Ipertensione

Generalità

L'ipertensione arteriosa è uno stato, costante e non occasionale, in cui la pressione arteriosa a riposo risulta più alta rispetto agli standard fisiologici considerati normali.
ipertensione pressione altaL'ipertensione è una tra le malattie più diffuse nei Paesi industrializzati; colpisce, infatti, circa il 20% della popolazione adulta e rappresenta uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni.
L'ipertensione arteriosa è conosciuta anche come “killer silenzioso”, perché non comporta alcun sintomo e agisce nell'ombra, degenerando in complicanze severe, talvolta dall'esito mortale.
La terapia dell'ipertensione si fonda sull'importante obiettivo di riportare nella norma i livelli pressori alterati.
Per conseguire tale obiettivo, è fondamentale: ridurre il consumo di sale, praticare regolarmente l'attività fisica, seguire una dieta sana ed equilibrata, seguire una terapia farmacologica appropriata (se i rimedi precedenti non sono sufficienti) e curare in modo specifico la causa (se ce n'è una) dell'innalzamento patologico della pressione arteriosa.

Breve ripasso di cos'è la pressione arteriosa

La pressione arteriosa, o pressione arteriosa sanguigna, è la forza che il sangue esercita contro le pareti dei vasi sanguigni, a seguito dell'azione di pompa svolta dal cuore.
Il suo valore dipende da vari fattori, tra cui:

Misurata in millimetri di mercurio (mmHg), con il paziente in stato di riposo, la pressione sanguigna è solitamente definita attraverso i valori di pressione sistolica o “massima” (è la pressione arteriosa di quando il cuore si contrae) e di pressione diastolica o “minima” (è la pressione arteriosa di quando il cuore è in fase di rilassamento).
Un individuo in salute a riposo può mostrare valori di pressione sistolica compresi tra 90 e 129 mmHg, e valori di pressione diastolica compresi tra 60 e 84 mmHg.
Secondo la comunità medico-scientifica, la pressione arteriosa ottimale a riposo è pari a 120 (p. sistolica)/80 (p. diastolica) mmHg.


Curiosità
La pressione sanguigna è uno dei cosiddetti segni vitali, come la frequenza respiratoria, la frequenza cardiaca, la saturazione dell'ossigeno e la temperatura corporea.


Valori di pressione arteriosa Sistolica/diastolica
PRESSIONE BASSA PERICOLOSA < 50/33 mmHg
PRESSIONE TROPPO BASSA < 60/40 mmHg
PRESSIONE BASSA < 90/60 mmHg
PRESSIONE ARTERIOSA OTTIMALE <115/75 mmHg
PRESSIONE ARTERIOSA ACCETTABILE < 130/85
PRE-IPERTENSIONE 130-139 / 85-89 mmHg
IPERTENSIONE DI STADIO 1 140-159 / 90-99 mmHg
IPERTENSIONE DI STADIO 2 >160 / >100 mmHg
Accorpamento degli stadi 2 e 3 (180/110 mm Hg) di ipertensione, perché l'approccio terapeutico è lo stesso

Cos'è l'ipertensione?

L'ipertensione, o ipertensione arteriosa, è una condizione patologica caratterizzata dalla presenza costante (non occasionale) di livelli pressori a riposo superiori alla normalità.
In altre parole, l'ipertensione è uno stato in cui la pressione arteriosa a riposo è costantemente superiore alla norma.
In termini numerici, una persona soffre di ipertensione (cioè è ipertesa), quando:

  • La pressione arteriosa minima (o pressione diastolica) supera “costantemente” il valore di 90 mm/Hg e
  • La pressione arteriosa massima (o pressione sistolica) supera “costantemente” il valore di 140 mm/Hg.

Nel gergo comune, l'ipertensione è quella condizione definita con il termine “pressione alta”.
Quindi, ipertensione, ipertensione arteriosa e pressione alta sono tre modi diversi per esprimere la stesso stato di alterazione della pressione arteriosa.

Perché è importante l'aggettivo costante, quando si parla di ipertensione?

Nel descrivere l'ipertensione arteriosa, l'aggettivo “costante” e gli avverbi derivati sono fondamentali, dato che nel corso della giornata la pressione arteriosa può subire delle variazioni transitorie, legate per esempio a:

  • L'ora del giorno: la pressione è oggetto di una crescita costante subito dopo il risveglio dal sonno notturno (in cui è particolarmente bassa) e raggiunge il suo apice a mezzogiorno; dopodiché, si abbassa (in genere a causa del pranzo) per poi risalire nuovamente e raggiungere valori discretamente elevati nel tardo pomeriggio.
  • L'attività fisica: durante l'esercizio fisico, la pressione arteriosa aumenta; l'entità dell'aumento varia in relazione al tipo e all'intensità dell'esercizio fisico.
  • Lo stato emotivo: intense emozioni, stress e ansia possono aumentare temporaneamente la pressione arteriosa; di contro, il rilassamento e i momenti di relax hanno l'effetto opposto, cioè comportano una riduzione temporanea della pressione arteriosa.

Curiosità

In alcuni soggetti e in particolari circostanze, il controllo della pressione arteriosa è fonte di ansia e agitazione; quest'ansia e quest'agitazione possono comportare un innalzamento temporaneo dei livelli pressori, tale per cui i risultati del suddetto controllo sono poco attendibili.

Del resto, riporterebbero un aumento della pressione arteriosa che dal punto di vista medico-clinico è di scarsa rilevanza.

Gradi di ipertensione

Esistono diversi gradi di ipertensione:

  • Quando l'aumento pressorio supera i 130/85 mmHg ma è inferiore ai 139/89 mmHg, il grado di ipertensione è lieve e la condizione in atto è detta più propriamente pre-ipertensione;
  • Quando l'incremento pressorio supera i 140/90 mmHg ma è inferiore ai 159/99 mmHg, il grado ipertensione è tra il lieve e il moderato, e la condizione risultante prende il nome di ipertensione allo stadio 1;
  • Quando l'incremento pressorio oltrepassa i 160/100 mmHg ma rimane al di sotto dei 179/109 mmHg, il grado di ipertensione è tra il moderato e l'elevato e la condizione in corso è conosciuta come ipertensione allo stadio 2;
  • Infine, quando l'incremento pressorio è maggiore o uguale a 180/110 mmHg, il grado di ipertensione è elevato e la condizione che risulta assume il nome di ipertensione allo stadio 3 o crisi ipertensiva.

Maggiore è il grado di ipertensione e più lo stato di salute del paziente interessato è preoccupante.

Forme particolari di ipertensione

Accanto alla forma di ipertensione più tradizionale, in cui sia la pressione arteriosa minima che quella massima superano costantemente i valori normali, esistono forme di ipertensione che potrebbero rientrare alla voce “casi particolari”.
Tra questi “casi particolari”, figurano:

  • L'ipertensione labile: è la condizione caratterizzata da passaggi improvvisi e imprevedibili della pressione arteriosa da livelli normali a livelli elevati. In altre parole, l'ipertensione labile è la circostanza in cui la pressione arteriosa è protagonista di aumenti improvvisi rispetto alla norma.
  • L'ipertensione diastolica pura: è la condizione in cui l'aumento pressorio riguarda soltanto la pressione minima.
  • L'ipertensione sistolica pura: è la condizione in cui l'incremento pressorio interessa soltanto la pressione massima.

L'ipertensione è il contrario dell'ipotensione

L'ipertensione è l'esatto opposto dell'ipotensione (o ipotensione arteriosa o pressione bassa).
L'ipotensione è la condizione contraddistinta da valori di pressione arteriosa a riposo inferiori a 90/60 mmHg.
Rispetto all'ipertensione, l'ipotensione è una condizione decisamente meno preoccupante dal punto di vista medico-clinico; addirittura, in alcune particolari circostanze, rappresenta una condizione benigna, che preserva dalle malattie cardiovascolari.


Conoscere l'ipertensione

Farmaci e Trattamento

Ipertensione e Salute

Alimentazione e Dieta

Cause

I medici distinguono l'ipertensione principalmente in due grandi tipologie: l'ipertensione essenziale o primaria e l'ipertensione secondaria.

Ipertensione essenziale o primaria

Nell'ipertensione essenziale, l'innalzamento costante della pressione arteriosa non è imputabile a una precisa malattia, ma dipende da una molteplicità di fattori, alcuni sconosciuti, altri di natura genetica e altri ancora di natura ambientale.
In sostanza, l'ipertensione essenziale è il risultato di una combinazione di situazioni diverse.
Secondo gli studi più attendibili (ma c'è ancora molto da capire), tra i possibili fattori implicati nella comparsa dell'ipertensione essenziale, figurano:

Sale IpertensioneL'ipertensione essenziale caratterizza ben il 95% dei casi di pressione alta nella popolazione adulta e anziana, risultando la forma di ipertensione arteriosa più comune.

Ipertensione secondaria

L'ipertensione secondaria è l'aumento costante della pressione arteriosa, alla cui origine c'è una precisa circostanza/condizione, che può essere:

L'ipertensione secondaria è poco diffusa e, di fatto, costituisce il rimanente 5% dei casi che non copre la sopraccitata ipertensione essenziale.

Fattori di rischio dell'ipertensione

Nell'elenco dei fattori che favoriscono l'insorgenza dell'ipertensione, i medici includono:

  • L'età avanzata;
  • Una predisposizione familiare all'ipertensione;
  • L'appartenenza alla razza Africana, Afro-Americana e Caraibica;
  • L'eccesso di sale nella dieta;
  • Lo carenza di vitamina D;
  • La sedentarietà;
  • Il sovrappeso e l'obesità;
  • Il consumo regolare di grandi quantità di alcol;
  • Il fumo;
  • L'insonnia e un numero ridotto di ore dedicate al sonno notturno;
  • Lo stress;
  • La presenza di malattie croniche, come il diabete, alcune patologie renali o la sindrome delle apnee notturne.

Come si può notare da questo elenco, molti dei fattori di rischio dell'ipertensione sono comportamenti contrari a uno stile di vita sano. Quindi, non bisogna stupirsi se una delle principali norme di prevenzione dell'ipertensione è la conduzione di uno stile di vita all'insegna della buona salute.

Epidemiologia

Nel 2014, l'ipertensione riguardava circa un miliardo di persone in tutto il mondo (ossia quasi il 22% della popolazione globale).
Secondo un attendibile studio del 2010, l'ipertensione avrebbe avuto un ruolo determinante nel 18% delle morte globali.
Il problema dell'ipertensione è più diffuso tra gli uomini, riguarda soprattutto i ceti economicamente meno agiati e interessa prevalentemente le persone anziane.
In Italia, più di 10 milioni di persone soffrono di ipertensione, ma solo la metà circa di queste ne è consapevole.

Sintomi e complicanze

L'ipertensione è una condizione subdola, in quanto, a dispetto delle gravi complicanze a cui può dare luogo, è quasi sempre asintomatica, cioè priva di sintomi. Non è un caso che per descrivere l'ipertensione sia in uso la definizione di “killer silenzioso”.

Alcuni dei possibili sintomi

In rarissime occasioni, l'ipertensione può dar luogo a sintomi, quali: mal di testa, dispnea e sangue da naso. Tuttavia, come si può notare, sono disturbi così poco specifici, che non aiutano il diretto interessato a preoccuparsi di quanto gli sta accadendo.

Complicanze

L'ipertensione prolungata o non trattata in modo adeguato comporta un danno a carico dei vasi sanguigni; identificato principalmente nell'aterosclerosi, questo danno vascolare si ripercuote negativamente sull'irrorazione sanguigna degli organi del corpo, i quali, proprio per effetto dell'inefficiente irrorazione sanguigna, sono a loro volta vittime di un danneggiamento.
Ecco allora che da una prolungata presenza di ipertensione possono derivare gravi complicanze, quali:

  • Attacco di cuore e ictus. Sono due gravi condizioni mediche frutto dell'indurimento e dell'ispessimento delle arterie, due fenomeni caratteristici dell'aterosclerosi.
  • Formazione di aneurismi. La rottura di un aneurisma è una condizione altamente letale;
  • Insufficienza cardiaca. L'ipertensione richiama il cuore a un maggiore lavoro. Questo maggiore lavoro da parte del cuore comporta l'ispessimento del miocardio (ipertrofia). L'ispessimento del miocardio compromette in maniera definitiva la funzionalità cardiaca, instaurando lo stato di insufficienza cardiaca;
  • Indebolimento e stenosi delle arterie che conducono il sangue ai reni (nefropatia ipertensiva). Questi due eventi compromettono la funzionalità renale;
  • Restringimento dei vasi sanguigni che conducono il sangue agli occhi, retina in particolare (retinopatia ipertensiva). Da ciò derivano problemi di vista;
  • Gravi deficit di memoria e problemi cognitivi. L'ipertensione altera le capacità mnemoniche e di pensiero, favorendo l'insorgenza di condizioni come per esempio la demenza.

Quando rivolgersi al medico?

L'ipertensione è una condizione che merita un trattamento immediato e appropriato. Pertanto, il suo eventuale riscontro deve suonare come un campanello d'allarme e indurre il diretto interessato a contattare al più presto il proprio medico curante e a seguire scrupolosamente tutte le cure del caso.

Diagnosi

L'ipertensione è facilmente diagnosticabile attraverso la semplice misurazione della pressione arteriosa, mediante sfigmomanometro.
Tuttavia, una diagnosi accurata di pressione alta non può limitarsi alla semplice constatazione degli elevati livelli pressori a riposo, ma deve concentrarsi anche sulla ricerca delle cause scatenanti e sui connotati della problematica in corso. Ciò spiega per quale motivo i medici, di fronte a un caso di ipertensione, sottopongano il paziente a un accurato esame obiettivo e a una precisa anamnesi, arrivando a prescrivere anche:

Perché ricercare le cause scatenanti l'ipertensione?

L'individuazione delle cause e dei fattori favorenti l'ipertensione è importante, perché permette la pianificazione della terapia più adeguata.

Ogni quanto è bene misurare la pressione sanguigna?

Ipertensione diagnosiIn virtù delle possibili conseguenze dell'ipertensione e della sua natura subdola, i medici raccomandano la misurazione della pressione sanguigna arteriosa ogni due anni, a partire dai 18 anni di età, e ogni anno, a partire dai 40 anni.

Terapia

La terapia dell'ipertensione si fonda sull'importante obiettivo di riportare i livelli pressori nella norma.
Per conseguire tale scopo, sono fondamentali:

  • L'adozione di una dieta sana ed equilibrata;
  • La pratica regolare di esercizio fisico;
  • Evitare tutti quei cattivi comportamenti che inducono l'innalzamento patologico della pressione arteriosa;
  • Sottoporsi a terapie farmacologiche antiipertensive, qualora i sopraccitati trattamenti dovessero risultare efficaci solo in parte;
  • Un'appropriata terapia causale, quando, dagli esami diagnostici, è emerso che l'ipertensione presente è di tipo secondario.

Dieta sana ed equilibrata: i principi fondamentali

I principi fondamentali su cui si basa la dieta contro l'ipertensione consistono in:

  • Ridotto apporto di sale. La quantità di sale introdotta giornalmente da un iperteso non deve superare i 5-6 grammi;
  • Ridotto apporto di grassi saturi. Nella dieta ideale per un iperteso, i grassi saturi devono rappresentare meno del 7% delle calorie totali;
  • Ridotto apporto di grassi animali;
  • Consistente apporto di fibre alimentari, attraverso un consumo cospicuo di frutta fresca, verdura fresca, legumi (preferibilmente quelli non in scatola, perché contengono il sale come conservante) e cereali integrali;
  • Mangiare pesce almeno un paio di volte a settimana. Il pesce è ricco di omega-3, un grasso per così dire “buono” per la salute dell'essere umano;
  • Preferire latte e derivati a basso contenuto di grassi;
  • Rispettare il fabbisogno calorico giornaliero, senza sgarri e senza eccessi. Questo principio è indispensabile per mantenere nella norma il peso corporeo.

Esercizio fisico

Ai pazienti con ipertensione, i medici raccomandano almeno 30 minuti di attività fisica aerobica (quindi camminata a passo spedito, corsa, nuoto, ciclismo) dalle 5 alle 7 volte a settimana.

Comportamenti da evitare

In presenza di ipertensione, è fondamentale evitare tre cattive abitudini: fumare, abusare di sostanze alcoliche e dormire poche ore alla notte.

Farmaci

Quando è particolarmente elevata e quando fatica a rispondere in maniera soddisfacente ai precedenti rimedi, l'ipertensione richiede l'impiego di farmaci specifici.
Tra i medicinali antiipertensivi rientrano:

Esempio di terapia causale

In un contesto di ipertensione secondaria, la terapia causale – ossia la cura della causa scatenante – è un caposaldo del piano terapeutico, che si somma a tutti gli altri trattamenti sopra descritti.
Esempi di terapia causale sono:

  • La somministrazione di ormoni tiroidei sintetici, in presenza di ipertensione dovuta a ipotiroidismo;
  • La cura della dipendenza da alcol, in presenza di ipertensione dovuta all'alcolismo;
  • La riduzione del consumo di liquirizia, in presenza di ipertensione dovuta all'eccessivo consumo di quest'ultima;
  • Ecc.

Altri trattamenti utili: il controllo dello stress

I pazienti con ipertensione possono trarre giovamento da tecniche di rilassamento, come per esempio lo yoga, che insegnano a controllare le situazioni di stress.
Imparare a controllare lo stress è importante, soprattutto quando contribuisce all'innalzamento patologico della pressione arteriosa.

Prognosi

L'ipertensione è una condizione molto pericolosa, il cui mancato trattamento aumenta drasticamente il rischio di sviluppare complicanze dalle conseguenze letali (es: attacco di cuore, ictus, aneurisma ecc.).


Curiosità

Tra coloro che sanno di essere ipertesi, solo il 25% riesce a tenere la malattia sotto controllo e a riportare la propria pressione nella norma.

Prevenzione

Limitare il consumo giornaliero di sale a 5-6 grammi, mantenere nella norma il peso corporeo, praticare regolarmente attività fisica aerobica, non fumare, limitare il consumo di alcol e adottare una dieta ricca di frutta e verdura sono le principali raccomandazioni dei medici, quando il tema di discussione è la prevenzione primaria dell'ipertensione.


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 »



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 02/11/2017

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclico