tipi e ricordatevi che (specialmente per i maschietti) il tanto agoniato testosterone viene proprio sintetizzato dal colesterolo.
Spiegato tutto questo, gli stilai una alimentazione su base zona 40-30-30, ma indirizzata più sulla isometrica del famoso (DAN DUCANE), dove la differenza sta nel fatto che quest'ultima non prevede le percentuali perfettamente equilibrate in ogni pasto,  ma deve rispettare le % nel complesso giornaliero. Approssimativamente si aggirava sulle 2100-2200 kcal. La differenza stava nei giorni di allenamento (post allenamento). Gli consigliai principalmente carboidrati integrali, frutta verdura, gli tolsi praticamente quasi tutti gli zuccheri semplici a parte post allenamento, come proteine gli consigliai pollo, tacchino, coniglio, fiocchi di latte, latte scremato, fesa tacchino, albume e polveri proteiche ecc., come lipidi cominciai ad integrargli l'alimentazioni anche con dell'olio di pesce, magari i giorni in cui non mangiava pesce, olio extravergine oliva, frutta secca, cercai di ridurgli al minimo il consumo di insaccati (a parte una giornata di libertà da lui scelta), formaggi grassi, ridussi anche il consumo di uova intere. Gli imposi tassativamente una sola cosa, bere almeno 2-2. 5 litri acqua al giorno, dato che fino ad allora non arrivava al litro.
Ebbene questa strategia alimentare dopo chiaramente essere stata visionata ed approvata dal proprio dottore, fece veramente (chiaramente abbinata ad un allenamento mirato che vi faro presente in un prossimo articolo) un ottimo lavoro in questo ragazzo. Prossimamente vi farò anche vedere foto del prima e dopo.

Saluti a tutti Luca.



A cura di: Luca Pelizzo


Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015