Ipertensione ed attività fisica: controindicazioni?

è vero che il bodybuilding è dannoso per l'iperteso?

 

Per tenere sotto controllo l'ipertensione non occorre diventare degli atleti. Come abbiamo visto in precedenza sono molto utili anche alcune attività quotidiane o semplici accorgimenti come quello di parcheggiare qualche centinaia di metri più lontano.

Tuttavia i migliori benefici si ottengono grazie ad un programma appositamente studiato che tenga conto dei parametri visti nel paragrafo precedente. L'intensità dello sforzo non dovrebbe quindi superare il 70% del massimale.

Fino a qualche anno fa le attività a forte componente muscolare venivano controindicate al paziente iperteso.

Durante la contrazione muscolare, per effetto stesso dei muscoli, si verifica una parziale occlusione dei vasi sanguigni. Il conseguente aumento delle resistenze periferiche richiede un maggior lavoro di pressione da parte del cuore.

Se durante l'esecuzione si trattiene istintivamente il respiro, la pressione intratoracica aumenta ed il cuore è costretto a contrarsi contro ulteriori resistenze. Di conseguenza la pressione arteriosa sistolica (pressione massima) aumenta bruscamente fino a raggiungere valori di 300 mmHg contro i normali 120 mmHg.

Questo brusco innalzamento di pressione è potenzialmente pericoloso per cardiopatici, ipertesi e diabetici.

respirazione bodybuilding

Gli elevati valori di pressione sistolica raggiunti durante le attività di potenza o durante gli esercizi con carichi pesanti (body building) rendono tali discipline potenzialmente dannose per il soggetto iperteso. L'eccessivo aumento pressorio potrebbe infatti aggravare il danno d'organo.

Chi soffre di pressione alta dovrebbe quindi concentrarsi sulla pratica di esercizi ad elevata componente aerobica (marcia, ciclismo, jogging ecc.Papaia Papaya. Discipline sportive ad impegno misto, che hanno cioè sia una componente anaerobica che aerobica (sci, tennis,calcio ecc.) si collocano a metà fra i due estremi. Per questo motivo non è possibile stabilire con certezza se facciano bene o male.


Attualmente le nuove linee guida hanno tuttavia ridato importanza agli esercizi di tonificazione. Questa tipologia di allenamento si è dimostrata molto utile soprattutto se abbinata a un programma cardiovascolare.

Un esercizio di tonificazione, è una particolare forma di esercizio, svolta con l'ausilio o meno di sovraccarichi, che richiede un significativo impegno muscolare (ad esempio una serie di piegamenti sulle braccia).

Affinché questa tipologia di attività fisica sia utile e priva di rischi:

il numero di ripetizioni per esercizio dev'essere elevato ( 20-25 o più ripetizioni)

i carichi utilizzati devono essere moderati (40-60% del massimale)

va curata la corretta tecnica di respirazione, espirando durante la fase attiva del movimento ed espirando durante la fase negativa. Per approfondire leggi: pesi e respirazione.

Se l'esercizio fisico rispetta le indicazioni riportate fino a questo momento normalmente non esiste alcuna controindicazione alla sua pratica.


L'idoneità alla pratica agonistica viene normalmente attribuita se la pressione a riposo non supera i 140-90 mmHg.

Nel caso la pressione sfori per eccesso tali valori, l'atleta viene sottoposto ad ulteriori test, come il monitoraggio della pressione sotto sforzo e a riposo. Dato che molti dei farmaci utilizzati per controllare l'ipertensione rientrano nella lista delle sostanze ad azione dopante, quando il soggetto utilizza tali medicinali non viene normalmente rilasciato il certificato di idoneità.

Ulteriori consigli

Prima di iniziare a praticare uno sport, chiedi consiglio al tuo medico di fiducia, specie se utilizzi farmaci, se soffri di ipertensione severa o di altre patologie.

Impara a vivere lo sport come un piacevole momento di distacco dalle tensioni quotidiane

Poniti degli obbiettivi realistici, senza strafare. Se non sei molto allenato prova ad esempio ad aumentare gradualmente i minuti di corsa continua senza interruzione. Se sei sovrappeso prova a perdere 1 kg al mese associando allo sport un'alimentazione adeguata.

Fare gli eroi non serve ad altro che peggiorare la situazione. L'allenamento non va assolutamente vissuto come un momento di sfida e di confronto con gli altri. La gradualità dello sforzo è d'obbligo.

Ricorda che non è mai troppo tardi per iniziare. Anche se non infili una tuta da anni, puoi comunque usufruire di tutti i benefici che lo sport può regalarti.

Se non sei molto esperto scegli un personal trainer qualificato che ti segua durante gli esercizi.

Mantenetevi ben idratati: bevete sia prima che durante e dopo l'esercizio

Alzatevi lentamente dopo aver eseguito esercizi a terra in modo da evitare la cosiddetta ipotensione ortostatica, ovvero quel brusco calo di pressione responsabile di capogiri e svenimenti quando ci si alza dalla posizione sdraiata (clinostatica) o seduta.

Interrompere immediatamente l'esercizio e consultare un medico in caso di: capogiri, dolori articolari, irregolarità cardiache, pesante senso di affanno o oppressione.

Evitate di trattenere il respiro durante gli esercizi con i pesi. Anche quando svitate un tappo ostinato cercate di espirare profondamente durante lo sforzo.

Un interessante approfondimento: ipertensione, genetica e sport

Tra i numerosi ormoni prodotti dal nostro organismo ne esiste uno chiamato ANGIOTENSINA II risultante dalla conversione di un altro ormone (angiotensina I) per opera di un enzima di conversione chiamato ACE.
L'angiotensina II favorisce l'ipertensione inducendo vasocostrizione ed aumento delle resistenze circolatorie periferiche. Tale ormone espleta le sue funzioni anche grazie allo stimolo sulla sintesi di ALDOSTERONE (un altro ormone che favorisce la ritenzione idrica e salina aumentando la quantità di sangue circolante e, di conseguenza, la pressione arteriosa).

Nella popolazione esiste una grandissima variabilità nei livelli dell'enzima ACE, principalmente riconducibile a fattori genetici. In particolare esistono tre possibili genotipi:

DD: questi soggetti hanno una maggiore attività enzimatica ACE, hanno quindi una pressione cardiaca superiore alla norma

ID: si tratta di soggetti eterozigoti, che dal punto di vista genetico si collocano tra le due forme ed hanno pertanto caratteristiche intermedie

II: in questo caso l'attività dell'enzima ACE è inferiore, quindi vi è una minor sintesi di angiotensina II e, di conseguenza, la pressione arteriosa di questi soggetti è tendenzialmente inferiore.

Riassumendo:

GENOTIPO DD = pressione superiore rispetto alla norma

GENOTIPO ID = pressione nella norma

GENOTIPO II = pressione inferiore alla norma

I tre genotipi hanno frequenze diverse in gruppi etnici diversi:


  DD ID II
AFRO-AMERICANI 29% 60% 11%
INDIANI 19% 50% 31%
BIANCHI 29% 40% 31%

Diversi autori hanno descritto una frequenza superiore di controlli del genotipo DD in soggetti affetti da cardiomiopatia ipertrofica, stenosi arterio-coronariche, infarto del miocardio, ipertensione, ipertrofia ventricolare sinistra.

Altri studi non rilevano un significativo aumento di frequenza del genotipo DD nelle categorie suddette

E' stata suggerita una associazione fra genotipo DD e longevità, sulla base di una maggior frequenza di tale genotipo in soggetti sedentari.


I tre genotipi hanno frequenze diverse negli atleti agonisti di livello internazionale:

GENOTIPO DD: caratteristico negli atleti di potenza o di "sprint" (maggiore potenza, maggiore attività del metabolismo anaerobico)

GENOTIPO ID e II: caratteristici degli atleti di "endurance"; (maggiore utilizzo di acidi grassi e minore risposta vasocostrittiva all'esercizio muscolare)

« 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 »


ARTICOLI CORRELATI

Cellulite, rimedi e attività fisicaAttività fisica e Diabete di tipo 2Ormoni tiroidei T3 - T4 ed esercizio fisicoBenefici dell'attività fisica in presenza di Diabete di tipo 2Cellulite: qual è l'attività fisica più idonea?Linee guida per l'attività fisica nel Diabete di tipo 2Osteoporosi, fratture ed attività fisicaAcqua ed attività sportivaAdattamenti del cuore in risposta all'attivita' fisicaAnalisi della necessità di creare centri per attività motorie personalizzateAnziani ed attività fisica: screening cardiologicoApparato respiratorio e attività fisica negli anzianiAttività agonistica e prevenzione delle infezioniAttività agonistica, infezioni e vaccinazioniAttività fisica e colesteroloAttività fisica e collasso cardiacoAttività fisica e funzionalità cardiorespiratoriaAttività fisica e gravidanzaAttività fisica e lombalgiaAttività fisica e sport nell'età evolutivaAttività fisica e sport nella terza etàAttività fisica ed invecchiamentoAttività fisica in gravidanzaAttività fisica per bambiniAttività fisica, fitness e wellnessAttività sportiva ed obesitàAttività sportive e impegno cardiovascolareATTIVITA' FISICA E OBESITA'ATTIVITA' FISICA FITNESS E WELLNESSAttività fisica e corretta alimentazione: il giusto binomio per dimagrireAttività fisica e IpertensioneAttività fisica ed IpertensioneBenefici e rischi dell'attività fisica nell'obesitàBenessere e attività fisicaCellulite, dieta e attività fisicaDIABETE: Attività fisica e diabete mellitoDieta ed esercizio fisicoGravidanza e attività fisicaIdratazione e attività fisicaIl soggetto obeso e l'attività fisicaIpertensione ed attività fisicaObesità, ormoni ed esercizio fisicoPatologie cardiovascolari e attività sportivaPrevenzione, salute e attività fisicaQuanto mangiare prima dell’attività fisicaSedentarietà e bambini, il ruolo dell'attività fisicaSforzo Cardiovascolare - Attività SportiveSistema immunitario ed esercizio fisicoSoffio al cuore: diagnosi, prevenzione e attività fisicaStress ed attività fisicaAttività fisica su Wikipedia italianoPhysical exercise su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 17/06/2016