Sciroppo d'Acero

Cos'è lo sciroppo d'acero?

Lo sciroppo d'acero è un liquido dolce, vischioso e appiccicoso, ottenuto incidendo il tronco degli aceri (alberi del Genere Acerum). La linfa dolce che fuoriesce da queste incisioni contiene dal 2 al 5% di saccarosio; dopo la raccolta, viene quindi bollita lungamente per far evaporare gran parte dell'acqua concentrando lo sciroppo.

Sciroppo d'aceroDa un albero di media grandezza si possono ottenere circa 3 kg di zucchero. Gli alberi prevalentemente utilizzati per l'estrazione dello sciroppo (acero da zucchero - A. saccharum - acero rosso - A. rubrum - acero nero - A. nigrum) crescono abbondantemente in alcune regioni situate a cavallo tra Canada e Stati Uniti; non a caso, lo sciroppo d'acero, reperibile nei supermercati più forniti o in erboristeria, è una specialità tipicamente canadese.
Nota: altre specie di acero utilizzate per la produzione di sciroppo sono: acero Manitoba (A. negundo), acero d'argento (A. saccharinum – da non confondere con il saccharum) e acero dell'Oregon (A. macrophyllum).

Sciroppi simili si possono ricavare anche da betulle o palme.

Sostituto naturale dello zucchero

Lo sciroppo d'acero rappresenta una delle tante alternative naturali allo zucchero raffinato. Rispetto a quest'ultimo, vanta un potere calorico nettamente inferiore; un cucchiaino da 10 grammi apporta infatti 26 kcal, contro le 39 di un'analoga quantità di saccarosio.
Il potere energetico dello sciroppo d'acero non è quindi trascurabile, ma risparmiare qualche caloria senza ricorrere ai dolcificanti artificiali (i cui effetti cumulativi a lungo termine sono, per certi versi, ancora da chiarire), è già una buona cosa, ovviamente, a patto che non si raddoppino le dosi.
Particolarmente apprezzato da chi segue un'alimentazione naturista, lo sciroppo d'acero (il famoso "maple syrup") è tradizionalmente impiegato nella preparazione di bevande o per insaporire torte, ciambelle, dessert e piatti vari, come i famosi pancake, gli waffles, il porridge, toast, fiocchi d'avena ecc.
Molti esperti di cucina ne elogiano il sapore definendolo “unico”, anche se la chimica responsabile di queste caratteristiche non è ancora del tutto compresa.

Cenni storici e commerciali

I primi a utilizzare lo sciroppo d'acero furono i nativi americani del continente settentrionale. Successivamente, i coloni europei si appropriarono del sistema, affinando il metodo di produzione grazie a diversi accorgimenti tecnologici.
La provincia canadese di Quebec è la zona di maggior produzione di sciroppo d'acero, dove si raccoglie fino al 70% della quota mondiale.

Nel 2016 l'esportazione canadese è stata di circa 360 milioni di dollari americani (90% dal Quebec). In America, lo stato che produce più sciroppo d'acero è il Vermont (genera circa il 6% dell'offerta globale).

Tipi

Quanti tipi di sciroppo d'acero esistono?

Secondo la legislazione canadese, per qualificarsi come tale, lo sciroppo d'acero dev'essere prodotto esclusivamente dall'A. saccharum e deve contenere almeno il 66% di zucchero (saccarosio).
Grazie all'organizzazione “International Maple Syrup Institute” (IMSI), in accordo tra Canada, Stati Uniti e Vermont, lo sciroppo d'acero viene differenziato in base alla densità e alla traslucenza.
Le più recenti norme sulla classificazione dello sciroppo d'acero prevedono:

  • Grado A
    • Colore dorato e sapore delicato
    • Colore ambrato e sapore ricco
    • Colore scuro e sapore robusto
    • Colore molto scuro e sapore forte
  • Grado di “elaborazione”
  • Scadente.

Produzione

Come avviene la produzione di sciroppo d'acero?

L'estrazione dello sciroppo d'acero non avviene tutto l'anno. E' invece necessario rispettare il ciclo biologico dell'albero e attendere il momento in cui produce lo xilema dolce.
In preparazione alla stagione fredda, l'acero produce e accumula amido all'interno delle radici e del tronco. Dalla fine dell'inverno e fino in primavera (stagione di raccolta), l'acero converte l'amido in zucchero e, grazie allo xilema, lo trasporta a tutti i distretti della pianta. Alcuni produttori estraggono una piccola quantità di sciroppo anche in autunno.
Sciroppo d'AceroGli aceri vengono utilizzati per l'estrazione dello sciroppo a un'età di 30-40 anni e fino a 100. Ogni pianta può supportare da 1 a 3 rubinetti (a seconda del tronco), che vengono impiantati nella corteccia per far defluire lo sciroppo.

Un albero medio produce fino a 12 litri di linfa dolce al giorno (7% della linfa totale in esso contenuta), quindi da 35 a 50 litri per stagione (che dura circa 4-8 settimane).

Lo sciroppo viene estratto di giorno poiché l'abbassamento delle temperature inibisce il flusso del liquido vischioso.

Video

Proprietà dello sciroppo d'acero



Pancake Senza Burro con sciroppo d'acero

Segui la ricetta della nostra Personal Cooker, Alice, su MypersonaltrainerTv.




Proprietà Nutrizionali

Caratteristiche nutrizionali dello sciroppo d'acero

Oltre a vantare un potere calorico nettamente inferiore rispetto a quello dello zucchero, lo sciroppo d'acero è anche una buona fonte di minerali. Questa è la ragione principale per cui in molti lo preferiscono ad altri sciroppi o allo zucchero semplice.
Lo sciroppo d'acero è costituito principalmente da saccarosio e acqua; sono presenti piccole quantità di glucosio e fruttosio residue dall'idrolisi del saccarosio durante il processo di ebollizione.
Lo sciroppo d'acero fornisce circa 260 kcal per 100 g; contiene il 32% d'acqua e il 67% di carboidrati (90% disaccaridi e monosaccaridi). Proteine, grassi e fibre sono assenti o irrilevanti; è presente una certa quantità di amminoacidi liberi.
Per quel che concerne i minerali, lo sciroppo d'acero è considerato una buona fonte di manganese, ma si evincono anche quantità soddisfacenti di zinco, calcio e ferro. In merito alle vitamine, si apprezza un discreto livello di riboflavina (vitamina B2).
Lo sciroppo d'acero contiene un'ampia varietà di composti organici volatili, tra cui la vanillina, l'idrossibutanone e il propionaldeide. Assieme al furanone d'acero, al furanone di fragole e al maltolo, questi composti contribuiscono alla struttura organolettica e gustativa tipica dello sciroppo d'acero. In tutto, i sapori identificati nell'alimento appartengono a 13 famiglie: vaniglia, empireumatico (bruciato), latteo, fruttato, floreale, speziato, deteriorato, acero, confetto, piante-hummus-cereali, erbaceo e ligneo.
Recentemente sono stati identificati anche nuovi composti come il quebecolo, un elemento fenolico naturale originato dalla bollitura dello sciroppo d'acero.


Sciroppo d'Acero
Valori nutrizionali per 100 g
Energia 260 kcal  
Carboidrati totali 67,0 g  
  Amido 6,6 g  
  Zuccheri semplici 60,4 g  
Fibre 0,0 g  
Grassi 0,06 g  
  Saturi - g  
  Monoinsaturi - g  
  Polinsaturi - g  
Proteine 0,04 g  
Acqua 32,4 g  
Vitamine
Vitamina A equivalente 0,0 μg 0,0  %
  Beta-carotene 0,0  μg 0,0  %
  Luteina Zexantina 0,0  μg  
Vitamina A 0,0  IU  
Tiamina o B1 0,066 mg 6 %
Riboflavina o B2 1,27 mg 107 %
Niacina o PP o B3 0,081 mg 1 %
Acido pantotenico o B5 0,036 mg 1 %
Piridossina o B6 0,002 mg 0 %
Folati 0,0 μg 0 %
Colina 1,6 mg 0 %
Acido Ascorbico o C 0,0 mg 0 %
Vitamina D 0,0 μg 0 %
Alfa-tocoferolo o E 0,0 mg 0 %
Vit. K 0,0 μg 0 %
Minerali
Calcio 102,0 mg 0 %
Ferro 0,11 mg 1 %
Magnesio 21,0 mg 6 %
Manganese 2,908 mg 138 %
Fosforo 2,0 mg 0 %
Potassio 212,0 mg 5 %
Sodio 12,0 mg 1 %
Zinco 1,47 mg 15 %
Fluoruro - μg - %

Malattia dello sciroppo d'acero

Cos'è la malattia dello sciroppo d'acero?

La leucinosi o "malattia dello sciroppo d'acero" è un'alterazione innata del metabolismo degli amminoacidi. Più in particolare, il giovane organismo non riesce a metabolizzare i cosiddetti BCAA o amminoacidi ramificati (leucina, isoleucina, valina) e gli elimina in quantità importanti nell'urina, conferendole un odore caratteristico, che ricorda, appunto, quello dello sciroppo d'acero.

Similmente a quanto accade per la fenilchetonuria, un regime dietetico particolare e di esclusione è attualmente l'unica via percorribile per risparmiare al bambino gravi danni neurologici.




Ultima modifica dell'articolo: 23/08/2017