Propoli - effetti e benefici della propoli

 Erborista Vittorio Trotta


« proprietà della propoli


Oltre a queste caratteristiche, la propoli agisce sul nostro organismo anche in altri modi:

  • stimola il timo, la ghiandola preposta alla regolazione del sistema ormonale ed immunitario nel periodo della pubertà;
  • attiva il metabolismo delle cellule ed incrementa la loro scissione arrivando a raddoppiarne il ritmo (questo spiega come la propoli agisca sulla guarigione delle ferite, accelerandone il decorso);
  • in campo geriatrico si sono osservati miglioramenti delle condizioni sia fisiche che psichiche degli anziani che la assumevano con regolarità;
  • la propoli è un coadiuvante in tutte le infiammazioni della cute e delle mucose, anche in quelle con produzione di pus; da questo punto di vista le sue applicazioni possono essere molteplici poiché non solo il tratto digerente (dalla bocca al retto), il sistema respiratorio (dal naso fino agli alveoli polmonari) e gli organi genitali sono rivestiti di mucose, ma anche le articolazioni, dove sottili membrane rivestono le estremità delle ossa;
  • la propoli si è rivelata utile anche in caso di disturbi metabolici: la sua assunzione regolare sembra correggere valori alti di lipidi nel sangue e problemi circolatori, ma naturalmente in questi casi bisogna agire prima di tutto sulla dieta, introducendo abitudini alimentari più sane.

propoli effettiAlla propoli vengono attribuite anche attività antiallergiche, dovute alla combinazione di polline e principi attivi: la terapia prescritta in questi casi è di tipo “desensibilizzante”, cioè volta ad abituare gradualmente il sistema immunitario agli allergeni, in modo che, quando la stagione della fioritura libererà nell'aria grandi quantità di pollini, la reazione sarà meno intensa. Se a questo effetto si aggiunge poi quello antiinfiammatorio e decongestionante tipico della propoli, i sintomi possono ridursi notevolmente. Se si decide di provare questo trattamento, è necessario porre molta attenzione alle percentuali di polline presenti nella propoli, perché, in base alla gravità della propria allergia e alle proporzioni tra i vari tipi di polline  presenti, si può rischiare di andare incontro a reazioni allergiche indesiderate. Un modo utile, ma non sempre efficace, per prevenire reazioni avverse è questo: spalmare una piccola quantità di propoli in un'area dove la cute è più delicata e ripetere l'operazione sulla stessa zona dopo 24 e 48 ore; se la pelle si è arrossata in modo evidente significa che non si tollera quel tipo di propoli, quindi occorre evitarne l'assunzione.
Precauzioni e controindicazioni: non bisogna somministrare propoli a bambini di età inferiore ai 3 anni. Soggetti che sono a conoscenza di allergie ed intolleranze verso prodotti derivanti dall'alveare, oppure con allergie al polline e/o al veleno d'api, non devono assolutamente utilizzare prodotti contenenti propoli.
In fitovigilanza sono noti effetti avversi che vanno dagli eczemi atopici, legati all'utilizzo di pomate a base di propoli, agli edemi a livello della bocca e della lingua, sino alle crisi asmatiche acute da vasocostrizione provocate da shock anafilattici che portano all'ospedalizzazione del paziente.

Propoli: formulazioni in commercio ed indicazioni terapeutiche

Le forme farmaceutiche in commercio sono numerose, ma le più frequentemente utilizzate sono l'estratto idroalcolico, o tintura, (10-40 gocce, 2-3 volte al giorno); l'estratto secco (1 o 2 capsule da 200mg per 2-3 volte al giorno); tavolette masticabili (1 per 3 volte al giorno); l'estratto glicolico per uso esterno, quindi creme, unguenti, lozioni, spray e colluttori.
Una buona tintura di propoli dovrebbe contenere dal 50 al 70% di propoli.
Questi prodotti vengono utilizzati per diverse problematiche, quindi si può affermare che la propoli è un fitoterapico che offre un valido aiuto nella cura di svariate sintomatologie:



Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015