Latti "terapeutici" o "speciali"

Quando sono necessari?

Latti specialiOltre ai classici latti artificiali, esistono prodotti che pur non discostandosi molto da essi in termini di composizione media di nutrienti, presentano differenze significative in uno o più ingredienti, che vengono aggiunti od eliminati per risolvere disturbi particolari.

Per tutti questi tipi di latte esistono prodotti specifici di tipo 0, di tipo 1 e di tipo 2, che associano ai requisiti base di queste formulazioni, ulteriori e specifiche caratteristiche.

Latte privo di lattosio

Si tratta di un latte destinato a neonati affetti da intolleranza al lattosio o colpiti/convalescenti da colichegassose molto gravi. Queste malattie, infatti, provocano diarrea, ed il lattosio tenderebbe ad aggravare il disturbo richiamando liquidi a livello intestinale; si preferisce pertanto somministrare latte delattosato fino al superamento della patologia.

Latte A.R. o antirigurgito

Si tratta di latti che hanno l'unica particolarità di esser più densi rispetto ad un comune latte artificiale. Questa caratteristica viene acquisita addizionando delle sostanze addensanti naturali come la farina di carrube. In questo modo si aumenta la consistenza del latte rendendolo quindi difficilmente rigurgitabile.

 

Tra i latti terapeutici o speciali rientrano anche tutta una serie di prodotti per bambini allergici alle proteine del latte o che possiedono uno od entrambi i genitori fortemente allergici ad esso.

Latte H.A - ipoallergenico

I protidi vaccini vengono frammentati in polipeptidi più piccoli, per diminuire la possibilità di una reazione allergica alle proteine del latte. Le molecole proteiche mantengono tuttavia dimensioni tali da poter scatenare allergia in un bambino che ha già manifestato questo genere di disturbo. Il latte ipoallergenico viene quindi utilizzato a scopo preventivo, ad esempio se uno od entrambi i genitori sono allergici al latte. I neonati che hanno già manifestato segni di allergia vengono invece alimentati con altri tipi di latti speciali, di seguito riportati.

Idrolisato o latte ad idrolisi spinta

Si differenzia dal latte H.A. poiché le proteine sono state scisse in frammenti molto più piccoli, al di sotto dei 5000 Dalton. Esistono tuttavia bambini allergici anche a questo tipo di latte.

Latte di soia

Sono molto utilizzati nelle allergie alle proteine del latte vaccino ed in altre patologie intestinali. La soia può tuttavia essere a sua volta responsabile di reazioni allergiche. Per questo motivo bambini fortemente allergici al latte tendono a sviluppare allergie anche nei confronti della soia. E' quindi necessaria una soluzione alternativa.

Latte elementare o semielementare

È costituito da miscele di sieroproteine idrolizzate ed aminoacidi, con oli vegetali e zuccheri di vario tipo. Viene definito latte solo perché dotato di un aspetto e di una consistenza ad esso simile, ma di fatto si tratta di un vero e proprio formulato chimico.

Il ricorso al latte elementare viene fatto solo in presenza di forti allergie o di altre condizioni che causano malassorbimento intestinale. Infatti, essendo costituito da tutti i nutrienti in forma elementare, non stimola il corretto sviluppo dell'apparato digestivo del bambino.



« Latte per neonati prematuri alimentazione bambino Latte artificiale: aspetti legislativi »

Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015