Tè oolong

Tè verde Tè oolong Tè nero Teofillina Teina Teanina


Il tè oolong può essere considerato un alimento funzionale, grazie alle sue proprietà antiossidanti, antiobesità ed ipocolesterolemiche. Si ricava, al pari delle altre due principali qualità (il tè verde e quello nero), dall'infuso delle foglie di Camelia sinensis, preparate - però - in maniera leggermente differente.

Le foglie destinate alla produzione di oolong vengono fatte appassire al sole e poi macinate; rispetto al tè nero, i tempi di esposizione al calore sono inferiori ed appena sufficienti per ossidare i margini fogliari. Dopo essere state lievemente essiccate, le foglie vengono sottoposte a movimenti rotatori per favorire la fuoriuscita dei succhi cellulari; iniziano così i processi fermentativi, che dai margini fogliari procedono a poco a poco verso l'interno. Al termine di questa fase, le foglie assumono un aspetto a mosaico, per la presenza di regioni fermentate di color rossiccio e di altre più verdeggianti; l'attività enzimatica ed i processi fermentativi vengono immediatamente arrestati sottoponendo le foglie a getti di aria caldissima; successivamente vengono sottoposte ad una modesta pressione rotante (come se venissero schiacciate da un mattarello) per 2-3 volte, quindi nuovamente essiccate. Al termine del processo produttivo, si ottiene un tè semifermentato con caratteristiche intermedie tra il verde (preparato con foglie fresche) ed il nero (essiccato e lasciato fermentare più a lungo). Non sorprende, dunque, che il tè oolong si avvantaggi delle proprietà salutistiche di entrambe le bevande, principalmente antiossidanti per il tè verde e stimolanti per quello nero.

Oltre all'elevato potere antiossidante, conferitogli principalmente dai polifenoli quercetina e catechina, il tè oolong ha dimostrato un effetto positivo sulla riduzione del peso corporeo. Tale proprietà è conferita dal discreto contenuto in caffeina e catechine (presenti in grandi quantità anche nel the verde), che sembrano avere un'azione sinergica nell'aumentare il metabolismo corporeo e la velocità di ossidazione dei grassi. Si è giunti a tale conclusione notando sperimentalmente i maggiori effetti termogeni del the oolong rispetto ad una bevanda a base di acqua e analoghe concentrazioni in caffeina.

In uno studio, il consumo di tè oolong da parte di un gruppo di persone ha aumentato l'eliminazione fecale di lipidi; da qui la conclusione che assumere regolarmente questa bevanda possa in qualche modo contribuire a ridurre l'assorbimento intestinale di colesterolo. Se a tutto ciò aggiungiamo i suo effetti antiossidanti, utili per prevenire l'ossidazione delle LDL, il consumo regolare di the oolong sembra sortire un effetto protettivo contro lo sviluppo dell'aterosclerosi.

In letteratura esistono anche evidenze scientifiche su un possibile ruolo ipoglicemizzante della bevanda.

Per avvantaggiarsi di tutti i benefici del the oolong, è buona regola preferire le bustine da infuso alle bevande già pronte o istantanee; l'ammollo prolungato (almeno 5 minuti) permette di aumentare la quota di caffeina e polifenoli della bevanda. Negli studi effettuati per indagarne le proprietà salutistiche, il tè oolong veniva assunto in quantità importanti, mediamente da 700 ml ad 1 litro e mezzo al giorno (3-7 bustine da 2 grammi/die) per diverse settimane. Ovviamente non ci si può aspettare che qualche tazza di té oolong ponga rimedio agli eccessi e alle sregolatezze (non solo alimentari) che accompagnano la vita di molte persone; pur tuttavia, la sua blanda azione stimolante, coadiuvante nel promuovere la perdita di peso e protettiva sullo stress ossidativo, contribuisce a renderlo un'ottima e più salutare alternativa alla classica tazzina di caffè.



Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015