Olio di sansa

Introduzione: l'olio di oliva

Olivo: aspetti botanici e coltivazione

Composizione dell'oliva matura, proprietà nutrizionali

Raccolta delle olive

Olio di oliva: composizione chimica

Olio di oliva: proprietà e caratteristiche nutrizionali

Preparazione dell'olio di oliva

Conservazione dell'olio di oliva

Olio di sansa

Classificazione degli oli di oliva, analisi e frodi

Olio di oliva come lassativo

Olivo in erboristeria - olivello spinoso

Impiego cosmetico: olio di oliva - Insaponificabile di olio d'oliva - Estratto di foglie di oliva


Olio di sansa

OLIO DI SANSA DI OLIVA: olio ottenuto dal taglio di olio di sansa di oliva raffinato e di olio di oliva vergine diverso dal lampante; acidità non superiore all'1%.

La sansa è il residuo solido che rimane dopo l'estrazione dell'olio. Dalle sanse è possibile estrarre modeste quantità di olio (3-6% in peso) per pressatura o mediante centrifugazione. L'olio che se ne ricava è chiamato olio di sansa di oliva greggio e non è commestibile. Mediante un processo di raffinazione quest'olio viene purificato ottenendo un olio di sansa raffinato con acidità non superiore allo 0,5%.

L'olio di sansa pronto per l'utilizzo è ottenuto mescolando l'olio di sansa raffinato con oli di oliva vergini diversi dall'olio lampante, con acidità non superiore all'1,5%. Non è previsto un minimo di oli vergini da addizionare.

La composizione dell'olio di sansa è simile a quella dell'olio di oliva rispetto al quale è più ricco di acido linoleico (9,5 -15,5%) ed è presente acido elaidinico (0,2%), un isomero trans dell'acido oleico contenuto anche nel burro e nella margarina. Anche per questo motivo l'olio di sansa è un olio nettamente più scadente e meno benefico dell'olio di oliva.

Estrazione di olio dalle sanse

SansaLa sansa è il residuo del processo di lavorazione delle olive per l'estrazione dell'olio.

Di consistenza simile ad una pasta, la sansa contiene ancora una certa percentuale di olio, che tuttavia non può più essere estratta per semplice spremitura. La quantità di olio residua varia dal 4,5 al 9% se proviene da impianti discontinui, dal 2,5 al 4,5% se proviene da impianti continui di nuova generazione.

L'unica strada percorribile per estrarre questa quota, non irrisoria, di olio è il ricorso a mezzi chimici. La sansa viene miscelata ad un solvente selettivo per la componente lipidica, chiamato esano, che solubilizza l'olio residuo. Segue una filtrazione, che consente di ottenere da una parte le sanse esaurite, e dall'altra una soluzione di olio in esano. Per allontanare quest'ultimo si attua un processo di distillazione. L'esano recuperato può essere riutilizzato per estrarre l'olio da nuove sanse (funge da coadiuvante tecnologico).

Il tempo che intercorre tra l'estrazione dell'olio di oliva con mezzi fisici e la lavorazione delle sanse residue con solventi chimici, dev'essere il più breve possibile.

La composizione dell'olio di sansa è simile a quella dell'olio di oliva; aumenta la percentuale di acido linoleico (9,5 - 15,5 %) ed è presente acido elaidinico (isomero trans dell'acido oleico) in quantità inferiori allo 0,2 %. La formazione di questi acidi trans è dovuta ai processi di rettifica durante cui si utilizza anche il calore.



ARTICOLI CORRELATI

Olio di semi Gli oli di semi sono oli ottenuti da frutti o da semi di piante ed alberi diversi dall'ulivo. Questi prodotti vengono utilizzati prima...Oli vegetali Gli oli di semi sono ricavati per spremitura o estrazione con solventi dai semi e dai frutti di molte piante. I più noti ed...Olio di olivaL'olio di oliva è un alimento tipico dell'area mediterranea, un prodotto antichissimo e di pregio, soggetto, per via del suo alto...Oli essenzialiL'uso degli oli essenziali dev'essere vincolato ad una loro diluizione, perché comunque - allo stato puro - tutti, chi più chi meno...Olio da MassaggioNonostante i massaggi possano essere eseguiti senza olio, il suo utilizzo agevola sicuramente la frizione, rende la cute più morbida...Olio di riso L'olio di riso viene estratto dal germe e dalle pellicole che avvolgono esternamente il chicco di riso (dette glume e glumelle o...Olio o burro? Se ponete questa domanda a medici o nutrizionisti probabilmente il 90% di loro vi risponderà, senza esitare, che l'olio di...Olio di KrillIl krill (termine di origini nord-europee) è un insieme di diverse specie animali invertebrate (prevalentemente crostacei) comprese...Oli e burri nei cosmeticiCome si è già visto nei saponi, gli esteri glicerici derivano dai trigliceridi, quindi da un'esterificazione del glicerolo con acidi...Olio di pesce Vedi anche: olio di fegato di merluzzo L'olio di pesce è la più generosa fonte alimentare di omega-tre, in particolare...Perilla frutescens - Benefici dell'olio di perillaPerilla frutescens è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Labiate. Molto comune in Cina, ed introdotta successivamente...Olio di Semi di ZuccaL'olio di semi di zucca si ottiene per spremitura a freddo dei semi dell'omonima pianta (Cucurbita pepo L.). Specialità culinaria...Conservazione sott'olioL'olio è un agente di conservazione naturale blandamente antisettico e particolarmente utile se impiegato nella conservazione degli...Olio da Massaggio: come scegliere l'olioLa scelta del tipo di olio da massaggio dipende sia dal disturbo che s’intende alleviare, sia dalle preferenze personali; molte essenze...Olio di palma L'olio di palma si ricava dai frutti dell'omonima pianta (Elaeis guineensis), originaria dell'Africa ed oggi coltivata nelle zone...Olio extravergine di olivaSecondo la legislazione italiana, per olio di oliva si intende il prodotto della spremitura dei frutti di Olea europea Leccino. L'Olea...