Il corretto approccio agli integratori alimentari

A cura di Ivan Mercolini

Come fare?

Giunti a questo punto riassumiamo:

  1. Le procedure con cui vengono effettuati gli studi su integratori sono spesso sbagliate. Spesso non vengono utilizzati soggetti idonei, oppure lo studio è protratto per un tempo troppo limitato, oppure manca il corretto allenamento, oppure le dosi sono sottostimate, oppure gli scienziati non sono preparati circa l'argomento (molto sovente)...
  2. I risultati degli studi possono essere gonfiati per soddisfare le esigenze di profitto dei finanziatori.
  3. La legislazione italiana è severa circa il rilascio di permessi di libera vendita. Se un prodotto ha significativi vantaggi, quindi possibili significativi effetti collaterali (dose e frequenza dipendenti), viene sottratto dal mercato o neppure ci entra, divenendo farmaco da ricetta.
  4. Le etichette italiane sovente riportano ingredienti e dosaggi diversi rispetto alle etichette originali (in genere sottostimano).
  5. Dulcis in fundo, le etichette originali spesso non dichiarano l'esatto contenuto.

Bella panoramica, vero?
Che cosa può fare quindi il consumatore che intende effettuare un acquisto intelligente?
Prima di tutto, deve valutare se ha effettiva necessità di un integratore, consultandosi con il proprio personal trainer. In genere, comunque, è bene avere almeno un anno di allenamento più dieta alle spalle, prima di iniziare a toccare questo campo. Minimo. Poi, ripeto, potrebbe comunque non verificarsi la necessità di integrare.
Secondo, il consumatore/allievo deve sapere che "vecchio è meglio". Quindi non gettarsi sulle novità di mercato, ma su prodotti ormai collaudati e ricollaudati, al fine di rendere improbabile il verificarsi dei punti 1 e 2 succitati. Per il punto 3 non vi è soluzione. Tale è la legge.

Per i punti 4 e 5, non potendo effettuare lui stesso costose analisi sul prodotto, può ridurre il margine di rischio rivolgendosi alle ditte di fama mondiale, con i laboratori più grandi e più affermate. Non faccio nomi perchè non mi sembra etico. E può infine ragionevolmente comprendere che se il prezzo è basso... puzza!

Tutto chiaro?

Ora, supponiamo che abbiate verificato di aver obiettivamente necessità di spendere in uno o più integratori. Quali usare tra i vari princìpi attivi? In che dosi? Come?

Qui di seguito, la panoramica degli integratori per lui e per lei con il miglior pedigree ("vecchi", collaudati, dall'efficacia indubbia). Ho diviso i prodotti per il volume da quelli per la definizione e da quelli per tutto l'anno, quelli per lui da quelli per lei. Non enuncerò le caratteristiche farmacodinamiche e farmacocinetiche, essendoci già abbondante letteratura in merito in questo stesso sito. Vi rimando ai relativi links.




« 1 2 3 4 5 6 7 8 »


ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 03/08/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco Fritto