Suffumigi

« tisana per il raffreddore


La suffumigazione, o più semplicemente fumigazione, è una pratica dalle origini antiche, basata sulla riduzione di una sostanza in fumi o vapori a scopo terapeutico o disinfettante (del corpo, ma anche dello spirito). SuffumigiLa tecnica della suffumigazione è abbastanza semplice: la parte malata viene posta al di sopra di un recipiente contenente una data sostanza in infusione a caldo; così, per praticare una fumigazione delle vie respiratorie, basterà coprirsi il capo con un panno, per impedire al vapore di disperdersi, e respirare a bocca aperta i fumi che salgono dal recipiente. Ogni due minuti circa si consiglia di riemergere e respirare normalmente l'aria ambientale, per poi ripetere l'intera operazione altre due o tre vote. I suffumigi sono quindi particolarmente indicati in presenza di faringiti, laringiti, asma, malattie bronchiali, ecc. In tutte queste circostanze risultano particolarmente utili prodotti fitoterapici a base di sostanze balsamiche sciolte nell'acqua. A seconda dell'azione desiderata, si hanno fumigazioni emollienti, stimolanti, secche ecc.

Oggi esistono in commercio molti tipi di apparecchi fumigatori, che creano artificialmente vapori derivati dal farmaco usato. Nel settore fitoterapico si fa spesso ricorso agli oli essenziali balsamici, che devono essere tuttavia utilizzati in concentrazioni piuttosto basse, nell'ordine delle 5-6 gocce per litro d'acqua calda, ma non bollente, in modo da allontanare il rischio di laringospasmo soprattutto nei bambini. A concentrazioni maggiori, senza comunque superare le 10 gocce, gli oli essenziali balsamici possono essere disciolti nell'acqua da bagno per ottenere il medesimo effetto terapeutico. In generale, è importante evitare il fai da te, poiché i suffumigi con oli essenziali possono essere controindicati a diverse categorie di soggetti, come ad esempio gli asmatici. Più in generale, si tratta di preparati a basso indice terapeutico, che come tali possono addirittura risultare di non libera vendita; particolare attenzione anche all'uso prolungato, in genere da evitare. Quando invece si deve necessariamente ricorrere al sempre sconsigliato fai da te, è meglio mettere da parte i suffumigi agli oli essenziali ed utilizzare infusi delle varie droghe vegetali (foglie, fiori ecc.), da aggiungere all'acqua bollente per poi respirarne i vapori. Contro il raffreddore, possono in tal senso bastare 30 grammi di foglie di eucalipto in mezzo litro d'acqua bollente.

Basilico, eucalipto, lavanda, limone, maggiorana, rosmarino, tea tree e timo sono particolarmente indicati in caso di raffreddore o sinusite. Anice, camomilla, menta piperita e zenzero sono utilizzati quando si cerca un effetto antinfiammatorio, mentre suffumigi molto caldi con un semplice decotto di malva o altea sono indicati in presenza di mal di gola, per la loro capacità di lenire l'epitelio infiammato. SuffumigiI suffumigi della tintura in acqua di benzoino, pianta arborea o arbustiva, odorosa, appartenente alla famiglia delle Styracaceae, sono utili per trattare raffreddori, tossi e faringiti. Analogo discorso per i suffumigi di sodio benzoato, che leniscono l'epitelio infiammato ed espletano una lieve azione espettorante. Nella farmacopea ufficiale italiana sono riportate le istruzioni per preparare una soluzione concentrata per suffumigi, a base di essenze di eucalipto, menta e pino silvestre; la posologia è di 10 gocce per litro di acqua bollente.

Tisane per suffumigi contro il raffreddore

Suffumigi contro il raffreddore
Eucalipto (foglie) 50 g
Menta piperita (foglie) 25 g
Eufrasia (parti aeree) 25 g

Infuso al 4% (quattro grammi di miscela per 100 ml di acqua): portare l'acqua ad ebollizione, versarla sulla miscela, lasciar bollire per un paio di minuti e inalarne i vapori caldi, avvolgendo la testa e la fronte con un asciugamano per non disperderli. Fare 5 o 6 suffumigi al giorno.

 

Suffumigi contro il raffreddore
Eucalipto (foglie) 10 g
Pino silvestre (gemme o turioni) 10 g
Timo (parti aree) 5 g
Salvia (foglie) 5 g

Infuso al 5% (5 g di miscela per 100 ml di acqua): portare l'acqua ad ebollizione, versarla sulla miscela, lasciar bollire per 7 minuti e inalarne i vapori caldi, avvolgendo la testa e la fronte con un asciugamano per non disperderli. Per aumentare la formazione dei vapori aggiungere un grammo di sodio bicarbonato. Fare 5 o 6 suffumigi al giorno.


« 1 2 3 4 5 6


Ultima modifica dell'articolo: 22/02/2016