Polygonum cuspidatum

Nome botanico: Polygonum cuspidatum
Nome binomiale: Fallopia japonica
Sinonimi: Japanese knotweed o Caprifoglio giapponese
Famiglia: Polygonaceae
Descrizione: pianta erbacea perenne
Parte della pianta utilizzata: radice
Finalità fisiologiche e salutistiche: antiossidante, antinfiammatorio, vasorilassante
Costituenti attivi: resveretrolo, emodina, polidatina

Polygonum cuspidatumOrigine e Diffusione

La pianta Polygonum cuspidatum è originaria dell'Asia orientale, ed attualmente è diffusa in Nord America e in Europa, dove risulta classificata come una specie invasiva in diversi paesi (è stata introdotta nell'elenco delle 100 peggiori specie invasive stilato dal World Conservation Union). Il successo della colonizzazione della specie è stato in parte attribuito alla sua tolleranza rispetto ad un'ampia gamma di tipi di suolo, pH e salinità.

Descrizione Botanica

Il Polygonum cuspidatum (Fallopia japonica) è un pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Polygonaceae.
La pianta è dotata di fusti vigorosi e glabri, che possono raggiungere un'altezza massima di 3-4 metri. Il Polygonum cuspidatum produce fusti sotterranei (rizomi) lunghi e robusti, capaci di svilupparsi in profondità.
Le foglie sono alterne ed ovali, con 7-14 cm di lunghezza e 5-12 cm di larghezza, troncate alla base e provviste di un margine interno. I fiori sono piccoli, di color bianco crema, prodotti in tarda estate ed inizio autunno in racemi (grappoli) eretti in 6-15 cm di lunghezza.
Il Polygonum cuspidatum è anche chiamato "falso bambù", in quanto un membro della famiglia delle Polygonaceae possiede steli cavi con diversi nodi in rilievo che gli conferiscono un aspetto similare all'originale, anche se non sono strettamente legati.

Indicazioni Terapeutiche del Polygonum cuspidatum

A causa della sua presenza in Cina, il Polygonum cuspidatum è stato storicamente impiegato nella medicina tradizionale cinese, soprattutto come erba lassativa e, occasionalmente, come alimento nelle culture asiatiche.
Diverse applicazioni terapeutiche del Polygonum cuspidatum sono note, in quanto l'estratto derivato viene indicato per il trattamento di varie patologie. Attualmente, questa pianta ha assunto notevole importanza in relazione all'elevata concentrazione di resveretrolo nei suoi rizomi.
Infatti, la peculiarità dell'estratto secco della radice della pianta sta nel contenuto di resveretrolo, 400 volte superiore rispetto all'uva ed ai suoi derivati; il Polygonum cuspidatum rappresenta la maggiore fonte naturale di questo fitocomponente, che contiene nella forma biologica più attiva.
Un ulteriore vantaggio nell'assunzione del Polygonum cuspidatum consiste nell'utilizzo di un estratto naturale, che oltre alle proprietà del resveretrolo, consente di sfruttare i benefici delle altre componenti attive presenti (fitocomplesso), che completano l'attività funzionale dell'estratto, oltre a favorirne la biodisponibilità.
L'estratto derivante dalla radice del Polygonum cuspidatum è indicato per il trattamento di:

Costituenti Attivi del Polygonum cuspidatum e Proprietà

Nell'estratto secco derivante dalla radice della pianta, il principale costituente bioattivo è il resveretrolo, un derivato fenolico responsabile di diverse proprietà terapeutiche: è in grado di svolgere attività antiossidante e cardioprotettiva. L'attività biologica del resveretrolo è supportata e potenziata dalla presenza da altri componenti presenti nel Polygonum cuspidatum : la emodina e la polidatina.

Proprietà del Resveratrolo

1) Attività cardioprotettiva:

2) Attività anti-infiammatoria


3) Prevenzione antitumorale:

  • Il resveretrolo contenuto nel Polygonum cuspidatum promuove la prevenzione svolgendo attività antineoplastica: esibisce un'azione antiossidante ed antimutagena.
  • Regola la mitogenesi: inibisce una specifica tirosin chinasi, enzima che interviene nella traduzione del segnale cellulare (azione antiproliferativa, inibitoria nella promozione e progressione tumorale).

Proprietà dell'Emodina

Il Polygonum cuspidatum è una fonte concentrata di emodina (è un derivato antrachinonico); per questo l'estratto della radice della pianta viene utilizzato come integratore nutrizionale per regolare la motilità intestinale.
L'emodina, contenuta nell'estratto di Polygonum cuspidatum , possiede un lieve effetto lassativo in dosi da 20 a 50 mg al giorno.
Oltre alle proprietà lassative, l'emodina svolge anche i seguenti effetti:

Proprietà della Polidatina

  • Inibisce l'aggregazione piastrinica
  • Protegge le cellule del miocardio dalla deplezione di ossigeno e glucosio

L'assunzione di Polygonum cuspidatum determina anche altri effetti:

Forma Farmaceutica

L'estratto secco della radice di Polygonum cuspidatum può essere utilizzato per la preparazione di capsule, compresse o sciroppi. La concentrazione di resveretrolo nell'estratto secco può variare dal 5% al 95%. L'impiego del solo estratto di Polygonum cuspidatum o la sua combinazione con altre componenti nutraceutiche, permette di ottenere preparati, destinati all'integrazione alimentare, potenzialmente molto efficaci.

Dosi di Assunzione

Non è stato individuato ad oggi un dosaggio d'impiego ideale per l'estratto di Polygonum cuspidatum , ma la quantità di assunzione quotidiana suggerita corrisponde a 25-200 mg (1-2 volte al giorno).

Controindicazioni ed Effetti collaterali

Non sono riportati dati relativi alla tossicità acuta per quanto riguarda l'assunzione di estratti di Polygonum cuspidatum . In alcuni casi, dosi elevate (2-5 grammi al giorno) hanno causato problemi intestinali transitori nell'uomo. Non sono note eventuali interazioni con farmaci.



Ultima modifica dell'articolo: 31/12/2015