Acido Butirrico

Caratteristiche e contenuto negli alimenti

L'acido butirrico è un acido grasso saturo, non essenziale, a quattro atomi di carbonio; si trova principalmente nel latte dei ruminanti (2-4%), e solo in tracce in quello di donna; ne sono quindi ricchi il burro ed i latticini in genere.

In virtù del suo basso peso molecolare, l'acido butirrico è volatile ed emana un odore caratteristico, non esattamente gradevole. La sua formazione in seguito al degrado batterico dei trigliceridi cutanei, contenuti nel sebo e nel secreto apocrino, è in parte responsabile dell'odore corporeo e della bromidrosi, o puzza (eccessiva) "di sudore".

Acido Butirrico e Salute dell'intestino

Una cosa che puzza non è necessariamente dannosa; a livello intestinale l'acido butirrico presenta infatti un effetto paradosso. Se da un lato, insieme alla glutammina, rappresenta una fonte energetica importantissima per le cellule della mucosa intestinale, promuovendone la replicazione, dall'altro inibisce la proliferazione delle cellule cancerose, con possibile effetto protettivo nei confronti del cancro al colon.

Acido ButirricoRicordiamo che la mucosa intestinale, rinnovando di continuo le sue cellule (gli enterociti vivono solo pochi giorni), ha esigenze nutrizionali imponenti, e che la sua funzionalità risulta essenziale per l'assorbimento selettivo ed adeguato dei nutrienti utili all'organismo, nonché per la protezione da svariate malattie. Un giusto quantitativo di acido butirrico è quindi necessario per la salute metabolica della mucosa del colon e più in generale dell'intero organismo.

Strategie di Integrazione alimentare

L'eventuale integrazione si può effettuare attraverso i suoi sali, come quelli di calcio o magnesio (calcio butirrato, magnesio butirrato). Tuttavia l'apporto alimentare diretto non è molto importante, dato che l'acido butirrico viene facilmente prodotto nel colon dalla fermentazione microbica dei carboidrati indigeribili. Per aumentare l'apporto di questo prezioso nutriente è quindi sufficiente ingerire quotidianamente la giusta quantità di fibra (30 grammi/die nell'adulto). In tal senso, si è dimostrato particolarmente utile l'amido resistente (che si forma nel pane raffermo o nella pasta lasciata freddare), mentre sul fronte integrativo, per aumentare la sintesi di acido butirrico, sono utili i semi di psillio, la pectina, la crusca di avena e gli integratori di fibra in genere.



Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015